Round record per Soldo: la fintech dall’anima italiana raccoglie 180 milioni di euro di finanziamenti

Carlo Gualandri, fondatore e ceo di Soldo.
Share

Tempo di record per il settore dello spend management europeo. Soldo, la principale piattaforma del Vecchio Continente per la gestione automatizzata delle spese aziendali, ha annunciato la chiusura del round di finanziamento di serie C per un valore di 180 milioni di dollari. Un primato per la fintech con sede a Londra, che conferma il trend di crescita rispetto al round B, chiuso a luglio 2019, nonostante un contesto macroeconomico tutt’altro che facile.

La raccolta record è stata guidata da Temasek, uno dei principali investitori globali con un portafoglio che include Adyen, Dell, Paypal e Visa. “Siamo onorati dell’ingresso di Temasek come lead investor” ha dichiarato Carlo Gualandri, ceo e fondatore di Soldo. “Grazie al suo track record di investimenti in società apicali del mondo fintech, gli insight di Temasek saranno preziosi per sviluppare la nostra piattaforma e la nostra offerta”. Il round ha visto la partecipazione di nuovi investitori come Sunley House Capital, il fondo crossover Advent International, Citi Ventures, e la riconferma di fondi come Accel, Battery Ventures, Dawn Capital e Silicon Valley Bank per il debt financing. Goldman Sachs ha agito come agente di collocamento esclusivo di Soldo.

Dopo il round B da 61 milioni di dollari a luglio 2019 e una notevole espansione insieme agli oltre 200 dipendenti sparsi negli uffici di Londra, Dublino, Roma e Milano, Soldo vuole accelerare lo sviluppo del prodotto e l’espansione su tutto il mercato europeo, che si stima abbia un valore di 170 miliardi di dollari all’anno. “La gestione delle spese aziendali è onerosa e implica una serie di sfide” aggiunge Gualandri. “La soluzione Soldo è un grande valore aggiunto in ogni tipologia di industry e di dimensione aziendale. È chiaro che questa categoria vedrà una crescita esponenziale poiché sempre più aziende si renderanno conto degli enormi vantaggi e Soldo è in una buona posizione per supportarle”.

Servendo oltre 26mila clienti, dalle piccole e medie imprese alle imprese globali in più di 30 paesi, Soldo si propone dunque di aiutare le aziende a gestire ogni propria spesa, trasferte aziendali, online advertising, gestione dei fornitori, licenze software o qualunque altra tipologia di gestione dei costi. “I pagamenti aziendali tradizionalmente si appoggiano su bonifici e carte di credito aziendali, metodi che rappresentano, ognuno, delle problematiche di gestione e margine di rischi” conclude il ceo di Soldo. “Questo senza dimenticare che ad ogni transazione segue una ricevuta, il report delle spese, la classificazione e riconciliazione, l’analisi del budget di spesa, tutte operazioni disconnesse e manuali. Soldo è la risposta digitale a questa costosa complessità che esiste nel mondo delle aziende”.

La soluzione di Soldo sostanzialmente consente alle aziende di continuare a utilizzare i conti bancari esistenti, ai quali si affianca un conto spese multiutente che controlla preventivamente, ottimizzandolo, il ciclo di gestione delle spese. Carte prepagate Mastercard e un’app intuitiva consentono di digitalizzare i dati delle transazioni e le informazioni collegate (come le foto dei giustificativi) nel momento in cui vengono effettuate con la piena integrazione di questi dati con i software di gestione di trasferte e note spese di Zucchetti, Sarce, Concur ed Expensify e i software di contabilità aziendale come Xero, Quickbooks, NetSuite e SAP.

Share