Virality

Share

Virality è la prima software e agenzia tecnologica di influncer marketing 100% made in Italy che permette a tutte le aziende di creare campagne di influencer marketing, ottimizzandone tempi e spesa in termini di budget assicurandosi di ottenere traffico e risultati in target. Il suo team gestisce le campagne in ogni fase e l’azienda cliente deve approvare solamente l’influencer e i contenuti. Tra i suoi clienti, rientrano tra gli altri Wineliver, Maker Faire Rome e Acea Energia. Virality ha ideato un omonimo software proprietario per consentire alle aziende di trovare gli influencer per le loro campagne e di monitorare i loro risultati su tutti i social media. Offre alle aziende tre piani flessibili: quello gratuito, quello starter da 99 euro al mese e quello premium personalizzato, dove il preventivo è personalizzato in base alle esigenze del cliente. Inoltre, Virality offre agli influencer il piano gratuito e quello premium, da 14,90 euro al mese.

CONTATTI

Via Isonzo 55/2
Casalecchio di Reno (Bo)
Email: [email protected]

Personaggi ed interpreti

Laureato in Scienze Statistiche all’Università di Bologna, Gianluca Bernardi ha iniziato sui banchi universitari a creare le sue prime esperienze imprenditoriali: Omega Brand Communication e The Lab. Nel 2017 ha fondato la media agency RocketMedia, specializzata in Instagram. Dal 2018 è ceo di Virality, e in aggiunta da ottobre 2020 è entrato a far parte della piattaforma di innovazione B2B Gellify come head of growth. Sempre grazie a Gellify ha partecipato alla creazione di un’iniziativa di venture building del quale è diventato partner, con lo scopo di lanciare nuove venture B2B.

Il punto forte

Attraverso la propria tecnologica proprietaria basata su algoritmi, Virality riesce a massimizzare l’efficacia delle campagne di influencer marketing, riducendo al tempo stesso il tempo di gestione delle stesse, permettendo l’automazione di molte fasi. L’attenta e dettagliata analisi degli influencer permette ai propri clienti l’attivazione di Influencer reali e in target, escludendo consapevolmente quelli con comportamenti sospetti, attraverso un approccio data driven.

Share
Contenuto precedente
Contenuto successivo