Dentro “The Firm”: ecco come funziona la macchina da soldi da 28 miliardi di dollari della famiglia reale

Share

Articolo apparso su Forbes scritto da Ariel Shapiro e Deniz Çam

Dopo l’intervista del principe Harry e di Meghan Markle con Oprah Winfrey, “The Firm” (traducibile in italiano come “la Ditta”) si trova su un terreno instabile. I membri più anziani di casa Windsor avrebbero dovuto aspettarsi delle conseguenze simili. “Non so come potrebbero aspettarsi, dopo tutto questo tempo, che stessimo in silenzio davanti al ruolo di primo piano che ‘la Ditta’ ha nel perpetrare falsità su di noi”, ha detto Markle nell’intervista.

Il minaccioso soprannome risale a più di 80 anni fa, al periodo successivo all’episodio più controverso della storia moderna della famiglia reale: l’abdicazione di Edoardo VIII nel 1936. Fu attribuito a Giorgio VI, padre della regina Elisabetta II, che prese il posto del fratello più anziano, e al marito della regina, il principe Filippo.  Di “The Firm”, noto anche come “Monarchy Plc”, fanno parte i personaggi pubblici di un impero da 28 miliardi di dollari che pompa ogni anno centinaia di milioni di sterline nell’economia del Regno Unito. I sontuosi matrimoni televisivi (la spinta all’economia britannica derivante dal matrimonio di Harry e Meghan è stata stimata in 1,5 miliardi di dollari), i tour nei paesi del Commonwealth e le manifestazioni pubbliche sono circostanze che generano un enorme interesse e immensi profitti per una vera e propria impresa commerciale globale che spazia dal primo immobile nel centro di Londra fino ai remoti terreni agricoli della Scozia.

La saga della famiglia reale è stata vantaggiosa anche per i media britannici. Nell’intervista a Oprah, Markle ha parlato del “contratto invisibile” con i tabloid, descrivendo tale relazione come allo stesso tempo simbiotica, sicofante e sinistra. È stato ottimo anche per le vendite in edicola e le apparizioni in tv. Tre anni fa Brand Finance, una società di valutazione del marchio con sede nel Regno Unito, ha stimato i contributi della Ditta all’industria dei media a una cifra intorno ai 70 milioni di dollari. Un numero che sembra anche piccolo dopo che l’intervista di Harry e Meghan è stata trasmessa in oltre 60 paesi. E dal momento che anche il principe ha riconosciuto di aver visto The Crown, l’acclamata serie Netflix.

Chi possa entrare in questa Ditta e raccogliere benefici è diventato un punto di grande contesa nel corso degli anni. Dopo l’uscita di Harry e Meghan dai doveri ufficiali, il numero di reali senior si è ridotto a otto. Ad affiancare Sua Maestà come membri della Ditta c’è un gruppo d’elite di sette reali: il principe Carlo, che è il prossimo in linea di successione per la corona, e sua moglie, Camilla, la duchessa di Cornovaglia; il principe William, secondo in linea di successione al trono, e Kate, la duchessa di Cambridge; la principessa Anna, figlia della regina, il principe Edoardo, il figlio più giovane della regina, e sua moglie, Sofia, contessa del Wessex. Secondo la storica della famiglia reale Carolyn Harris, la mossa di restringere la cerchia interna è dovuta tanto alla necessità di consolidare le risorse quanto a quella di mantenere il controllo della propria reputazione.

“Questi sforzi per snellire la Ditta stanno chiaramente cercando di contrastare l’opinione pubblica, preoccupata per il fatto che il Sovereign Grant finisca nelle mani di troppe persone e che ci siano troppi finanziamenti per i reali minori”, afferma Harris.

L’organigramma della Ditta è testimonianza di un’azienda familiare di oltre mille anni e la percezione pubblica che la popolazione ne ha è l’elemento che la tiene in vita. “Si tratta di una vera e propria attività di influencing”, spiega David Haigh, chief executive di Brand Finance. A differenza di una famiglia di celebrities come i Kardashian, tuttavia, i Windsor non traggono profitto direttamente dall’azienda stessa – anche se hanno contribuito con circa 2,7 miliardi all’anno all’economia del Regno Unito prima della pandemia. L’impatto che la famiglia reale ha sull’economia del Regno Unito si verifica principalmente attraverso il turismo, ma Haigh nota che ci sono altri benefici finanziari, come la copertura mediatica gratuita della Gran Bretagna (di un valore stimato intorno ai 400 milioni nel 2017). Ci sono anche molti preziosi mandati reali concessi dal monarca, essenzialmente un timbro di garanzia su prodotti di consumo di fascia alta come giacche Barbour e whisky Johnnie Walker. Haigh stima che un mandato reale possa aumentare le entrate del titolare di quel marchio fino al 10%. I vantaggi economici per le aziende e le istituzioni nell’orbita della famiglia reale superano di gran lunga il valore di 550 milioni di dollari, associati alle massicce spese operative della famiglia, secondo Haigh.

LEGGI ANCHE:Tutti i segreti della fortuna da 500 milioni di dollari della Regina Elisabetta”

Tuttavia, non tutti vogliono far parte della macchina monarchica. Le enormi pressioni che derivano da queste dinamiche hanno spinto alcuni membri fuori dalla famiglia reale. Primi tra tutti, ovviamente, Harry e Meghan, oltre alla principessa Diana. Non è sempre finita nel migliore dei modi per coloro che se ne sono andati – o che sono stati cacciati – ma Harry e Meghan, armati di potenti amicizie in America e diversi accordi a Hollywood, potrebbero ritrovarsi molto meglio, dal punto di vista finanziario, di quelli che invece rimangono “intrappolati”.

Elizabeth Corporation

Da quando ha ereditato il trono da suo padre nel 1952, la regina Elisabetta ha presieduto la Ditta, anche se non ha l’ultima parola sulle modalità di gestione. Il principe Filippo, il patriarca 99enne della famiglia Windsor, un tempo era un potente membro della Ditta, ma ha formalmente fatto un passo indietro dai suoi doveri ufficiali. Oltre a perdere il principe Harry, The Firm ha fatto fuori un altro membro senior nell’ultimo anno, dopo che la stretta relazione del principe Andrew con il defunto finanziere Jeffrey Epstein, che fu accusato di traffico di minorenni, è diventata di dominio pubblico – con conseguente intervista televisiva dagli effetti disastrosi nel 2019.

Oltre alla famiglia allargata, la Casa di Windsor ha migliaia di dipendenti in tutto il mondo. Buckingham Palace da solo impiega circa 1.200 persone. Uno specialista IT appena arrivato può guadagnare fino a 40mila dollari all’anno, benefit esclusi, dentro a Buckingham Palace, secondo una recente ricerca riportata su un portale ufficiale del Palazzo. Il Crown Estate, l’istituzione che supervisiona i beni della monarchia, impiega anche altre 450 persone, tra cui un consiglio di amministrazione che prende le decisioni finanziarie per la monarchia.

Essere un membro della Ditta significa avere anche grandi aspettative per mantenere la macchina da soldi in funzione per le generazioni a venire. La corona detiene, ma non può vendere, quasi 28 miliardi di asset attraverso la Crown Estate (19,5 miliardi di dollari), Buckingham Palace (4,9 miliardi), il Ducato di Cornovaglia (1,3 miliardi), il Ducato di Lancaster (748 milioni), Kensington Palace (630 milioni) e la Crown Estate Scotland (592 milioni). Forbes stima anche che la regina Elisabetta abbia altri 500 milioni di dollari di beni personali.

Nell’anno fiscale terminato il 31 marzo 2020, la Crown Estate ha guadagnato più di 700 milioni di dollari, con oltre 475 milioni di profitti. La famiglia reale riceve il 25% del reddito della Crown Estate, che è anche noto come Sovereign Grant, e il restante 75% va al Tesoro Britannico. L’ultimo Sovereign Grant ricevuto dai reali è stato di circa 120 milioni di dollari, importo che la famiglia utilizza esclusivamente per le spese ufficiali, che includono buste paga, sicurezza, viaggi, pulizie, costi di manutenzione e spese IT. Le spese private della regina e della sua famiglia allargata sono sostenute anche attraverso un altro assegno che arriva attraverso il Ducato di Lancaster, chiamato “Borsa Privata”. Nell’ultimo anno fiscale, il Ducato di Lancaster ha registrato un utile netto di 30 milioni di dollari.

Come per qualsiasi azienda, la pandemia ha avuto un impatto sulle entrate reali. A settembre il Custode della Borsa Privata riconobbe che il bilancio reale dovette affrontare un potenziale deficit di 45 milioni di dollari, principalmente a causa di un forte calo del turismo e delle visite ai monumenti reali nel Regno Unito. Ha anche aggiunto che i reali non avrebbero chiesto finanziamenti extra al Tesoro. Non che la Regina ne abbia bisogno per riempire le casse. I 500 milioni di dollari in beni personali di Sua Maestà derivano dai suoi investimenti, arte, gioielli e immobili, tra cui due castelli: Sandringham House e Balmoral Castle. La maggior parte di tutto questo passerà al principe Carlo quando salirà al trono. E come sua madre, non possiederà direttamente questi 28 miliardi di dollari, che includono la ricchezza personale della regina, i beni sotto la Crown Estate, le sue partecipazioni in Scozia, il Ducato di Lancaster, il Ducato di Cornovaglia e due palazzi: Buckingham e Kensington.

Charles Inc.

Oggi 72enne, il principe Carlo ha un ruolo di grande rilevanza all’interno della famiglia reale. Come Duca di Cornovaglia, Carlo ottiene un reddito dal Ducato di Cornovaglia in aggiunta a quello che già riceve dal Sovereign Grant. Il Ducato fu fondato nel XIV secolo da Edoardo III per mantenere occupato il figlio primogenito in attesa di diventare re. Al giorno d’oggi, il Ducato ha uno staff di 150 persone che gestisce un portafoglio di oltre 130 mila acri di proprietà in tutto il sud-ovest dell’Inghilterra, per un valore di quasi 1,3 miliardi di dollari.

Come per la Crown Estate, il principe Carlo non può vendere beni appartenenti al Ducato, ma può farli fruttare. Affittando proprietà a rivenditori, agricoltori e residenti, il Ducato ha portato più di 50 milioni di dollari di entrate l’anno scorso, 30 milioni dei quali sono andati al principe del Galles e ai suoi discendenti per sostenere i rispettivi dipendenti e le operazioni. Anche senza la corona, il ducato di Cornovaglia è molto più redditizio per Carlo del Sovereign Grant, che lo scorso anno gli ha pagato meno di 2,5 milioni di dollari. Di quei 30 milioni di dollari, 7,3 hanno finanziato i 132 membri dello staff personale del principe, 6,75 sono finiti in tasse e 4,4 sono stati dedicati ad attività di beneficenza, tra cui il Prince’s Trust, l’ente di beneficenza di Carlo per aiutare i giovani disoccupati.

Una buona parte di questo reddito è stata utilizzata anche per sostenere i suoi figli. Il principe William e il principe Harry hanno ricevuto un totale di 7,8 milioni di dollari l’anno scorso per sostenere le proprie operazioni. Tuttavia, come Harry ha suggerito nell’intervista a Oprah, non funziona più così per lui. Nella stessa intervista, Meghan ha anche suggerito che parte di ciò che ha alimentato la partenza è stata l’intenzione della famiglia di negare al figlio, Archie, di assumere il titolo di principe. Questa, dice la storica reale Harris, è la manifestazione della particolare attenzione di Carlo nel limitare il numero di membri anziani – e consolidare le risorse – della famiglia. Anche se la decisione di escludere Archie era strettamente commerciale, Harris osserva che “l’interpretazione di questo gesto potrebbe essere quella di un’esclusione di un membro di razza mista dalla famiglia reale”.

“La peggiore accusa possibile nel loro discorso a Oprah è stata che la famiglia reale è razzista”, afferma Haigh di Brand Finance. “Ciò potrebbe danneggiare i reali dal punto di vista economico”. Nella sua prima dichiarazione dopo l’intervista di domenica, la regina ha affrontato la questione nel tentativo di mitigare i galloni di inchiostro della stampa scandalistica. “Le questioni sollevate, in particolare quella della razza, devono essere contestualizzate”, ha detto Sua Maestà nella sua dichiarazione annuncio ufficiale. “In ogni caso questi fatti verranno presi sul serio e affrontati privatamente dalla famiglia. Harry, Meghan e Archie saranno sempre degli amati membri della famiglia reale”.

William LLC (Limitated Liability Company)

Primogenito del principe Carlo e terzo in linea di successione al trono, il principe William non ha una fonte diretta di reddito attraverso il Ducato di suo padre. Tuttavia lui e sua moglie, Kate, hanno certamente il potere di aumentare le vendite di marchi senza il mandato reale. Secondo Brand Finance, Kate ha aggiunto più di 165 milioni di dollari all’economia britannica nel 2017. Il suo effetto ha spesso aumentato le vendite di marchi che indossa o di marchi che emulano il suo stile. Nel 2015, G. H. Hurt & Sons, che ha realizzato lo scialle della principessa Charlotte, ha registrato 100 mila visite dopo che le foto di Kate con la neonata sono apparse sulla stampa britannica.

Il duca e la duchessa di Cambridge, tuttavia, non ricevono denaro dalla loro attività di “influencer”. Oggi 38enne, William riceve un reddito annuale dal Ducato di Cornovaglia per coprire le spese private della sua famiglia. Nell’anno fiscale terminato a marzo 2020, il principe ha ricevuto una quota di quasi 8 milioni di dollari, che ha dovuto condividere con il principe Harry e Meghan Markle prima che annunciassero il loro allontanamento dai doveri reali. Tuttavia, il Duca di Cambridge non dipende completamente dal reddito del Ducato, così come Harry. Parte della tenuta della loro defunta madre, la principessa Diana, andò ai principi per i loro 25 anni. Grazie a ciò che ha ereditato da Diana – somma che Forbes ha stimato intorno ai 10 milioni di dollari – Harry e la sua famiglia sono stati in grado di stabilirsi in California, ha detto a Oprah domenica, dopo che la sua famiglia “lo ha letteralmente tagliato fuori dal punto di vista finanziario”.

“Fuori dal giro”

Essere tagliati fuori dalla famiglia britannica non è certamente una condanna a morte finanziaria. Sistematisi in una villa a Santa Barbara da 14, 7 milioni di dollari in California, Harry e Meghan hanno diversi affari in porto che potranno sostenerli nei prossimi decenni. Il reddito sarà necessario anche per finanziare la sicurezza 24 ore su 24, che potrebbe costare fino a 4 milioni all’anno.

LEGGI ANCHE: “Quanto vale il patrimonio del principe Harry e Meghan Markle? Sorprendentemente, non poi così tanto”

Hanno anche flussi diversi di entrate. A dicembre, la coppia ha rilasciato il suo primo podcast con Spotify, chiamato Archewell Audio. Nello stesso mese, la coppia ha firmato un accordo di podcasting triennale con il gigante della musica che potrebbe valere dai 15 ai 18 milioni di dollari, secondo quanto riferito da Forbes a febbraio. Questo si aggiunge alla serie Apple Tv sulla salute mentale che Harry produrrà con Winfrey per un accordo con Netflix da 100 milioni di dollari e cinque anni di contratto, firmato a settembre dalla coppia reale. Ci si aspetta che producano documentari, docuserie, lungometraggi, spettacoli e programmazione per bambini per il servizio streaming, rastrellando così fino a quattro volte l’importo ricevuto come indennità dal Ducato di Cornovaglia.

Scegliere Winfrey per condurre la loro prima intervista post-reale è stato un bene per i loro sforzi futuri. Quando Meghan si è aperta sulle sue lotte con pensieri suicidi durante il suo periodo al Frogmore Cottage, senza aver avuto la possibilità di accedere al supporto per la salute mentale, Oprah ha menzionato la sua partnership proprio con Harry. “Nessuno dovrebbe vivere un problema del genere”, ha detto durante l’intervista. “Come sai io e Harry stiamo lavorando a questa serie sulla salute mentale per Apple, quindi sentiamo moltissime di queste storie”.

Liberi dai vincoli della Ditta, Harry e Meghan probabilmente non lotteranno economicamente come fece il suo prozio, re Edoardo VIII, quando ha rinunciato alla corona per sposare un divorziata americana, Wallis Simpson, negli anni ’30. Come osserva Haigh di Brand Finance, se si espandono oltre le loro offerte Netflix e Spotify e approfondiscono quelle relative ad abbigliamento e gioielli, “Harry e Meghan potrebbero diventare un marchio da 1 miliardo di dollari”.