Seguici su
Leader 14 Febbraio, 2020 @ 9:09

Il miliardario tech Jon Oringer lascia la carica di ceo in Shutterstock

di Daniel Settembre

Staff writer, Forbes.it

Coordinatore di Forbes ItaliaLeggi di più dell'autore
chiudi
Jon Oringer ha fondato Shutterstock nel 2003. (Shutterstock)

Dopo 16 anni Jon Oringer, fondatore di Shutterstock, lascerà la carica di ceo della società che vende immagini stock, foto editoriali, musica e video al ritmo di sei download al secondo. Lo ha annunciato in una nota, specificando che Stan Pavlovsky, attuale presidente e coo prenderà il suo posto a partire dal 1° aprile 2020. Oringer, che possiede il 45% di Shutterstock, sarà presidente esecutivo e continuerà a essere coinvolto nella strategia aziendale, tra cui pianificazione annuale, fusioni e acquisizioni, allocazione di capitale, e altre strategie.

Oggi Shutterstock ha una capitalizzazione di mercato di $ 1,5 miliardi e circa 1.200 dipendenti. Negli ultimi anni ha visto una crescita dei ricavi significativa, espandendosi da poco meno di $ 500 milioni nel 2016 a $ 623 milioni nel 2018. Eppure Oringer fondò l’azienda nel 2003 quasi per caso, con appena 10mila dollari di partenza, diventando dopo 10 anni il primo miliardario tech di New York.

Jon Oringer lascia la carica di ceo di Shutterstock. Nel 2017 Forbes stimava il suo patrimonio netto a 1 miliardo di dollari. (Shutterstock)

Da imprenditore seriale attento al progresso tecnologico– avendo creato uno dei primi pop-up blocker al mondo alla fine degli ’90 –, notò che le mail ottenevano più clic quando includevano le immagini. Ma le foto di stock erano troppo costose per essere usate dagli inserzionisti. Così comprò una macchina fotografica, scattò circa 30mila foto e aprì un sito web che le vendeva a buon mercato. Quando gli utenti iniziarono a scaricare le sue foto più velocemente di quanto lui stesso potesse caricarne, decise di assumere collaboratori per scattare più foto.

La società sbarcò in Borsa nel 2012 con una capitalizzazione di mercato di circa $ 500 milioni. In meno di due anni, le azioni salirono del 600% a una valutazione di $ 3,5 miliardi e fecero di Oringer – che possedeva il 50% della società – il primo miliardario della tecnologia di New York. Nel 2014 Forbes stimava che il suo patrimonio netto fosse di 1,4 miliardi di dollari, poi nel 2015 scese a 1 miliardo, e infine nel 2018 uscì dalla classifica dei più ricchi del pianeta.

Recentemente, Shutterstock sta risentendo della concorrenza di Getty Images e Adobe. E l’annuncio delle sue dimissioni arrivano a un giorno dalla pubblicazione della trimestrale che ha registrato un aumento del 4% delle entrate complessive, ma un calo del 63% dell’utile netto. Risultati non eccellenti che riflettono il trend degli ultimi anni. Dal 2015 la capitalizzazione di mercato è fissa tra 1 e 2 miliardi di dollari. Non resta che aspettare se il cambio di timone porterà dei benefici per il futuro dell’azienda.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!