Seguici su
Lifestyle 25 Febbraio, 2020 @ 10:52

Ornellaia presenta l’annata 2017: una vendemmia d’artista

di Susanna Tanzi

Staff

Mi piacciono i viaggi avventurosi e il lusso discreto.Leggi di più dell'autore
chiudi
Da sinistra, Marchese Ferdinando Frescobaldi (presidente Ornellaia), Corinne Godsall (The Solomon R. Guggenheim), Stephen Mould (senior director Sotheby’s)

Una cornice d’eccezione per una presentazione molto attesa: l’annata 2017 di Ornellaia e la 12esima edizione del progetto Ornellaia Vendemmia d’artista, al centro della degustazione e successiva presentazione nelle splendide sale e sulla terrazza di Palazzo Strozzi. A guidare la stampa italiana ed estera nella masterclass, Axel Heinz, enologo e direttore della tenuta di Bolgheri. Fil rouge per capire le differenze tra la “Solare” e le altre annate – 2011, 2010, 2006 – il cambiamento climatico. Che piega l’uomo a trovare strade differenti per la cura della vita e per la raccolta, con risultati molto differenti al gusto. Di certo, eccellenti in ogni caso, anche se la 2017 appare impetuosa, fresca, in attesa di mostrare, con più maturità, tutte le sue doti.

E siccome il nome non è stato scelto a caso, si capisce bene quanto un anno particolarmente secco e siccitoso abbia influenzato l’umore di questo pur splendido vino. Al contrario del 2006, freddo piovoso, con un ritardo nel germogliamento che le calde giornate primaverili non hanno recuperato. Il risultato: un’annata di estrema eleganza e finezza nell’invecchiamento. A concludere la giornata dedicata al pregiato vitigno, è stata svelata l’opera dedicata alla solarità di Ornellaia 2017 e creata da Tomàs Saraceno per la Salmanazar della tenuta: una scultura sospesa di vetro composta da sfere simili a nuvole, la cui forma è in costante cambiamento.

Le bottiglie personalizzate dall’artista Tomàs Saraceno

L’artista ha anche personalizzato altre 110 bottiglie di grande formato e disegnato un’etichetta speciale termocromica attraverso la quale ci invita a riflettere sull’impatto che le nostre azioni hanno sul pianeta. Tutti i grandi formati come ogni anno verranno poi venduti e battuti all’asta da Sotheby’s, per raggiungere le cantine dei fortunati collezionisti, mentre il profitto verrà devoluto a sostegno del progetto “Mind’s Eye” creato dalla Fondazione Solomon R. Guggenheim per consentire anche ai non vedenti di accedere alle opere d’arte dei suoi musei nel mondo.

L’asta online dei 12 lotti dell’annata Solare del 2017 illustrata da Saraceno, si aprirà sulla piattaforma online di Sotheby’s, dove i clienti potranno facilmente fare offerte tramite l’app dedicata, fino al 15 maggio. “Analogamente allo scorso anno, prevediamo che questi lotti attireranno un gruppo internazionale di offerenti che desiderano acquistare queste bottiglie esclusive e vivere esperienze uniche”, ha detto Jamie Ritchie, worldwide head di Sotheby’s wine.

A chiudere la giornata dedicata a Ornellaia, i saluti del marchese Ferdinando Frescobaldi e di Giovanni Geddes da Filicaja, amministratore delegato di Ornellaia, che ricollegandosi alle opere del visionario artista argentino che esplora ad arte nuovi modi sostenibili di essere e di abitare, ha ricordato come il mondo del lusso in questa fase perderà quote di mercato per la crisi del coronavirus in Cina e in Asia.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!