Perché Jack Ma sarebbe pronto a rinunciare al controllo del colosso cinese Ant Group

sospesa quotazione di ant group di jack ma
Jack Ma ha un patrimonio stimato di 38,6 miliardi di dollari. (Photo by Lintao Zhang/Getty Images)
Share

Secondo quanto riferito dal Wall Street Journal, il miliardario della tecnologia Jack Ma rinuncerà al controllo della principale fintech cinese Ant Group per alleviare i problemi normativi intorno alla società. La mossa arriva quasi due anni dopo che le autorità di regolamentazione di Pechino hanno bloccato la quotazione della società, in una più ampia repressione delle major tecnologiche cinesi.

LEGGI ANCHE: “La Cina sanziona Jack Ma: maximulta dell’antitrust di 2,8 miliardi di dollari”

Fatti principali

  • Secondo il WSJ, Ma spera che la mossa crei una separazione tra Ant e la sua ex società madre e il gigante tecnologico cinese Alibaba, anch’esso fondato dal miliardario.
  • Ma attualmente controlla il 50,52% delle azioni di Ant. Secondo il Journal, sarebbe pronto a cedere parte del suo potere di voto ai dirigenti senior di Ant, incluso il ceo Eric Jing.
  • Dopo la cessione di Ma, Ant verrà trasformata in una holding finanziaria che sarà poi regolamentata dalla People’s Bank of China.
  • Questa mossa, dice il report, non è stata ordinata dalle autorità di regolamentazione a Pechino, ma presumibilmente avrebbe la loro “benedizione”.
  • Non è chiaro se questo aprirà le porte a una futura quotazione di Ant.

La valutazione di Forbes

24,5 miliardi di dollari. Questo è l’attuale patrimonio netto in tempo reale di Jack Ma, secondo la classifica in tempo reale di Forbes. In forte calo rispetto al patrimonio netto di circa $ 60 miliardi di inizio 2021, quando le autorità cinesi avevano appena iniziato la repressione del suo impero tech.

LEGGI ANCHE: “Perché tre dei più ricchi imprenditori cinesi hanno perso 15 miliardi in un giorno”

Sullo sfondo

Ma è diventato più solitario dopo che le autorità di regolamentazione si sono mosse per chiudere la sua prevista ipo da 35 miliardi di dollari per Ant Group. L’arresto della quotazione faceva parte di una più ampia repressione dei giganti tecnologici cinesi che stavano emergendo come player dominanti nel settore dei pagamenti digitali. Da allora Pechino ha inasprito la regolamentazione fintech e ha ordinato alle principali società tecnologiche di conformarsi.

Oltre alla più ampia repressione tecnologica, molti credono che Ma e Ant Group siano stati presi di mira dopo aver pubblicamente criticato le autorità di regolamentazione cinesi e le sue banche statali. Ma è scomparso brevemente dalla vista del pubblico dopo l’inizio della repressione e da allora ha fatto solo apparizioni pubbliche limitate.

LEGGI ANCHE: “La Cina vieta alle banche ogni attività legata alle criptovalute”

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.