Seguici su
Leader 30 Maggio, 2019 @ 11:11

Chi è l’imprenditore che ha comprato Sports Illustrated per 110 milioni

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Copie dell’ultimo numero in edicola della rivista Sports Illustrated, Swimsuit Edition. (Photo by Drew Angerer/Getty Images)

di Zack O’Malley Greenburg per Forbes.com

Jamie Salter ha un talento per le icone del mondo dello sport: la sua società, Authentic Brands Group (ABG), gestisce nomi come Muhammad Ali e Shaquille O’Neal. La scorsa notte, ha aggiunto un altro brand al suo portafoglio: ABG ha annunciato l’acquisto della proprietà intellettuale di Sports Illustrated da Meredith Corporation per $ 110 milioni.

“Essendo uno dei marchi più iconici nei media sportivi, Sports Illustrated è un centro culturale con enormi opportunità di crescita attraverso le sue crescenti piattaforme digitali, televisive e social e con la rivista cartacea leader del settore”, ha detto Salter, a cui Forbes ha dedicato una cover story lo scorso autunno. “Il nome di Sports Illustrated ha permesso al marchio di diventare leader nello stile di vita e nell’intrattenimento”.

ABG intende concentrarsi sull’espansione del marchio in aree come eventi dal vivo, giochi d’azzardo, eSport e video. Meredith ha ora rastrellato circa $ 450 milioni dalla vendita di Time, Fortune e Sports Illustrated nell’esercizio fiscale 2019.

Jamie Salter insieme alla modella e designer Behati Prinsloo. (Photo by Astrid Stawiarz/Getty Images for DuJour)

“Oltre a continuare a fare giornalismo e storytelling indipendente e pluripremiato – quello che Jamie Salter ha descritto come il core business di Sports Illustrated – ora siamo perfettamente posizionati, con il supporto e le risorse di ABG, per prosperare in molti altri spazi”, ha aggiunto Chris Stone, redattore capo di Sports Illustrated.

Il mondo dello sport è stato per lungo tempo il campo di attività del cinquantaseienne Salter. Ha iniziato negli anni ’80 vendendo attrezzatura da windsurf prima di entrare nel business dello snowboard, per poi stabilirsi nel mondo delle licenze. Salter ha lanciato ABG nel 2010 con $ 250 milioni raccolti principalmente dalla società di private equity Leonard Green & Partners e da miliardari tra cui George Soros e la famiglia Walton.

Salter si è fatto il nome di chi ha un debole per i marchi riconoscibili – dalle etichette di abbigliamento come Juicy Couture e Hickey Freeman a star come Marilyn Monroe e Muhammad Ali. Nel 2015 un accordo da $ 150 milioni ha dato a Salter la maggior parte del business di Elvis Presley (incluso un pezzo della tenuta Graceland).

Più recentemente, Salter ha stretto accordi con star viventi come Shaquille O’Neal, che alla fine del 2015 è diventato partner paritario con lui sul marchio Shaq in cambio di un pacchetto che includeva uno scambio azionario. Salter ha detto lo scorso autunno che sia il business di ABG che quello di Shaq sono cresciuti a tre cifre, in quanto il volto di Shaq continua a comparire in spot pubblicitari per qualsiasi cosa, dall’assicurazione auto The General a IcyHot.

La quantità, tuttavia, non è sempre la priorità di Salter. E uno sguardo al suo progetto per un altro nome iconico potrebbe offrire indizi sulla sua strategia per Sports Illustrated. Quando ha acquistato l’80% della tenuta di Marilyn Monroe nel 2012 per una somma compresa tra i 20 e i 30 milioni di dollari, ha tagliato i suoi accordi di licenza da 300 a 80, concentrandosi sulla sicurezza di quelli di fascia alta con artisti del calibro di Chanel.

“Puoi vendere X quantità di profumo Marilyn Monroe presso un rivenditore di massa, oppure puoi fare un accordo con Chanel N.5”, ha detto Salter. “Un accordo che non paga altrettanto, ma penso che sia importante per il marchio perché dà un effetto alone. E la verità è che lei indossava Chanel No.5. “

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!