Ecco i vincitori della Green&Blue Smart Marathon, la maratona di idee su digitale e sostenibilità

Cisco Italia brand new skills
Share

La “maratona di idee” ha il suo vincitore. Il primo premio della Green&Blue Smart Marathon – iniziativa lanciata da Cisco ItaliaOfficine Italia Codemotion, per richiamare l’attenzione sull’impatto positivo della tecnologia sulla società, l’economia e la sostenibilità – è andato a Imomoushi Probe: una sonda innovativa dotata di tecnologia Lidar, Upgs di precisione e AI, che individua e previene punti di rottura o falle nelle tubature e permette così monitoraggio costante e interventi mirati.

“Complimenti, di cuore, a Imomushi Probe, vincitore della nostra challenge, e un grande grazie a tutti coloro che hanno partecipato”, ha commentato Gianmatteo Manghi, amministratore delegato di Cisco Italia dallo scorso aprile. “Mi riempie di soddisfazione vedere così tanto impegno su un tema così importante come quello della sostenibilità. Sono orgoglioso che questa challenge abbia fatto emergere così tante idee interessanti, a testimonianza del fatto che i nostri giovani sono pieni di talento, sensibilità, creatività e voglia di fare, al contrario di quanto spesso si sente dire. Il nostro impegno deve essere quello di dare loro la possibilità di esprimersi e contribuire alla rinascita del nostro Paese, costruendo un futuro più sostenibile e inclusivo”.

Green&Blue Smart Marathon ha raccolto in tutto 15 progetti, con oltre 200 partecipanti. I vincitori sono stati annunciati durante Brand New Skills: Green&Blue Generation Summit, evento organizzato da Cisco Italia, nella cornice del Museo Nazionale della Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano. Di seguito il video dell’evento, in cui i padroni di casa – Gianmatteo Manghi e Fiorenzo Galli, direttore generale del museo – si sono confrontati con rappresentanti del mondo accademico, delle istituzioni e delle realtà imprenditoriali sul tema della sostenibilità.

Lo scopo della Green&Blue challenge era quello di raccogliere idee per soluzioni digitali in grado di accelerare la transizione ecologica. “Digitalizzazione e sostenibilità”, si legge in un comunicato di Cisco Italia, “sono infatti legati in maniera indissolubile per una trasformazione in larga scala dell’economia del Paese”.

I partecipanti hanno seguito un percorso durante il quale si sono confrontati con numerose grandi aziende italiane, già impegnate in progetti innovativi nell’ambito della sostenibilità. I quattro temi al centro di ogni progetto erano smart mobility, smart utility, smart building e smart citizen. Ciascuno rispondeva all’obiettivo della challenge: lo studio di nuove modalità di interazione tra uomo, ambiente e tecnologia, sfruttando l’Internet delle Cose.

Alle spalle di Imomoushi Probe, primo classificato, si è piazzato Ride&Reload, un hub-charger per ristoranti e bar che permette all’utente di ricaricare il monopattino mentre consuma. Il terzo posto è andato a Green Ocean, un progetto focalizzato sul miglioramento della qualità dell’aria, sulla semplificazione della vita lavorativa e su un sistema digitale di incentivazione green. Una menzione speciale è stata riservata ad Harte, una piattaforma che fornisce ai cittadini autenticati tramite Spid punti e badge in base alle loro condotte green.