Seguici su
BrandVoice 10 novembre, 2017 @ 12:44

I settori strategici del Trentino per vincere le sfide dell’industria 4.0

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
Forbes Italia è l'edizione italiana del magazine più famoso al mondo su classifiche, cultura economica, leadership imprenditoriale, innovazione e lifestyle. chiudi

Trentino-Alto Adige
Una valle del Trentino-Alto Adige.

Di Davide Modena

Qualità della vita, agrifood, energia, ambiente e meccatronica ovvero le sfide dell’Industry 4.0. Questi i settori strategici del Trentino per promuovere lo sviluppo sostenibile del territorio. Trentino Sviluppo, società di sistema della Provincia autonoma di Trento, sostiene la crescita del tessuto economico e imprenditoriale locale, con un’attenzione sulle “business location”.

Startup, piccole e medie aziende, gruppi industriali con dimensione internazionale trovano importanti opportunità per aprire una filiale operativa sul territorio o stabilire qui la propria sede. Il Trentino offre immobili e aree industriali pronte all’uso, servizi di qualità, laboratori attrezzati secondo i più alti standard europei. Inoltre, mette a disposizione incentivi per gli investimenti aziendali innovativi, percorsi di formazione continua, supporto nella ricerca di investitori e partner commerciali in Italia e all’estero, accesso a network settoriali di richiamo internazionale e sinergie con rinomati centri di ricerca quali la Fondazione Bruno Kessler, la Fondazione Edmund Mach e l’Università di Trento.

Grazie all’autonomia finanziaria, il Trentino permette alle aziende di usufruire di compensazione fiscale, agevolazioni fino all’80% a fondo perduto per progetti di ricerca applicata e dell’azzeramento dell’IRAP per cinque anni sulle nuove iniziative. Il Trentino si colloca tra le province italiane con il maggior numero di startup innovative: 155 ogni 10 mila società di capitali. Gli startupper possono accedere agli incubatori d’impresa di Trentino Sviluppo e a numerosi strumenti di supporto economico, quali ad esempio Premio D2T Startup Cup e fondo Seed Money-FESR, che premiano la validità dell’idea, il suo carattere di innovatività e l’affiatamento del team piuttosto che le “garanzie in banca” o la notorietà del proponente.

POLO MECCATRONICA
Polo Meccatronica è uno spazio comune dove produrre, ricercare, sperimentare prodotti e processi innovativi più efficienti in grado di combinare la meccanica tradizionale con i più moderni sensori e sofisticati sistemi di prototipazione virtuale e controllo elettronico. Il progetto, che si sviluppa su un’area complessiva di 10 ettari, si presenta come anello di congiunzione tra il mondo delle imprese, della ricerca e della formazione. Al suo interno sono insediate 30 aziende, che complessivamente occupano 218 addetti e generano un fatturato pari a 68 milioni di euro. Tra esse 4 startup altamente innovative, ma anche gruppi industriali come Bonfiglioli, Ducati Energia, Dana, Carl Zeiss, Watts Water Technologies e Aermec, che hanno stabilito qui i propri centri di ricerca. Sempre in Polo Meccatronica ha sede Industrio Ventures, primo acceleratore “hardware” d’Italia. A partire dall’aprile scorso è operativa all’interno dell’hub la ProM Facility. L’innovativo laboratorio è dotato di macchinari all’avanguardia su scala europea – stampanti 3D a polveri metalliche e polimerico, taglio laser, scanner 3D, macchina utensile ibrida per lavorazioni additive e sottrattive – per un valore di sei milioni di euro, che permettono di comprimere i tempi di prototipazione e sviluppo di prodotti. Nel Polo, che già ospita corsi professionali e di Alta formazione, verranno inoltre trasferite le sedi dell’Istituto Tecnico Tecnologico “Marconi” e del Centro di Formazione Professionale “G. Veronesi”, per un totale di 1.400 studenti.

Trentino Sviluppo

PROGETTO MANIFATTURA
Progetto Manifattura, il tabacchificio più grande dell’Impero asburgico con i suoi 9 ettari di superficie, è oggi una “Green Innovation Factory”, un business park attivo nei settori delle energie rinnovabili, dell’edilizia sostenibile, delle tecnologie per la gestione e il monitoraggio delle risorse naturali e dell’economia circolare. Al suo interno operano 50 aziende per un totale di circa 230 occupati.

L’hub ospita inoltre Innovation Academy, l’accademia per aspiranti e neoimprenditori di Trentino Sviluppo che dal 2014 ad oggi ha formato oltre 1.200 persone con una media di 100 ore di lezione l’anno. Vista la necessità di rafforzare le competenze trasversali, a partire dal 2018, le sinergie tra Polo Meccatronica e Manifattura si rafforzeranno ancora di più, in quanto quest’ultima diverrà un catalizzatore specializzato anche nella mobilità sostenibile, nello sport tech e nell’ambito dello smart building.

7 BUONI MOTIVI PER INVESTIRE IN TRENTINO
1. Meno tasse e più innovazione: chi si insedia in Trentino è esente dal pagamento IRAP per il periodo iniziale ed è sostenuto da incentivi economici quando innova
2. Qualità della vita e sicurezza: in Trentino benessere economico, istruzione e formazione, sicurezza, condizioni lavorative e qualità dei servizi sono tra le più alte d’Europa.
Il PIL pro-capite è di 34.196 euro
3. Unico referente: Trentino Sviluppo è lo sportello unico per i contatti con un team dedicato che assiste le imprese in tutte le fasi di insediamento
4. Spazi pronti all’uso: immobili e aree industriali disponibili, offerti alle migliori condizioni
5. Responsabilmente autonomi: un territorio affidabile, rapido, con una pubblica amministrazione efficiente e degli stakeholder responsabili
6. Ricerca: in Trentino hanno sede oltre 20 centri di ricerca pubblici e privati. La provincia investe inoltre il 2,3% del proprio PIL in R&S, contro la media nazionale dell’1,27%
7. Sviluppo sostenibile: il Trentino produce il 9% del totale nazionale di energia idroelettrica e vanta un’incidenza della raccolta differenziata sul totale dei rifiuti pari a circa il 60%.