Charlie Munger ignora l’inflazione e attacca le criptovalute: “Sono una follia di massa”

Charlie Munger e Warren Buffett
David Silverman – Getty Images
Share

Charlie Munger torna a parlare. E lo fa in una lunga intervista rilasciata al The Australian Financial Review, in cui tocca diversi punti: dalle strategie di investimento in casa Berkshire Hathaway, la società di investimento – di cui è vicepresidente – guidata dal suo amico di lunga data Warren Buffett fino ad arrivare al tema dell’inflazione, che continua ad attanagliare i mercati e le principali economie mondiali, e alle criptovalute, in preda al cosiddetto ‘crypto winter’. Asset, peraltro, che lo stesso Munger, che possiede un patrimonio di 2,2 miliardi di dollari secondo Forbes, non ha mai preso in considerazione. Definendolo a più riprese ‘veleno per topi’.

LEGGI ANCHE: “Warren Buffett: “Mancano idee di investimento”. E intanto la Berkshire Hathaway scommette sul petrolio”

Il pensiero e le strategie di investimento di Charlie Munger

Inflazione e prospettive economiche

Sulla costante crescita dell’inflazione, Charlie Munger al The Australian Financial Review è stato abbastanza chiaro. Definendola, in sintesi, un non reale problema. “Ne sono sempre consapevole, ma non mi impedisce di operare. Ho 98 anni e mezzo e ho visto molta inflazione”. Di conseguenza, aggiunge il braccio destro di Warren Buffett “intendo vivere attraverso l’inflazione. Ne ho vissute molte già nella mia lunga vita. Non mi scoraggia”. Ignorate con nonchalance anche le prospettive macroeconomiche. “Non ci preso molta attenzione”, ha detto. “Cerco solo di investire il capitale che ho nel miglior modo possibile e di prenderne i risultati. Colgo tutte le opportunità che posso e spero di ottenere la mia parte”.

Criptovalute

Da sempre chiaro oppositore degli investimenti in criptovalute, anche in questo caso Charlie Munger non le ha mandate a dire: “I venditori di bitcoin e di tutte le altre monete virtuali non sono affidabili. Inoltre, le valute digitali sono una follia di massa”, ha affermato il numero uno di Berkshire Hathaway, che successivamente ha aggiunto: “Penso che chiunque venda questa roba sia delirante o malvagio. Non toccherò le criptovalute, non mi interessa minare le valute nazionali del mondo”.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.