Centralità della persona, equità e trasparenza sono alcuni dei valori iscritti nel codice etico di Banca Etica, vera e propria carta costituzionale dell’istituto. Nel 2020 ha pubblicato il suo primo Report di Impatto, mentre lo scorso ottobre è stato premiato, al Salone della CSR e dell’innovazione sociale, il documento Report d’Impatto 2023 con cui Banca Etica – prima banca in Italia a farlo e tra le poche al mondo – rendiconta annualmente in modo trasparente tutti gli impatti sociali e ambientali, diretti e indiretti, dei propri asset e dell’attività di credito e finanziamento. Banca Etica è ancora l’unica banca in Italia che non investe nelle fossili, nelle armi, negli allevamenti intensivi ed è l’unica a dare credito esclusivamente a progetti ad impatto sociale e ambientale positivo. Banca Etica e la società di gestione del risparmio del gruppo, Etica sgr, misurano i propri impatti socio-ambientali in relazione agli Sdg. Etica sgr considera gli Sdg in almeno tre momenti fondamentali del business: responsabilità sociale d’impresa, report di impatto ed engagement.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it CLICCANDO QUI .

Forbes.it è anche su WhatsApp: puoi iscriverti al canale CLICCANDO QUI .

CONTATTI

Sede: via Niccolò Tommaseo, 7, 35131 Padova
Telefono: 0498771111

OBIETTIVI
Obiettivo 1
Obiettivo 8
Obiettivo 11
Obiettivo 13
Personaggi ed interpreti

Nazzareno Gabrielli è il direttore generale di Banca Etica. Nato a Rimini, classe 1963, dopo una lunga carriera nel settore bancario approda nel 2009 a Banca Etica ricoprendo prima il ruolo di Direttore d’Area Territoriale, poi Responsabile Innovazioni. Dal 2014 è stato vice direttore generale, dal 2021 è direttore generale. Anna Fasano, nata Udine nel 1974, è il presidente del consiglio. Nel 2010 viene eletta nel CdA, di cui ricopre il ruolo di vicepresidente dal 2013 al 2019 quando ne diventa presidente, incarico che gli è stato rinnovato nel 2022 per altri tre anni.

Il punto forte

Nel Report d’Impatto 2023 si pone attenzione particolare all’ambiente su cui si concentrano diversi finanziamenti. Nell’area “Agricoltura biologica e di prossimità” complessivamente Banca Etica ha erogato nuova finanza verso l’area per oltre 20 milioni di euro. Nell’area “Contrasto al cambiamento climatico” sono stati erogati finanziamenti per 70 milioni di euro a 83 organizzazioni e 377 persone che hanno usato il credito direttamente nel contrasto al cambiamento climatico, nel complesso il finanziamento dell’area ha raggiunto i 79 milioni di euro. Nella terza area “Economia circolare e tutela dell’ambiente” ha finanziato per 23,1 milioni di euro 87 organizzazioni che hanno usato il credito ricevuto per finanziare direttamente un’attività dell’area economia circolare e tutela dell’ambiente.

Contenuto precedente
Contenuto successivo