Rivian vola sul Nasdaq e vale già più di Volkswagen: è la terza casa automobilistica per capitalizzazione di mercato

Photo by Michael M. Santiago/Getty Images
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Rivian continua a guadagnare slancio sul mercato azionario nei giorni successivi al suo debutto al Nasdaq. A tal punto che la startup di veicoli elettrici meglio finanziata nella storia degli Stati Uniti è ora la terza casa automobilistica per valore al mondo. Davanti a lei solo da Tesla e Toyota.

Le azioni di Rivian, che ha sede a Irvine, in California, sono balzate di circa il 15% per chiudere lunedì a 149,36 dollari. Ciò ha spinto la sua capitalizzazione di mercato a 146,3 miliardi di dollari, dietro a Toyota a 255,5 miliardi e Tesla a 1 trilione, ma davanti a Volkswagen (140 miliardi). Le azioni sono aumentate del 38% dall’inizio delle negoziazioni il 10 novembre.

LEGGI ANCHERivian si quota in Borsa con la più grande Ipo dai tempi di Facebook. Ora vale 90 miliardi di dollari

Il sostegno del governo Usa

La startup sostenuta da Amazon, che ha iniziato a costruire il suo pickup R1T alimentato a batteria solo il mese scorso, non consegnerà molti veicoli quest’anno. Eppure sembra che gli investitori vedano la prospettiva di poter beneficiare di un maggiore sostegno del governo degli Stati Uniti per i veicoli elettrici, sotto forma di nuovi finanziamenti per le stazioni di ricarica pubbliche nel disegno di legge sulle infrastrutture appena firmato. Oltre alla speranza di incentivi più generosi per indurre i consumatori a passare ad auto e camion elettrici.

Il presidente Biden ha firmato in questi giorni il pacchetto bipartisan da 1,2 trilioni, che include 7,5 miliardi di nuovi fondi che potrebbero rendere operative 400mila stazioni di ricarica aggiuntive, secondo IHS Markit.

“L’investimento dell’amministrazione Biden non è un’iperbole e avrà un impatto significativo sulla fornitura di ricariche per veicoli elettrici negli Stati Uniti”, ha affermato Mark Boyadjis, leader mondiale della tecnologia automobilistica di IHS Markit. “Tuttavia, anche un investimento di questa portata risulterà insufficiente di fronte alla rapida crescita delle auto elettriche che entreranno presto in circolazione, indicando la necessità di un ulteriore sostegno da parte di municipalità, servizi pubblici e investimenti privati ​​per colmare il divario”.

La sfida a Tesla è lanciata

L’istituto di ricerca sul settore stima che il numero di veicoli elettrici in funzione negli Stati Uniti passerà da circa 1,5 milioni alla fine del 2020 a 9,3 milioni entro il 2026.

Rivian ha un grande stock di capitale per competere con Tesla e altre società di veicoli elettrici, avendo raccolto almeno 11 miliardi di dollari dagli investitori prima di quotarsi e altri 12 miliardi di dollari di nuovo capitale dalla sua Ipo. La società ha ordini iniziali per almeno 50mila SUV R1T e R1S che saranno costruiti a Normal, Illinois, insieme a 100mila camion per le consegne elettrici per Amazon. La società è anche in trattative per costruire un secondo impianto di produzione negli Stati Uniti, che potrebbe essere in Georgia, secondo l’Atlanta Journal-Constitution.

Il fondatore Rj Scaringe scala la classifica dei miliardari

Il picco nel valore di Rivian ha anche arricchito il fondatore e ceo RJ Scaringe. Forbes stima il suo patrimonio netto a 2,6 miliardi al 15 novembre. Curiosamente, le azioni di Tesla sono diminuite costantemente man mano che il valore di Rivian è cresciuto. Il calo è iniziato la scorsa settimana dopo che il ceo di Tesla Elon Musk ha dichiarato che avrebbe venduto il 10% della sua partecipazione, motivato in parte dalle tasse che deve pagare sulle opzioni.

Tesla è scesa dell’1,9% a 1.013,39 dollari negli scambi del Nasdaq lunedì ed è scesa di quasi il 18% dalla chiusura al massimo storico di 1.229,01 dollari il 4 novembre.