Tesla annuncia il miglior anno della sua storia. Ma la concorrenza è sempre più forte

giga
(foto Patrick Pleul – Pool/Getty Images)
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Tesla ha chiuso il miglior anno della sua storia, registrando profitti trimestrali e annuali record, alimentati in gran parte dalla forte espansione delle operazioni in Cina. Ora, però, il colosso delle auto elettriche di Elon Musk deve finalmente affrontare una concorrenza agguerrita nel mercato dei veicoli a batteria, in rapida crescita. L’imprevedibile ceo ha anche affermato che la casa automobilistica non aggiungerà il Cybertruck o altri nuovi veicoli alla sua gamma nel 2022.

La società ha dichiarato di aver guadagnato 2,05 dollari per azione su base Gaap nel trimestre terminato il 31 dicembre 2021, con un aumento del 750% rispetto a un anno fa. L’Eps è stato di 2,54 dollari per azione, superando le aspettative degli analisti di 2,26. L’utile netto del periodo è stato il migliore di sempre, con 2,32 miliardi di dollari, per un aumento di otto volte. L’utile netto dell’intero anno è stato di 5,5 miliardi e le entrate sono state di 53,8 miliardi di dollari.

“Il 2021 è stato un anno di svolta per Tesla e per i veicoli elettrici in generale”, ha affermato Musk, commentando i risultati. “Pur dovendo affrontare le sfide della catena di approvvigionamento, siamo riusciti a far crescere i nostri volumi di quasi il 90%. Inoltre, abbiamo raggiunto il margine operativo più alto del settore nell’ultimo trimestre, oltre il 14%”.

I nuovi concorrenti di Tesla

Per circa un decennio Tesla ha avuto poca concorrenza nel mercato dei veicoli elettrici, ma le cose stanno rapidamente cambiando. Diverse case automobilistiche, tra cui General Motors, Ford, Hyundai, Volkswagen e Toyota, stanno investendo miliardi di dollari per lanciare nuovi modelli, oltre ad aggiornare ed espandere la propria capacità di produzione. Allo stesso tempo, una nuova generazione di startup – tra cui Rivian, Lucid e Fisker – sta aumentando la produzione di modelli elettrici in grado di competere direttamente con l’azienda di Musk. Alcuni dei nuovi veicoli avranno un prezzo inferiore a quello di Tesla, la cui vettura più economica – la berlina Model 3 – costa circa 50mila dollari.

I risultati positivi arrivano dopo che Tesla ha dichiarato, all’inizio di gennaio, di aver consegnato 936.172 veicoli elettrici nel corso del 2021, di cui 308.600 nel quarto trimestre. Le vendite in Cina e le esportazioni da quel mercato sono state la principale fonte di crescita dell’azienda, dopo l’apertura dello stabilimento di Shanghai circa due anni fa. Gli analisti prevedono che il volume continuerà a espandersi per tutto il 2022, con l’inizio della produzione nel nuovo stabilimento di Austin e l’apertura del Giga Berlin di Tesla in Germania, il primo in Europa.

Tesla batte Wall Street

“Il margine lordo dell’automotive è stato del 30,6%, contro il 29,2% medio delle aziende quotate a Wall Street”, ha detto Dan Ives, analista azionario di Wedbush Securities. “Questo dato dimostra la maggiore efficienza di Tesla, con la fabbrica cinese Giga Shangai in primo piano, nonostante i problemi di catena di distribuzione. La liquidità derivante dalle operazioni è stata di 4,59 miliardi di dollari, contro i 2,32 della media di Wall Street, e dice di un’azienda che sembra avviata a generare flussi di cassa significativi nei prossimi anni”.

Tesla ha registrato 314 milioni di dollari di vendite di crediti per l’inquinamento ad altre case automobilistiche durante il trimestre, una fonte di fondi gratuiti nel lungo periodo. Ha guadagnato 1,47 miliardi di dollari da quelle vendite nel 2022, in calo rispetto a un picco di 1,58 miliardi di dollari nel 2020. Il cfo, Zachary Kirkhorn, ha affermato che le entrate diminuiranno il prossimo anno, sebbene le vendite cumulative di crediti di Tesla ammontino a 5,36 miliardi di dollari dal 2008.

Nessun nuovo modello nel 2022

La società lavorerà per espandere ulteriormente la produzione nel 2022 e, di conseguenza, non introdurrà nuovi modelli, come Cybertruck, Roadster o il già rinviato Tesla Semi.

“L’obiettivo fondamentale di Tesla è l’incremento dell’output. Se dovessimo introdurre nuovi veicoli, la nostra produzione totale diminuirebbe,” ha affermato Musk, che ha citato come ragioni le scarse forniture di semiconduttori e altri componenti.

Inoltre, non ci sono veicoli Tesla da 25mila dollari in lavorazione. “Prima o poi la società realizzerà un veicolo a basso costo”, ha detto Musk, “ma al momento il nostro piatto è già abbastanza ricco”.

Né Musk né Kirkhorn hanno indicato un obiettivo di crescita preciso per il 2022, a causa delle continue preoccupazioni sulla catena di approvvigionamento. La società ha affermato che “su un orizzonte pluriennale, prevediamo di raggiungere una crescita media annua del 50% nelle consegne di veicoli”.

Sia gli stabilimenti di Austin che quelli di Berlino hanno iniziato a costruire veicoli nel quarto trimestre, anche se Musk non ha chiarito se si trattasse di unità vendibili o di modelli di produzione di prova.

Le azioni di Tesla sono aumentate del 2% per chiudere a 937,41 dollari al Nasdaq, prima della pubblicazione dei risultati. Finora, quest’anno il titolo è sceso dell’11%.

Le questioni politiche

Musk non ha commentato i controlli in corso da parte delle autorità di regolamentazione della sicurezza federali e del Dipartimento dei veicoli motorizzati della California, riguardanti la funzione di assistenza alla guida del pilota automatico dell’azienda, collegata a numerosi incidenti. Ha invece ripetutamente propagandato i vantaggi futuri del cosiddetto sistema di guida autonoma completo e la creazione del Robotaxi Tesla.

“Ci sono diversi e profondi miglioramenti allo stack Fsd (Full self driving, ndt) che arriveranno nei prossimi mesi”, ha affermato. “Sarei scioccato se non riuscissimo a guidare in modo completamente autonomo quest’anno”.

Nonostante l’entusiasmo di Musk e l’affermazione di grandi progressi in tal senso, la capacità di Tesla di fornire una vera tecnologia di guida autonoma rimane ancora da definire. La società ha ripetutamente affermato di essere vicina al traguardo, al punto da fissare anche un obiettivo per la fine del 2020 in occasione dell’Autonomy Day 2019. Scadenza mancata, però.

La pubblicazione dei risultati di Tesla e i commenti di Musk arrivano nello stesso giorno in cui il presidente americano, Joe Biden, ha accolto i produttori di automobili e motori alla Casa Bianca – inclusi gli amministratori delegati di Gm, Ford e Cummins – per discutere di Build Back Better, una proposta legislativa in stallo che fornirebbe miliardi di dollari di nuovi finanziamenti per espandere la produzione di veicoli elettrici, oltre a maggiori incentivi all’acquisto per i consumatori.

Musk, la cui azienda ha beneficiato notevolmente nel corso degli anni dei prestiti e degli incentivi federali per i veicoli elettrici, è da sempre un aperto oppositore di questo nuovo pacchetto di misure sociali e ambientali.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it Iscriviti