I 5 numeri della cavalcata di Netflix nell’era della Pandemia

Reed Hastings, ceo di Netflix, il colosso dello streaming
Reed Hastings, ceo e co-fondatore di Netflix. (Photo by Ernesto S. Ruscio/Getty Images for Netflix)
Share
Reed Hastings, ceo di Netflix, il colosso dello streaming
Reed Hastings, ceo e co-fondatore di Netflix. (Photo by Ernesto S. Ruscio/Getty Images for Netflix)

Articolo di Jonathan Ponciano apparso su Forbes.com

L’uscita di un film controverso e le proiezioni di crescita più deboli del previsto per il terzo trimestre hanno a malapena rallentato la crescita di Netflix quest’anno. Anche se hanno subito un piccolo colpo nel mezzo della più ampia correzione di mercato di settembre, dopo il risultato storico di Netflix a fine agosto, le azioni della società con sede a Los Gatos, in California, si stanno nuovamente avvicinando ai livelli massimi. Con l’azienda pronta a rendere pubblici gli utili dopo la chiusura del mercato di oggi, ecco cinque numeri che mostrano quanto Netflix abbia dominato l’intrattenimento nell’era della pandemia.

$ 235 miliardi

Questa è la capitalizzazione di mercato di Netflix il giorno prima del rilascio degli utili del terzo trimestre. È aumentata di quasi 100 miliardi di dollari nel solo 2020, rendendo il 23enne gigante dello streaming una delle 20 più grandi aziende sull’S&P 500 per capitalizzazione di mercato, addirittura davanti ai pilastri dei media come Walt Disney, Comcast  e AT&T.

60%

Le azioni Netflix sono aumentate di oltre il 60% dall’inizio dell’anno. Per fare un confronto, l’S&P 500 è aumentato solo del 6,5% nel 2020. Il cofondatore e ceo miliardario dell’azienda, Reed Hastings, ha ottenuto quasi 2 miliardi di dollari durante la pandemia. Il 60enne, che ha lanciato Netflix come servizio in abbonamento DVD nel 1997 e possiede circa l’1% delle sue azioni, ora vale circa 5,4 miliardi di dollari.

195 milioni

Questo è il numero di abbonati a pagamento che gli analisti si aspettano che Netflix riferisca martedì, in aumento di 2,5 milioni da un trimestre all’altro e in linea con le ultime indicazioni dell’azienda. L’azienda ha dichiarato a luglio di aver aggiunto 26 milioni di abbonati durante la prima metà dell’anno (10 milioni nel primo trimestre e quasi 16 milioni nel secondo) mentre i consumatori costretti a casa dall’obbligo di quarantena imposto dal governo, lontani da cinema e spettacoli dal vivo per l’intrattenimento, si sono rivolti al gigante dello streaming. Tale previsione di aumento del numero di abbonati a Netflix potrebbe persino rivelarsi prudente, ha osservato lunedì la società di ricerca sugli investimenti CFRA, ribadendo il suo rating di acquisto sulle azioni Netflix e aggiungendo che l’azienda potrebbe essere sostenuta da un aumento degli abbonati dai mercati internazionali.

$ 6,4 miliardi

Gli analisti si aspettano che Netflix raccolga quasi 6,4 miliardi di dollari di ricavi nel terzo trimestre, in aumento di oltre il 20% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. La società si aspettava anche di riportare guadagni di circa $ 2,13 per azione, in calo da $ 1,47 per azione lo scorso anno a causa dell’aumento dei costi in mezzo alla pandemia.

$ 670

Questo è il target price di Bank of America  pubblicato venerdì per Netflix, in aumento di quasi il 17% rispetto al target precedente di $ 575 e rappresenta il prezzo obiettivo più alto di Netflix a Wall Street. Nonostante le incertezze a breve termine sulla crescita degli abbonati nella seconda metà dell’anno e un’uscita cinematografica molto criticata, Bank of America ha affermato di continuare a vedere l’accelerazione della crescita degli abbonati Netflix durante la prima metà dell’anno come un “permanent benefit”. Il target price medio di Netflix secondo 39 analisti che coprono il titolo è di circa $ 527, con un intervallo di prezzo dell’1% dei prezzi correnti.