Non solo Buffett, chi sono i 10 guru della finanza più ricchi del mondo

Warren Buffett miliardari filantropi
Warren Buffett (Steve Pope/Getty Images
Share
Warren Buffett ha un patrimonio stimato di $ 82,5 miliardi. (Steve Pope/Getty Images

 

Sebbene nella classifica Forbes Billionaires 2019 Warren Buffett ($ 82,5 miliardi) sia “solo” in terza posizione dietro a Jeff Bezos e Bill Gates, l’oracolo di Omaha è in prima posizione considerando le persone più ricche del mondo in ambito finanziario. Non poteva essere altrimenti visto che Buffett, a capo della Berkshire Hathaway, è considerato uno degli investitori di maggior successo di tutti i tempi. Ha inoltre promesso di dare in beneficenza oltre il 99% della sua fortuna. Nel 2018 ha donato $ 3,4 miliardi, in gran parte alla fondazione degli amici Bill e Melinda Gates.

LEGGI ANCHE: 3 grandi insegnamenti dalla lettera agli azionisti di Warren Buffett

Warren Buffett è in buona compagnia nonostante il primato del suo patrimonio stimato sia quasi inavvicinabile per gli altri “signori della finanza”. In seconda posizione c’è il banchiere più ricco del mondo Joseph Safra ($ 25,2 miliardi), discendente di una famiglia di banchieri della Siria. In Brasile è proprietario del Banco Safra, l’ottava banca più grande del Paese, mentre in Svizzera è titolare di J. Safra Sarasin, una banca nata nel 2013. Possiede inoltre il 50% del produttore di banane Chiquita Brands International.

Sul gradino più basso del podio James Simons ($ 21,5 miliardi), fondatore di Renaissance Technologies, una leggendaria società di hedge fund che gestisce $ 57 miliardi. Ha fondato Renaissance Technologies nel 1982 e si è ritirato nel 2010, ma ha ancora un ruolo in Renaissance e beneficia dei suoi fondi.

Quarto posto per Rubi Hartono ($ 18,6 miliardi) che insieme a suo fratello Michael sono le persone più ricche dell’Indonesia. I fratelli ottengono più dei due terzi della loro fortuna dal loro investimento nella Bank Central Asia. Con suo fratello, possiede anche il popolare marchio di elettronica Polytron e una partecipazione nella startup di giochi Razer.

Ray Dalio ha fondato l’hedge fund più grande al mondo Bridgewater Associates. (Larry Busacca/Getty Images for The New York Times)

La quinta posizione non ha bisogno di presentazioni: Ray Dalio con $ 18,4 miliardi di patrimonio ha fondato la più grande società di hedge fund al mondo la Bridgewater Associates, che gestisce $ 160 miliardi. Dietro di lui, ma non meno famoso, Carl Icahn ($ 17,4 miliardi), uno degli investitori di maggior successo di Wall Street.

LEGGI ANCHE: Una giovane donna ai vertici del più grande hedge fund del mondo

In settima posizione Thomas Peterffy ($ 17,1 miliardi), pioniere del trading online e ceo di Interactive Brokers, fondata da lui nel 1993. In ottava la donna più ricca del mondo della finanza, Abigail Johnson ($ 15,6 miliardi), ceo dal 2014 di Fidelity Investments, società di investimento dal nonno Edward Johnson II nel 2016. Abigail detiene una quota stimata del 24,5% della società, che ha quasi $ 2,5 trilioni di asset in gestione. Nell’ultimo anno Johnson si è avvicinata al settore delle criptovalute e Fidelity ha lanciato una piattaforma che consente agli investitori istituzionali di scambiare bitcoin e ether.

Stephen Schwarzman è. il ceo di Blackstone. (John Moore/Getty Images)

In nona posizione l’uomo più ricco della Repubblica Ceca, Petr Kellner ($ 15,5 miliardi) che ha creato una sua holding con sede a Praga la PPF Group a inizio degli anni 90. In decima posizione Stephen Schwarzman ($ 13,2 miliardi), che fondò insieme al collega Peter Peterson il colosso del private equity Blackstone (con $ 439 miliardi in asset) nel 1985.

Unico italiano in questa speciale classifica, ma fuori dalla top ten, il presidente di Banca Mediolanum Ennio Doris con un patrimonio stimato di $ 2,5 miliardi, che insieme a Massimo Doris sono stati protagonisti della copertina di dicembre 2018 di Forbes Italia.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nosta newsletter!

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.