Seguici su
Leader 14 Agosto, 2020 @ 3:48

La Silicon Valley di Joseph DeSimone, il padre della nuova stampa 3D

di Alessandra Mattanza

Contributor

Leggi di più dell'autore
chiudi
Joseph DeSimone (Courtesy: Carbon)

Joseph M. DeSimone, co-fondatore nel 2013 di Carbon, ha trasformato l’azienda da un piccolo gruppo di scienziati e ingegneri in un’azienda globale di 400 impiegati, con un valore di oltre 2,5 miliardi e adesso sta definendo la rivoluzione digitale nella produzione industriale. Cresciuto a Filadelfia, dopo aver studiato chimica, è stato professore all’Università della Nord Carolina per oltre vent’anni. Appassionato fin da ragazzo di chimica e di tecnologia, ha attuato importanti sviluppi nel settore medico e della nanotecnologia, co-fondando altre imprese basate sulle sue ricerche scientifiche. Le ha applicate nella stampa 3D, per co-inventare il nucleo della tecnologia che ora guida la piattaforma di produzione digitale del carbonio.

Alimentata dalla tecnologia Digital Light SynthesisTM (DLSTM), la piattaforma Carbon consente alle aziende di liberarsi dai tradizionali metodi di produzione dei polimeri per far avanzare l’innovazione di prodotto in numerosi settori. Sotto la guida di Joe, l’azienda ha aperto la strada al primo modello di business in abbonamento al mondo per la produzione di hardware, che fornisce a Carbon una visibilità senza precedenti sui ricavi futuri, promuove forti collaborazioni con i clienti e consente ai clienti di essere a prova di obsolescenza.

Joe è stato anche riconosciuto come vincitore dell’EY Entrepreneur of the Year National Overall 2019. Nel 2016 il Presidente Obama gli aveva conferito la National Medal of Technology and Innovation.  Di recente si è impegnato in nuove strategie di stampa 3D, tra cui l’applicazione delle tecnologie di fabbricazione litografica per la progettazione e la sintesi di nuovi medicinali e vaccini.

Dove vede il futuro oggi?

I temi principali che riguarderanno il futuro e che sto guidando al momento nel contesto della produzione digitale di polimeri includono: sostenibilità, trasformazione digitale e produzione nella catena di approvvigionamento e prodotti sanitari accessibili.

Qual è la cosa più difficile per una start up adesso? Quali sono i segreti per convincere investitori a investire in tempi tanto duri?

Le difficoltà cambiano, così come il grado di difficoltà per un’azienda che costruisce e attraversa fasi diverse. All’inizio è fondamentale avere un’idea grandiosa, differenziata e avvincente, che sia protettiva della proprietà intellettuale. E a causa della natura dei brevetti, i primi 18 mesi sono il momento più rischioso per un’azienda perché la tua domanda di brevetto è in fase di revisione e non è ancora di dominio pubblico, e nemmeno le idee dei tuoi potenziali concorrenti sono ancora di dominio pubblico. Quindi, a quel punto, stai volando alla cieca, perché non sai se hai “battuto” gli altri con la tua idea innovativa. Penso che questo sia il motivo per cui i venture capital e gli angel investor meritano i multipli che possono ottenere, perché è il momento più rischioso per un’azienda. Inoltre, adesso più di prima, è importante costruire un grande team, in grado di costruire un ottimo prodotto e che abbia la capacità di capire il prodotto. E, fondamentale è poter raccontare la storia ai tuoi investitori, soprattutto quando la tecnologia è complessa.

Come viene ispirato per avere un’idea o trovare la soluzione a un problema?

Penso che la mia educazione nelle arti liberali mi aiuti immensamente ad essere efficace nell’”ideazione”. Essere in grado di “vedere” le connessioni tra idee spesso disparate deriva dall’avere gli strumenti per l’analisi quantitativa, la contestualizzazione storica, la comprensione delle implicazioni e l’etica della società, la comprensione dell’estetica e della bellezza per aiutare con il design e il branding e, soprattutto, l’essere in grado di scrivere in modo efficace.

Quali persone l’hanno influenzata?

Sono generalmente ispirato da persone creative, da idee creative in tutte le aree, da persone che sono forti e gentili, da persone che si battono per ciò che è giusto, specialmente quando non è facile. Sono ispirato da mia moglie Suzanne e dai miei figli, che sono stati un vento costante nelle mie vele per il supporto e la partecipazione in quello che faccio. E, non avrei mai potuto immaginare di essere stato premiato e ringraziato dal Presidente Obama per il servizio reso alla mia nazione. La sua presidenza ha avuto le sue sfide, ma ha guidato con grazia, umiltà, gentilezza e forza. E’ stata davvero una fonte di ispirazione per me.

Come ha deciso di fondare Carbon?

Come scienziato polimerico, ero affascinato dalla stampa 3D, ma ero perplesso dalla mancanza di progressi nello sviluppo della tecnologia. C’erano così tante possibilità, ma era necessaria una svolta tecnologica affinché la stampa 3D fosse rilevante per la produzione reale. Pensavo anche che fosse necessaria una soluzione completa, che avrebbe comportato progressi su tre fonti: hardware, software e scienza dei materiali. Con i miei colleghi abbiamo co-inventato la tecnologia che ora è alla base della piattaforma di produzione digitale Carbon. Risolve i tre principali inconvenienti della stampa 3D tradizionale: la sua lentezza; il suo approccio stratificato che dà origine a proprietà che dipendevano dall’orientamento della stampa, che è un problema di progettazione; i materiali necessari per i prodotti finiti che non potevano essere stampati in 3D con approcci convenzionali. Poiché siamo stati in grado di affrontare tutte e tre queste sfide principali, potremmo quindi perseguire la stampa 3D come una vera tecnologia di produzione: è quello che stiamo facendo ora con la tecnologia Carbon Digital Light SynthesisTM.

Come crede che Carbon sia diversa e più innovativa di altre aziende?

Ci siamo differenziati in più modi da altre aziende manifatturiere additive. Ci siamo uniti ai fondamenti della scienza e dell’ingegneria, della tecnologia profonda, con una tecnologia più “convenzionale” dal mondo di Internet per alimentare le nostre soluzioni. Abbiamo il primo esempio in assoluto di un modello di abbonamento per un componente hardware di produzione. Questo futuro protegge i nostri clienti dall’obsolescenza e favorisce l’allineamento con il successo di stampa dei nostri clienti. Non è una vendita transazionale, è una partnership. Forniamo un approccio olistico che include hardware, software e scienza dei materiali, che ci consente di lavorare a stretto contatto con i nostri clienti, mentre creiamo un approccio di piattaforma per la creazione di innovazioni di prodotto da parte dei nostri clienti. Abbiamo portato un esprit de corps da una carriera accademica nella Silicon Valley che guida diversi elementi: la nostra enfasi sulla diversità come principio fondamentale dell’innovazione; la nostra convinzione nel perseguire i valori e gli obiettivi della sostenibilità sin dall’inizio della nostra attività – per esempio, abbiamo lanciato resine che utilizzano materie prime agricole anziché materie prime a base di combustibili fossili e le nostre successive resine ad alto volume saranno riciclabili – ; la nostra consapevolezza nelle implicazioni sociali della nostra tecnologia – ad esempio abbiamo vietato l’uso della nostra tecnologia per fabbricare armi e nessun altro nel mondo della stampa 3D lo ha fatto. Il nostro modello di business in abbonamento ci consente di scegliere con chi fare affari o meno.

Lei ha origini italiane. Si sente ancora legato all’Italia?

Mi sento particolarmente vicino all’Italia in questo momento tanto difficile. Mio padre è nato in Italia ed è venuto negli Stati Uniti quando aveva nove anni, subito dopo la Seconda Guerra Mondiale. Mia madre non è italiana, quindi non siamo cresciuti in una famiglia dominata dalla lingua italiana, come hanno fatto i miei cugini che avevano entrambi i genitori nati in Italia. Sono cresciuto affascinato dalla gamma e dall’ingegno di Leonardo Da Vinci. E sono stato diverse volte in Italia… Ho insegnato un breve corso di chimica verde a Venezia per un paio di settimane negli anni ’90. Con Carbon LOVE supportiamo il settore manifatturiero in Italia, in particolare con Lamborghini e le biciclette Selle Royal.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!