Seguici su
Innovazione 20 Marzo, 2020 @ 8:49

Musk: Tesla è pronta a produrre respiratori polmonari

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi

 

Elon Musk, ad di Tesla
Elon Musk (Win McNamee/Getty Images)

di Alan Ohnsman per Forbes.com

La Tesla di Elon Musk ha detto ai dipendenti in un’e-mail che la sua produzione nell’area della baia di San Francisco continuerà, ma con personale ridotto, poiché il produttore di auto elettriche considera la sua una “infrastruttura critica” nel mezzo della crisi del coronavirus. Musk si è offerto anche di produrre ventilatori per gli ospedali che dovessero trovarsi a corto di tali dispositivi medici cruciali.

Ma anche con un quarto del personale al lavoro, il livello di attività presso l’impianto di Fremont, California, resta in contrasto con le disposizioni del Dipartimento di polizia della contea di Alameda, che  ha dato indicazioni a Tesla di rispettare severe regole per le imprese non essenziali per frenare la diffusione di COVID-19.

“Abbiamo chiesto solo ai dipendenti essenziali di essere presenti nei nostri impianti della Bay Area, mentre tutti gli altri possono lavorare da casa”, recita una copia del memo inviato ai lavoratori che è stata ottenuta da Forbes . “Ridurre il personale in loco presso la nostra fabbrica di Fremont ai soli dipendenti essenziali e consentire ad altri di lavorare in remoto sta contribuendo a creare uno spazio di lavoro più sicuro onorando il nostro impegno nei confronti del governo a mantenere in funzione le nostre infrastrutture critiche nazionali.”

I lavoratori di Fremont riceveranno maschere da indossare mentre si trovano nell’impianto e le loro temperature saranno misurate quando entrano, secondo l’email. Mercoledì è stato detto loro: “Non ci sono cambiamenti nel normale incarico di lavoro e si dovrebbe continuare a lavorare se si è in una funzione essenziale: produzione, assistenza, consegne, test e gruppi di supporto come discusso con il proprio responsabile”, secondo un email precedente.

Fremont stava operando mercoledì con solo circa 2.500 dei suoi 10.000 dipendenti, ma sembrerebbe riuscire ancora a costruire veicoli. Ciò era in diretto contrasto con le disposizioni del dipartimento di polizia locale di condurre solo operazioni minime di base, quali buste paga, risorse umane e funzioni di manutenzione delle strutture perché Tesla non era designata come attività essenziale.

“La mia impressione è che non funzionino ancora ai livelli minimi di base”, ha detto mercoledì il sergente Ray Kelly, portavoce del dipartimento di polizia di Alameda. “Funzionano a livelli essenziali e devono passare al minimo di base”.

Musk ha fatto la sua offerta di ventilatori in risposta a una domanda di un fan su Twitter che gli ha rivolto questo invito: “Per favore, riconverta la sua fabbrica per creare ventilatori, che sono necessari al più presto. Sono un proprietario di Tesla e adoro la società. Deve smettere di comportarsi da idiota su questo. Questo è un disastro enorme. Chieda ai dottori sul campo. ”

“Realizzeremo ventilatori in caso di carenza”, ha risposto Musk. “Tesla produce automobili con sofisticati sistemi HVAC. SpaceX realizza veicoli spaziali con sistemi di supporto vitale. I ventilatori non sono difficili, ma non possono essere prodotti all’istante. Quali ospedali hanno queste carenze di cui parli? ”

La sua offerta è arrivata dopo che l’amministratore delegato di General Motors, Mary Barra, ha dichiarato al consulente economico della Casa Bianca Larry Kudlow che la sua azienda potrebbe realizzare ventilatori ospedalieri mentre i suoi impianti sono inattivi a causa della pandemia di coronavirus. Musk non ha fornito dettagli sul fatto che Tesla fosse in comunicazione con l’amministrazione Trump o con i funzionari della California riguardo alla sua offerta.

Mercoledì il presidente Donald Trump ha dichiarato alla conferenza stampa della Casa Bianca che avrebbe invocato il Defense Production Act del 1950 in risposta alla pandemia di coronavirus COVID-19, un’azione che conferisce al governo federale ampi poteri per arruolare compagnie private per contribuire in caso di crisi nazionali .

Il sindaco di New York Bill de Blasio si è affrettato ad accogliere l’offerta di Musk.

“@Elonmusk New York City sta già comprando!”, Ha detto via Twitter. “Il nostro paese sta affrontando una carenza drastica e abbiamo bisogno di ventilatori al più presto: ne avremo bisogno in migliaia in questa città nelle prossime settimane. Li stiamo ottenendo il più velocemente possibile ma potremmo usare il tuo aiuto! Ti stiamo contattando direttamente. ”

Lo stabilimento di Fremont è l’unica grande struttura di assemblaggio auto sulla costa occidentale degli Stati Uniti. Fu acquistato dalla Toyota nel 2010 e attualmente costruisce berline elettriche Model 3 e S e crossover Model X e Y. La società ha twittato lunedì che le consegne del modello Y sono iniziate questa settimana.

La contea di Alameda, in cui ha luogo Fremont, ha implementato le norme di sicurezza in atto dal 16 marzo insieme alle contee di San Francisco e Santa Clara, impedendo efficacemente alla maggior parte delle attività della Silicon Valley, esclusi negozi di alimentari, farmacie, strutture mediche e altri servizi essenziali, di continuare le normali operazioni per tre settimane.

Separatamente, General Motors, Ford e Fiat Chrysler hanno detto mercoledì che smetteranno di costruire veicoli per proteggere i lavoratori dalla diffusione del coronavirus dopo che i sindacati dell’UAW hanno esercitato una nuova pressione su di loro. Anche Honda, Toyota, Hyundai e altre case automobilistiche si stanno preparando a fermare la produzione negli stabilimenti nordamericani.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!