Seguici su
Trending 10 Gennaio, 2020 @ 1:17

Di quanti soldi hanno davvero bisogno Harry e Meghan per “diventare finanziariamente indipendenti”?

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Harry e Meghan Markle
Harry e Meghan Markle, duchi di Sussex, durante il loro ultimo viaggio in Sud Africa (Chris Jackson/Getty Images)

Articolo di Madeline Berg e Deniz Cam per Forbes.com

Esattamente come faranno il principe Harry e Meghan Markle a “diventare finanziariamente indipendenti”, come loro stessi hanno annunciato mercoledì di voler presto diventare, resta argomento da febbrile intrigo di palazzo sul quale la coppia serba il silenzio.

Ma una cosa è certa: rinunciando ai loro doveri, cadrebbe per la coppia il divieto – che vige per i membri “senior” della famiglia reale – di percepire redditi, aprendo così la strada per iniziare un vero lavoro. Quale potrebbe essere? E di quanto avrebbero bisogno i due per vivere mantenendo gli standard cui sono abituati?

Costi annuali: circa 3 milioni di dollari l’anno (esclusi interventi di ristrutturazione sugli immobili)

Sebbene sia difficile stabilire con precisione l’ammontare esatto di quanto il principe Harry e la duchessa Markle percepiscano ogni anno grazie agli svariati meccanismi reali – un loro portavoce non ha risposto alle domande sulle finanze della coppia -, il 95% del loro reddito annuale proviene dal principe Carlo, il padre di Harry, attraverso il Ducato di Cornovaglia. Proprietà che comprende 131 mila acri di immobili e più di 450 milioni di dollari in asset commerciali nel Regno Unito, il Ducato di Cornovaglia è stato, infatti, stabilito nel 1337 proprio per sostenere l’erede diretto al trono.

Secondo l’ultima relazione finanziaria, nell’anno fiscale che è terminato a marzo 2019, la proprietà ha fruttato 6,5 milioni di dollari (5,1 milioni di sterline) al duca e alla duchessa di Cambridge (il principe William e Kate Middleton) e al principe Harry e Meghan Markle. Un ammontare che non è cambiato molto dal 2018 al 2019 per i principi e le loro famiglie, anche se entrambe le relazioni sono antecedenti la nascita di Archie, il figlio dei duchi di Sussex. Ed è ipotizzabile che i due fratelli abbiano diviso a metà i proventi del Ducato (con William e Kate che, avendo tre figli, probabilmente percepiscono qualcosa di più). Questo importo non include i costi della sicurezza personale, che, come riportato, dovrebbe continuare ad assere garantita dalla Polizia Metropolitana e che la coppia si ritiene continuerà ad accettare.

Il duca e la duchessa di Sussex hanno reso noto, inoltre, che “non percepiranno più le entrate del Sovereign Grant”, che assicura loro il rimanente 5% del reddito e che è utilizzato per i doveri istituzionali. Il Sovereign Grant, che copre attività come tour mondiali, viaggi e appuntamenti istituzionali e assicura il mantenimento di case e uffici, proviene per circa il 25% dalle rendite del Crown Estate, il portfolio di investimenti controllato dalla monarchia – e non dalla famiglia reale o dal governo – del valore stimato tra gli 85,9 e i 112,2 milioni di sterline per l’anno fiscale 2020-2021 e che detiene proprietà in tutto il Regno Unito. Per esempio, Buckingham Palace, che non è di proprietà della Regina.

Tra il 2018 e il 2019, la coppia ha utilizzato le risorse provenienti dal Sovereign Grant per viaggiare nel mondo, dalle Fiji al Sud Africa, a motivo di impegni ufficiali connessi ad attività e business della corona. Anche se le relazioni annuali non specificano quanto abbiano inciso i viaggi dei duchi di Sussex sui costi totali, si sa che il loro viaggio alle Fiji e Toga è costato 105 mila dollari (81 mila sterline), secondo l’ultima relazione finanziaria del Sovereign Grant.

Anche se i costi di simili viaggi dovrebbero esaurirsi con la rinuncia ai loro doveri di reali, la coppia ha fatto sapere che intende comunque spendere metà del tempo nel Regno Unito e metà negli Stati Uniti, dunque, con nuove spese per gli spostamenti.

Alla luce di tutte queste informazioni possiamo dunque stimare, molto prudentemente, in 3 milioni di dollari l’ammontare complessivo di quanto Harry e Meghan percepiscono da Ducato e Sovereign Grant, ma sempre senza includere i costi della sicurezza.

E una simile cifra non include nemmeno il costo delle abitazioni e delle ristrutturazioni immobiliari. L’anno scorso il Sovereign Grant ha coperto spese per 3,12 milioni di dollari (2,4 milioni di sterline) per la ristrutturazione del Frogmore Cottage, la casa di Windsor con quattro stanze più nursery dove abita la coppia quando si trova in Inghilterra. Le spese di manutenzione sono cominciate prima che la coppia decidesse di risiedervi e sono state garantite dalla regina, nell’ambito degli impegni esistenti per il mantenimento e la manutenzione degli edifici storici, mentre la coppia ha pagato di tasca propria per i mobili e l’arredo. E anche se la casa è di proprietà della Regina, la coppia prevede di continuare a utilizzarla come residenza ufficiale quando si troverà nel Regno Unito, dunque con un minor affitto da pagare. Sebbene non abbiano ancora reciso i loro legami col Ducato, sembra che Harry e Meghan siano intenzionati a voler rinunciare comunque anche a quei soldi in futuro. Fatto che apre la domanda circa come, precisamente, abbiano intenzione di pianificare il guadagno dei milioni che il loro stile di vita richiede.

Che lavoro può fare un reale? Televisione, libri, discorsi o contenuti sponsorizzati

Qualche soldo di disporre i due coniugi l’hanno pur messo da parte: Forbes stima che, grazie ai suoi sette anni sul set del tv drama Suits, Markle abbia un patrimonio di 2,2 milioni di dollari. Anche il principe Harry ha delle ricchezze proprie da quando, insieme al fratello, ha ricevuto l’eredità della principessa Diana dopo la sua morte nel 1997, circa 31,5 milioni di dollari.

Probabile che i due seguiranno le orme di altri reali, come le cugine di Harry, la principessa Beatrice e la principessa Eugenie, che percepiscono redditi da lavoro veri (la prima lavora infatti nella finanza, la seconda in una galleria d’arte). Sebbene non siano stati fatti annunci su come esattamente la coppia abbia intenzione di fare soldi, un’opzione potrebbe essere iniziare a lavorare nei settori dell’intrattenimento e dei media.

Markle in realtà ha detto che avrebbe rinunciato a recitare per sempre quando è entrata a far parte della royal family; forse questa però è l’occasione giusta per cambiare idea. Secondo la stima di Forbes, al vertice della sua carriera di attrice, Meghan guadagnava 85 mila dollari per episodio con Suits, un valore che potrebbe anche lievitare in virtù del suo status di reale qualora decidesse di fare ritorno sullo schermo.

Ma potrebbe anche essere che la coppia decida di entrare nel circuito delle conferenze e della produzione di libri. Relatori di alto livello come l’ex presidente Bill Clinton e la first lady Hilary Clinton possono guadagnare fino a sei volte più di chiunque altro per interventi in contesti quali aziende o università, mentre celebrità di serie B, come Nicole “Snooki” Polizzi di Jersey Shore, all’apice della notorietà, possono arrivare a chiedere fino a 32 mila dollari per discorso.

Un libro di successo potrebbe potenzialmente far guadagnare alla coppia ancora di più. Anticipi a sette cifre sono la norma per celebrità del calibro di Amy Schumer o politici come Elizabeth Warren, con alcuni autori di profilo più alto che arrivano a guadagnare anche di più. Nel 2017 l’ex presidente Barack Obama e la first lady Michelle hanno firmato un accordo record da 65 milioni di dollari con Penguin Random House, mentre Hillary Clinton ha chiuso un anticipo da 14 milioni di dollari per Hard Choices nel 2014 e Bruce Springsteen ha guadagnato 10 milioni di dollari con Born to Run nel 2016.

C’è anche chi ipotizza che la coppia, che non fa segreto di prediligere i nuovi media e le modalità di comunicazione diretta con i fan, potrebbe lanciare un podcast con cui guadagnare. L’anno scorso l’investimento pubblicitario in podcast ha raggiunto la cifra complessiva di 680 milioni di dollari, secondo un report PwC, un numero che ci si aspetta possa raggiungere il miliardo entro il prossimo anno.

Qualora, invece, dovessero optare per l’improbabile ipotesi di seguire i passi della famiglia reale Calabasas, il duca e la duchessa di Sussex potrebbero anche decidere di far fruttare il proprio account Instagram da 10,4 milioni di follower con contenuti sponsorizzati. Celebrità come Kim Kardashian West e la sua sorellastra Kylie Jenner guadagnano fino a 500mila dollari con un singolo contenuto postato sui social.

Ovviamente nulla ancora si sa dei dettagli relativi al futuro della coppia e di come intendono assicurarsi dei proventi; è un tema in divenire, come peraltro ha chiarito un secco comunicato di Bunckingham Palace. Ma la scelta delle parole con cui il principe Harry e Markle hanno comunicato la loro decisione non lascia dubbi sulla loro intenzione di procedere verso l’indipendenza finanziaria secondo i tempi che riterranno più opportuni. Una cosa è certa: difficilmente il duca e la duchessa di Sussex patiranno mai sofferenze per questioni economiche.

Cultura 21 Novembre, 2019 @ 11:43

Perché Meghan Markle è diventata la celebrity più influente nella moda

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Primo piano di Meghan Markle
Meghan Markle (Chris Jackson/Chris Jackson/Getty Images)

Qualche anno fa, all’inizio della sua relazione con il principe Harry, Meghan Markle era già famosa nel fashion system per un dettaglio di stile presto diventato tendenza: la pencil skirt (gonna a matita, ndr). Ma il culmine del cosiddetto effetto “duchessa del Sussex”, Meghan lo ha raggiunto quando la scorsa estate ha deciso di indossare in occasione di una partita di polo un abito in stile safari disegnato da Lisa Marie Fernandez: linee morbide, scollo a “V”, maniche corte e leggero spacco laterale.  Il risultato? In meno di 24 ore l’abito era andato sold out sulla piattaforma del marchio. Ed ecco che arriviamo al dunque: secondo la recente ricerca di Lyst, Year in Fashion 2019, Meghan Markle è stata la celebrity più influente nel mondo della moda per il 2019, superando persino Chiara Ferragni, e i suoi outfit hanno registrato in media un aumento del 216% delle ricerche di articoli simili a quelli da lei indossati. Certo, resta il fatto che per Forbes, l’imprenditrice italiana, sbarcata su Amazon Prime con il suo documentario Unposted, detiene ancora la corona di migliore influencer al mondo (la rivista americana l’aveva incoronata nel 2017).

Dopo la sua apparizione con cinque abiti chemisier diversi durante il royal tour in Sudafrica, l’interesse verso questa tipologia di abito è cresciuto ad esempio del 45% nell’arco di un mese. Non è tutto: l’abito Club Monaco ha registrato il sold out in meno di 24 ore in seguito a un aumento delle sue ricerche del 570% mentre una gonna J Crew indossata dalla duchessa ha scatenato un incremento delle ricerche del brand del 102%. E non dimentichiamoci che, è sempre merito di Meghan, e della popolarità di cui ha goduto negli ultimi due anni, se marchi fino allora poco conosciuti al grande pubblico come Anya Hindmarch hanno guadagnato una grande visibilità.

La questione, è che al di là dell’indubbia fama di Meghan, ogni volta che la duchessa indossa un qualsivoglia outfit, tutte le più autorevoli riviste di moda sono pronte a definire quel capo un trend: effetto domino assicurato. Insieme a Meghan, tra le altre celebrità le cui scelte di stile hanno segnato i maggiori aumenti nel numero di ricerche, vendite, notizie e menzioni sui social negli ultimi 12 mesi secondo Lyst ci sono anche Timothée Chalamet, che con la sua felpa con cappuccio di paillettes, indossata alla première della pellicola “The King” nel Regno Unito, ha scatenato un aumento delle ricerche di felpe da uomo con cappuccio del 192%, Zendaya (quando si è presentata sul red carpet del Met Gala con un abito illuminato in stile Cenerentola firmato Tommy Hilfiger il suo look ha scatenato un aumento delle ricerche del brand del 54%), e Kylie Jenner che dopo aver indossato un vestitino milkmaid a fiori in agosto, ne ha incrementato l’interesse del 66%.

Style 13 Settembre, 2019 @ 12:12

Meghan Markle diventa stilista per beneficenza

di Roberta Maddalena

Staff writer, Forbes.it

Scrivo di moda, viaggi, arte e nuove tendenze.Leggi di più dell'autore
chiudi
Henry, duca di Sussex, insieme a Meghan Markle. (Photo by Samir Hussein/Samir Hussein/WireImage)

Solo quattro mesi dopo l’arrivo del figlio Archie, e Meghan Markle è già pronta per nuovi impegni pubblici. Un impegno, che si vociferava già dall’estate, confermato proprio ieri attraverso la pagina Instagram del duca e della duchessa di Sussex. Si tratta del lancio di una capsule collection di abiti formali, disegnati dall’ex attrice a quattro mani con la stilista Misha Nonoo, che avrà l’obiettivo di sostenere Smart Works, organizzazione benefica  inglese che fornisce abiti a donne disoccupate che devono sostenere un colloquio di lavoro. E infatti, il nome scelto per la mini collezione di capi, già disponibili all’acquisto online presso i retailer britannici Marks & Spencer, John Lewis e Jigsaw, è proprio The Smart Set ovvero “combinazione (di capi) intelligente”: cinque pezzi dallo stile pratico ed essenziale, volutamente minimal, tra cui un abito a trapezio e una tote bag in pelle a prezzi decisamente accessibili.

@sussexroyal Instagram

A spiegare il motivo di questo impegno sociale è la stessa Meghan in una nota diffusa da Smart Works: “Da quando mi sono trasferita nel Regno Unito, è stato estremamente importante per me incontrare le comunità e le organizzazioni sul campo cercando di sostenerne l’operato. Quando acquisti un oggetto della collezione  Smart Set, lo stesso oggetto verrà dato a un cliente di Smart Works e, questo darà la giusta sicurezza e il supporto di cui ha bisogno una persona in difficoltà per entrare nel mondo del lavoro e fare un passo importante nella costruzione di una carriera”.

Stesso discorso che la duchessa ha tenuto in Oxford Street, a Londra, indossando due capi della sua linea e un paio di orecchini a farfalla e un braccialetto appartenuti alla principessa Diana. Intanto, tra meno di due settimane Harry e Meghan partiranno alla volta dell’Africa meridionale per parlare di diritti delle donne, salute mentale, lotta all’HIV/AIDS e rispetto dell’ambiente.