Seguici su
Leader 17 luglio, 2019 @ 9:58

Eleonora Rocca racconta la sua creatura: i Digital Innovation Days

di Daniel Settembre

Staff writer, Forbes.it

Mi occupo dei ranking e del progetto Under 30.Leggi di più dell'autore
Giornalista di Blue Financial Communication, dove cura contenuti per i prodotti editoriali del gruppo Bluerating, Private e Forbes Italia. Con un passato alla redazione televisiva di Class CNBC, è cresciuto professionalmente scrivendo di finanza, asset management, fintech e consulenza finanziaria. Appassionato di cinema, noiosi romanzi classici e videogames, è anche consulente editoriale. chiudi
Eleonora Rocca, fondatrice e cmo del Digital Innovation Days Italy.

Innovazione, internazionalità, storie di successo raccontate dai migliori professionisti del mondo digital. E ancora: workshop, panel, networking e divertimento. L’appuntamento con i Digital Innovation Days Italy al Talent Garden di Milano è soltanto tra qualche mese – il 17, 18 e 19 ottobre 2019 -, eppure fervono già i preparativi.

L’evento è da anni uno dei più attesi e seguiti d’Italia in ambito digital marketing, e in questa sesta edizione lo sarà ancora di più grazie a case study uniche presentate da aziende e agenzie tra le più celebri in Italia e nel resto del mondo e molte altre sorprese alle quali il team organizzativo sta lavorando per rendere anche questa edizione, una delle migliori di sempre.

Eleonora Rocca al Digital Innovation Days Italy dell’anno scorso.

“Come sempre sarà una tre giorni ricchissima di contenuto”, anticipa a Forbes Eleonora Rocca, fondatrice & cmo del Digital Innovation Days Italy. Le aziende presenti sono infatti di altissimo livello: Luxottica, American Express, Barilla, Moleskine, Snapchat, Facebook, Unilever, Enel, Discovery Channel, Leroy Merlin, Conde Nast, Ernst and Young, Intesa, IBM, Gruppo Armando Testa, Glovo e molte altre, porteranno sul palco i loro manager più creativi. Agli speech si alterneranno interviste a personalità influenti come Andrea Galeazzi e Riccardo Pozzoli e molti saranno i contributi di relatori in arrivo dall’estero. “San Francisco, Londra, Singapore, New York, Parigi: sono solo alcune delle città dalle quali partiranno i nostri relatori per venire a raccontare case study di successo e strategie globali. Si parlerà di strategie digitali, ma anche di blockchain, Growth hacking, Seo, Virtual Reality & Augmented Reality, Digital Health Open Innovation fino ad arrivare alla digital in ambito pubblica amministrazione”.

L’idea della manifestazione è venuta nel 2014 a Eleonora, che aveva voglia di creare qualcosa di significativo per l’Italia. “Da professionista del marketing digitale che vive e lavora all’estero da anni, facevo fatica a trovare un evento italiano che avesse del contenuto di valore, di respiro internazionale e che fosse di conseguenza in grado di fornirmi degli spunti diversi dal solito per poter creare delle strategie di marketing d’impatto nel mio lavoro di tutti i giorni”.

Ai tempi Eleonora – laureata in Giurisprudenza con un Master in Marketing e Comunicazione presso la Business School del Sole 24 Ore e specializzata in Evolution Marketing e Social Media allo IED di Milano – organizzava eventi legati al mondo della moda, qualcosa di completamente diverso. “Mashable, uno dei magazine online più popolari al mondo, mi chiese se volessi dare vita alla versione italiana del Mashable Social Media Day (quello che appunto oggi si è trasformato in #DIDAYSIT) e, come dicono a Londra, ‘long story short’: un evento gratuito, di un solo giorno, a cui parteciparono 150 persone, verticale sul mondo del social media marketing”. In poco tempo l’idea si è trasformata in un’impresa, in una delle tre giorni più attese d’Italia da tutti i professionisti del digitale, in grado di abbracciare il mondo dell’innovazione a 360 gradi. “Insomma, in un sacco di cose che mai avrei immaginato”, dice Eleonora.

Una bella sorpresa arrivata quasi per caso nella vita professionale di Eleonora. “Ho lavorato sia per grandi multinazionali come Microsoft, Hewlett Packard , Roberto Cavalli, Kingston Technology per citarne alcune, sia per aziende di medio taglio e startup, ricoprendo ruoli manageriali in ambito sales e marketing. La mia carriera in ambito digitale arriva quasi per caso e in parallelo a tutto questo, nel 2012, quando decisi di aprire un blog di moda e lifestyle, che già da subito ebbe molto seguito”.

Oltre a Digital Innovation Days, Eleonora è impegnata a Londra come International marketing manager per un’azienda dal nome My Market Insight, specializzata in ambito data driven strategy nel settore beauty. “Sono proprietaria anche di alcune stock option della società. L’obiettivo della mia assunzione, a seguito di un round d’investimento avvenuto a novembre 2018 è stato proprio quello di creare una strategia di internazionalizzazione, di costituire il ‘mio’ team marketing e di formare a tutti gli effetti un progetto imprenditoriale di espansione seppur all’interno di un contesto aziendale”.

Il video ufficiale dell’edizione 2018 del #DIDAYSIT

Eleonora – che dal 2014 lavora anche regolarmente come consulente di digital marketing, guest lecturer, docente e speaker presso diverse realtà nazionali e internazionali tra le quali l’Università Bocconi, Il Sole 24 Ore, Tim e Maserati – ha anche una precisa idea di futuro. “Innovare per me significa mettersi in gioco sempre, ogni giorno, non aver paura del cambiamento ma considerare qualunque momento di cambiamento come un’opportunità importante per testare, reinventarsi e soprattutto creare nuove strategie, nuovi schemi, nuove procedure”. E nel digital le parole d’ordine saranno: personalizzazione, automazione, tecnologia di ultima generazione, autenticità e soprattutto relazione. “Non ci si può esimere dal prendersi cura dei propri clienti ogni giorno, creando relazioni e connessioni che grazie ai social diventano relazioni proficue e durature nel tempo”.

Una visione e un entusiasmo che sono ingredienti necessari, soprattutto in un contesto come quello italiano, che arranca rispetto ad altre realtà. “All’Italia mancano i fondi, manca l’ecosistema, manca la capacità di fare execution in maniera eccellente, manca la cultura della collaborazione, manca la positività nell’affrontare i fallimenti, manca la voglia di rischiare: tutti ingredienti fondamentali per avere successo nell’era digitale. Per essere al passo con i tempi bisogna investire nell’acquisto e nell’applicazione delle nuove tecnologie, bisogna imparare cose nuove ogni giorno, bisogna essere estremamente veloci nell’adattarsi ai nuovi trend, tutte caratteristiche che purtroppo a mio avviso si fa fatica a trovare nel nostro paese”.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!