Sal de Riso

Share

Senz’altro visionario, ma con una cura maniacale della qualità dei prodotti e una continua voglia di innovare e rinnovarsi. Sono gli aspetti che hanno portato Salvatore de Riso (noto come Sal) a essere uno dei pasticceri più rinomati al mondo e simbolo della Costa di Amalfi. Nel 1988 aprì un piccolo laboratorio di dolci, nel 2000 sull’onda del successo ha aperto la pasticceria Sal de Riso e nel 2001 il secondo laboratorio a Tramonti. Tra i segreti c’è la capacità di essere pasticcere e imprenditore, nei suoi laboratori la qualità è alta perché è stata serializzata. Sal De Riso è un marchio di “stile di vita”, ma la produzione negli anni si è diversificata, non solo dolci ma anche liquori, marmellate, conserve, profumi e costumi da bagno. Nel laboratorio di Tramonti (1700 metri quadrati) lavorano 65 persone di cui 45 pasticceri, a cui aggiungere i 30 dipendenti nel punto vendita di Minori, l’altro punto vendita è a Roma. Grazie a una perfetta catena del freddo i suoi dolci arrivano in tutto il mondo come se fossero appena fatti, tra i suoi clienti c’è perfino il sultano di Doha.

CONTATTI

Via Santa Maria La Neve,
Tramonti (Sa)
Tel. 089 856446
Email: [email protected]

Personaggi ed interpreti

Salvatore de Riso e il faro del suo laboratorio dove lavorano 45 pasticceri. Ha iniziato da ragazzo, prendendo un locale accanto al bar Tabacchi del padre. Era il 1988, poi il grande salto a colpi di vere e proprie opere d’arte. Nel 2010 si è aggiudicato il titolo di “Pasticcere dell’anno 2010/2011” dell’Accademia dei maestri pasticceri, mentre nel 2016 ha ottenuto il riconoscimento mondiale World Pastry Stars dal congresso internazionale di alta pasticceria. Ha partecipato a trasmissioni tv come La Prova del Cuoco in Rai e di recente ha preso parte a Kitchen Soundsu Sky Uno.

Il punto forte

Difficile indicarne uno quando sei ambasciatore mondiale dei sapori di Amalfi. Sal de Riso si è fatto conoscere al pubblico con la sua prima produzione, il profitterol al limone, ma oggi produce un centinaio di dolci diversi. Senz’altro le sue due creazioni più conosciute al mondo sono il Dolce d’Amalfi e la Torta Ricotta e Pere, quest’ultima è stata perfino oggetto di una tesi universitaria. La Delizia al limone raggiunge una richiesta di 7mila porzioni a settimana mentre il boom di vendite di recente è per i panettoni (100mila circa a Natale) e colombe (45mila circa) a Pasqua.

Share
Contenuto precedente
Contenuto successivo