Chi è Yuri Kovalchuk, l’oligarca amico di Putin che controlla la disinformazione russa

kovalchuk
(AP Photo/Alexander Zemlianichenko, Pool)
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com a firma di John Hyatt

Mentre la Russia intensifica la repressione dei dissenzienti, l’oligarca miliardario e amico di Putin di lunga data Yuri Kovalchuk è in prima linea nella guerra della disinformazione, gestendo la linea del partito.

Marina Ovsyannikova ha interrotto il telegiornale serale del lunedì su Channel One della tv russa irrompendo dietro al conduttrice con un cartello che diceva “Nessuna guerra” e “Non credete alla propaganda. Qui vi mentono”. Le autorità l’hanno portato via e l’hanno detenuta per oltre 12 ore. È stata sanzionata con una multa e, secondo i media statali russi, è ora indagata per aver diffuso informazioni false.

“Volevo mostrare al mondo che… la maggior parte dei russi è contraria alla guerra” in Ucraina, ha detto la Ovsyannikova alla CNN. Se condannata ai sensi della nuova legge russa che vieta l’espressione deviante dalla “verità” approvata dal governo, rischia fino a 15 anni di carcere.

LEGGI ANCHE: “Chi sono i 20 miliardari più ricchi della Russia”

LEGGI ANCHE: “La storia di Pavel Durov, il fondatore miliardario di Telegram che è scappato da Putin. E ora vuole vendicarsi”

La repressione russa alla libertà di stampa

Il presidente russo Vladimir Putin incombe come un’ombra oscura sulla più ampia repressione di tipo sovietico su informazioni accurate. Per esempio, è vietato l’uso della parola “guerra” dai media russi. Bisogna chiamarla invece “operazione militare speciale”, il cui obiettivo è liberare l’Ucraina dai nazisti. Il generale di Putin nella guerra di disinformazione è Yuri Kovalchuk, l’oligarca settantenne descritto dal governo degli Stati Uniti come “stretto consigliere” di Putin e “banchiere personale” durante le sanzioni statunitensi contro di lui nel 2014.

Secondo una fonte vicina al Cremlino, i due sono stati “quasi inseparabili” negli ultimi due anni. Kovalchuk, attraverso la sua holding National Media Group, ha un controllo sulle notizie che arrivano ai russi. Possiede partecipazioni in Channel One e in molti dei canali televisivi più influenti della Russia. A dicembre, la sua azienda ha acquisito una parte di VK, la più grande società di social media della Russia.

LEGGI ANCHE: “Il mistero della ricchezza di Putin: tre teorie su come il presidente russo ha costruito il suo patrimonio”

L’oligarca della disinformazione

Kovalchuk e Putin sono intimi. Possiedono case nella stessa esclusiva cooperativa di dacia Ozero. Kovalchuk, secondo i Panama Papers, ha ospitato il matrimonio della figlia di Putin nel 2013. Negli ultimi due anni, Kovalchuk si è “affermato de facto come il secondo uomo in Russia, il più influente nell’entourage del presidente”, secondo il giornalista russo Mikhail Zygar, autore di un libro sulla cerchia ristretta di Putin.

“Quando la gente dice televisione di stato russa, intende davvero la televisione di Kovalchuk”, afferma Anders Åslund, esperto di oligarchia russa. “Putin non si fida sufficientemente dello stato. Vuole che il suo uomo più vicino controlli la televisione”.

Kovalchuk, che secondo Forbes ha un patrimonio stimato di 1,3 miliardi di dollari, ha creato il National Media Group nel 2008 in collaborazione con un altro oligarca, Alexei Mordashov. Alina Kabaeva, considerata la fidanzata di Putin, è la presidente dell’azienda. Oltre a Channel One, National Media Group controlla i popolari canali televisivi russi 5TV, REN-TV (ex rete di opposizione a Putin) e il canale di intrattenimento CTC, oltre a partecipazioni in giornali, media digitali e studi di contenuti.

Le idee anti-occidentali di Kovalchuk

Secondo Ilya Yablokov, professore di giornalismo all’Università di Sheffield in Inghilterra, National Media Group è “uno dei due maggiori attori nel mercato dei media russo” insieme alla VGTRK, di proprietà statale. Il National Media Group e Kovalchuk non hanno risposto a una richiesta di commento.

Dall’invasione dell’Ucraina del 24 febbraio, la copertura mediatica delle reti televisive russe ha fatto eco ai temi dei discorsi di Putin. Questa settimana, esperti e conduttori hanno promosso teorie del complotto sullo sviluppo di armi biologiche da parte dell’Ucraina con il sostegno degli Stati Uniti. L’Ucraina e l’amministrazione Biden hanno negato tali accuse.

Kovalchuk è “noto per le sue opinioni anti-liberali e anti-occidentali” e per il suo pensiero “cospirativo”, afferma Tatiana Stanovaya, studiosa non residente al Carnegie Moscow Center e fondatrice del sito di notizie R.Politik. “Persone come Kovalchuk capiscono le priorità e gli obiettivi di Putin”, ha detto. “Possono sentirlo e provare ad adattare la politica dei media a tali esigenze”.

Il ruolo dei social media nella guerra in Ucraina

Nel dicembre 2021, il National Media Group di Kovalchuk ha acquisito una partecipazione di controllo nel gigante russo dei social media VK dall’oligarca Alisher Usmanov. In seguito al cambio di proprietà, VK ha licenziato gran parte della sua gestione esistente e ha promosso i parenti di Kovalchuk, secondo il sito di notizie russo indipendente The Bell. Oggi, come riferito dalla BBC, VK viene utilizzato dal Cremlino per reclutare mercenari per la guerra della Russia contro l’Ucraina.

“VK sta giocando un ruolo enormemente influente nel tenere sotto controllo la popolazione, diffondere le narrazioni favorevoli al Cremlino e punire coloro che usano i social network per diffondere opinioni alternative”, afferma Yablokov, il professore di giornalismo. “VK ora è aperto come potrebbe essere ai servizi di intelligence interni russi”.

Le origini della cooperazione di Kovalchuk e Putin

Kovalchuk e Putin si sono avvicinati a San Pietroburgo negli anni ’90, quando la Banca Rossiya di Kovalchuk ha sostenuto l’ascesa politica di Putin. Allora, come adesso, Kovalchuk operava dietro le quinte. David Lingelbach, professore all’Università di Baltimora, ha lavorato in Russia negli anni ’90 nel settore bancario e nel capitale di rischio. In diverse occasioni, Lingelbach ha incontrato Putin nella sua qualità di primo vicesindaco di San Pietroburgo per facilitare gli investimenti degli investitori stranieri.

“Ho incontrato la maggior parte delle altre persone che Putin ha portato nella sua cerchia ristretta – Igor Sechin, Dimitri Medvedev, Alexey Miller – ma non ho mai visto o avuto alcuna consapevolezza di Kovalchuk”, dice Lingelbach. “Con il senno di poi, Putin stava conducendo un secondo tipo di vita economica privata, che stava sviluppando con Kovalchuk”.

Una volta che Putin è stato eletto presidente nel 2000, Kovalchuk ha utilizzato la Rossiya Bank per costruire il suo impero dei media, alimentato dalla spinta incessante di Putin per uccidere la stampa negativa. Nel 2000, Putin ha arrestato il barone dei media Vladimir Gusinsky con l’accusa di frode e lo ha costretto a vendere le sue proprietà mediatiche, incluso il suo gioiello della corona REN-TV, alla Gazprom, che era di proprietà statale. (Gusinsky, che ha negato tutte le accuse, da allora è scomparso dalla vista del pubblico; la Corte europea dei diritti dell’uomo ha dichiarato nel 2004 che le accuse contro Gusinsky erano motivate politicamente). Putin ha quindi fatto in modo che Gazprom vendesse quei beni multimediali, così come la sua attività assicurativa Sogaz e altre attività finanziarie, alla Rossiya Bank a un prezzo d’occasione.

Le ricchezze degli oligarchi

Queste transazioni facevano parte di un più ampio trasferimento di ricchezza avvenuto negli anni 2000, dagli oligarchi e dallo stato russo nelle tasche di Putin e dei suoi compari. Tra il 2004 e la fine del 2007, oltre 60 miliardi di dollari di beni statali sono stati incanalati attraverso Gazprom alla Rossiya Bank di Kovalchuk e verso altre proprietà di alleati di Putin, i fratelli Rotenberg e Gennady Timchenko, secondo un’indagine del 2008 condotta da figure dell’opposizione russa come Vladimir Milov e Boris Nemtsov (Nemtsov è stato ucciso a colpi di arma da fuoco su un ponte di Mosca nel 2015).

“Nel mandato iniziale di Putin, la discussione era che tutte le attività non fondamentali dei monopoli, inclusa Gazprom, sarebbero dovute andare nell’open market creare un ambiente competitivo”, ha detto a Forbes Vladimir Milov, che da allora ha lasciato la Russia. “Tuttavia, Putin ha completamente ribaltato quella strada e ha trasferito le risorse ai suoi amici. Gazprom non ha ricevuto nulla, i contribuenti non hanno ricevuto nulla. E nonostante la riforma ci siamo spostati verso l’istituzione di un sistema di controllo sotto una manciata di compari di Putin”.

Mentre la guerra non provocata della Russia contro l’Ucraina continua, l’importanza di Kovalchuk è pronta a crescere. Gli oligarchi con risorse in Europa e negli Stati Uniti stanno vacillando sotto le sanzioni occidentali. Secondo quanto riferito, Putin sta chiudendo i ranghi, epurando alcune delle sue migliori spie e funzionari militari in risposta allo sforzo bellico vacillante della Russia.

Kovalchuk è qualcuno con cui Putin “può davvero condividere la sua vita, le sue visioni”, dice Stanovaya. “Tra i due c’è grande fiducia”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.