Seguici su
Classifiche 31 Ottobre, 2019 @ 5:45

La classifica Forbes di Ognissanti: le celebrità scomparse che hanno guadagnato di più nel 2019

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Michael Jackson è primo per il settimo anno consecutivo nella classifica Forbes delle celebrità morte più redditizie. (Photo by Brendon Thorne/Getty Images)

La musica si conferma un settore redditizio anche per i defunti. Nella “spettrale” classifica di Halloween stilata da Forbes sulle celebrità morte più pagate del 2019, sono infatti ben nove i musicisti e cantanti su 13 membri della lista.

Questi nove hanno generato 15,2 miliardi di ascolti in streaming nell’ultimo anno negli Stati Uniti, con un aumento del 38,5% rispetto ai 12 mesi precedenti. Insomma, una vera e propria seconda carriera dall’oltretomba. I guadagni totali delle 13 celebrità morte sono sostanzialmente invariati rispetto allo scorso anno. Ecco la lista completa:

13. GEORGE HARRISON: $ 9 milioni
Deceduto: 29 novembre 2001
Causa della morte: cancro
Come il compagno di band Lennon, Harrison ha beneficiato delle ristampe dei Beatles, così come dello spettacolo del Cir Four du Soleil dei Fab Four a Las Vegas.

12. WHITNEY HOUSTON: $ 9,5 milioni
Deceduto: 11 febbraio 2012
Causa della morte: annegamento
La vendita di 7 milioni di dollari a maggio di metà della sua proprietà, insieme al successo del remix di Kygo della sua cover di “Higher Love”, che ha già registrato oltre 175 milioni di ascolti su Spotify, ha permesso alla Houston di debuttare all’interno della classifica.

11. XXXTENTACION: $ 10 milioni
Deceduto: 18 giugno 2018
Causa della morte: omicidio
Anche dopo un calo del 27% nei consumi su base annua, il rapper della Florida del Sud rimane la celebrità morta più popolare negli Stati Uniti con 5,6 miliardi di ascolti.

10. NIPSEY HUSSLE: $ 11 milioni
Deceduto: 31 marzo 2019
Causa della morte: omicidio
Le sue canzoni hanno monetizzato grazie a oltre 1,85 miliardi di stream, un ritmo persino maggiore rispetto alla maggior parte degli artisti viventi.

9. PRINCE: $ 12 milioni
Deceduto: 21 aprile 2016
Causa della morte: overdose
The Purple One continua a essere reddittizio: ben 320mila unità fisiche vendute e mezzo miliardo di stream, con un aumento complessivo del 12% su base annua.

8. MARILYN MONROE: $ 13 milioni
Deceduta: 5 agosto 1962
Causa della morte: overdose
Una delle star più amate del momento. Monroe ha aggiunto una collezione Zales che si aggiunge agli accordi con Chanel e Montblanc.

7. JOHN LENNON: $ 14 milioni
Deceduto: 8 dicembre 1980
Causa della morte: omicidio
Il cinquantesimo anniversario di Abbey Road ha dato impulso ai Beatles attraverso lo streaming e il digitale, con 2,2 milioni di album, più di ogni altro artista defunto.

6. DR. SEUSS: $ 19 milioni
Deceduto: 24 settembre 1991
Causa della morte: cancro
I contratti di licenza con Hallmark, Universal Studios e altri si aggiungono all’impero editoriale che ha fruttato più di 5 milioni di libri venduti negli Stati Uniti negli ultimi 12 mesi.

5. BOB MARLEY: $ 20 milioni
Deceduto: 11 maggio 1981
Causa della morte: cancro
Quasi 1 miliardo di stream negli Stati Uniti, oltre al successo dei suoi prodotti House of Marley – tra cui cuffie, altoparlanti e giradischi.

4. ARNOLD PALMER: $ 30 milioni
Deceduto: 25 settembre 2016
Causa della morte: malattia cardiaca
L’impero della leggenda del golf rimane ben al di sopra della media, grazie alle partnership con MasterCard e Rolex. Poi c’è la sua bevanda omonima in Arizona, oltre a una versione alcolica lanciata da MolsonCoors quest’anno.

3. CHARLES SCHULZ: $ 38 milioni
Deceduto: 12 febbraio 2000
Causa della morte: cancro
Il creatore di Snoopy continua a incassare nel settantesimo anniversario del suo franchise Peanuts.

2. ELVIS PRESLEY: $ 39 milioni
Deceduto: 16 agosto 1977
Causa della morte: attacco di cuore
Per decenni, oltre 500mila visitatori andavano a Graceland ogni anno. Inoltre sta per arrivare un film biografico diretto da Baz Luhrmann, con Tom Hanks.

1. MICHAEL JACKSON: $ 60 milioni
Deceduto: 25 giugno 2009
Causa della morte: overdose/omicidio
Lo streaming di King of Pop è aumentato nonostante le recenti polemiche: 2,1 miliardi di ascolti negli Stati Uniti, rispetto a 1,8 miliardi di un anno fa. Con i proventi derivanti dal suo catalogo Mijac Music, uno spettacolo di Las Vegas e un accordo a lungo termine con la Sony, conserva post mortem il primo posto della classifica per il settimo anno consecutivo.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!