“Non investite in bitcoin, puntate sull’oro”: il miliardario John Paulson affossa le criptovalute

(Foto di Spencer Platt/Getty Images)
Share

Chissà quante critiche gli pioveranno addosso per aver proferito quelle parole. “Puntate sull’oro, non sulle criptovalute” è, ridotto all’osso, il messaggio lanciato dall’investitore miliardario 65enne John Paulson, artefice del The Greatest Trade Ever, citando il libro di Gregory Zuckerman, oggi a capo della società di gestione degli investimenti Paulson & Co.”Dimenticatevi assolutamente delle crypto” ha affermato durante un episodio di Bloomberg Wealth with David Rubenstein.

A pubblicare alcuni estratti dell’intervista, che andrà in onda in Italia il 1° settembre, è proprio Bloomberg. “Li descriverei come una fornitura limitata di nulla” ha detto Paulson. “Quindi, nella misura in cui c’è più domanda rispetto all’offerta limitata, il prezzo salirebbe. Ma nella misura in cui la domanda scende, il prezzo scenderebbe. Non c’è alcun valore intrinseco a nessuna delle criptovalute eccetto il fatto che c’è un importo limitato”. Parole dure per quello che, ad oggi, è considerato da molti l’asset da privilegiare.

Chi è John Paulson?

E a dirlo non è proprio l’ultimo degli investitori. John Paulson è un miliardario americano che ha fatto fortuna scommettendo contro i mutui subprime al culmine della bolla creditizia del 2007. Con il collasso di questi ultimi, il sessantacinquenne nativo del Queens è stato in grado di guadagnare 20 miliardi di dollari. Il sopra citato The Greatest Trade Ever di Gregory Zuckerman racconta appunto di come John Paulson abbia deplorato Wall Street e di come abbia fatto la storia della finanza. Certo, non ha sempre vissuto momenti felici: l’anno scorso, ad esempio, è stato costretto a trasformare il suo hedge fund in un family office, dopo che gli asset gestiti sono scesi a 9 miliardi di dollari, nel 2019, in seguito al picco di 38 miliardi nel 2011. Ma resta ovviamente una voce decisamente autorevole nel mondo della finanza, detenendo, secondo Forbes, un patrimonio netto di 4,2 miliardi di dollari.

Qual è l’asset da privilegiare?

Se da una parte è profondamente sconsigliato investire in Bitcoin e compagnia bella, dall’altra Paulson intravede buone possibilità nell’oro. Il miliardario, infatti, intravede una speculazione eccessiva sui mercati: secondo quanto riportato da Bloomberg, Paulson ritiene che la rapida espansione dell’offerta di moneta potrebbe far salire il tasso di inflazione ben al di sopra delle aspettative correnti. Un contesto ideale per investire, appunto, nel cosiddetto “bene rifugio”.