Le guerre stellari degli investitori: il genio della “Grande scommessa” contro la ceo di Ark Invest

Michael Burry Cathie Wood
Michael Burry e Cathie Wood (foto Getty e ark-invest.com)
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

La celebre investitrice di Wall Street Cathie Wood ha risposto al gestore di hedge fund Michael Burry e alla sua ultima scommessa: quella contro Ark Invest, il suo fondo di investimento in tecnologia. Secondo Wood, ceo di Ark Invest, il leggendario investitore che predisse il crollo del mercato immobiliare nel 2007 e ispirò La grande scommessa non capisce le basi della creazione di “crescita esplosiva” nel mondo dell’innovazione.

I fatti chiave

  • In una risposta via Twitter alla scommessa compiuta da Burry nel secondo trimestre contro il suo fondo, Wood ha difeso il mondo della tecnologia e i suoi recenti risultati al di sotto delle attese. A suo giudizio, il mercato rialzista si è solo rafforzato quest’anno e “si è allargato ben al di là delle strategie di innovazione esplose lo scorso anno”.
  • Wood, ceo della società di investimenti newyorkese Ark Invest, ha affermato che il mercato azionario “premierà ancora, probabilmente, strategie innovative”, quando la crescita dell’inflazione si placherà e i timori di una recessione aumenteranno. Almeno una delle due cose, a suo giudizio, si verificherà entro i prossimi tre-sei mesi.
  • Facendo riferimento al crollo dei prezzi di commodity in crescita fino a poco tempo fa, come il legname, il rame e il petrolio, Wood ha ribadito la convinzione della sua società, secondo la quale l’aumento dell’inflazione, che ha limitato la crescita delle azioni tech quest’anno, è solo temporaneo e, nel lungo periodo, non “distruggerà le valutazioni”.
  • In un documento reso pubblico lunedì, la Scion Asset Management di Burry ha rivelato di possedere opzioni put ribassiste – che vengono collocate quando gli investitori ritengono che il valore di un asset diminuirà – su 235.500 azioni dell’Etf Ark Innovation, per un valore di circa 30 milioni di dollari.
  • Nonostante una crescita vicina al 90% lo scorso anno, l’Etf Ark Innovation, le cui partecipazioni principali sono quelle in Tesla, Coinbase e Zoom Video Communications, è salito solo del 5% quest’anno. 

La citazione

“Va dato atto a Michael Burry di avere avuto una grande intuizione, basata su fondamentali economici, e di avere riconosciuto la calamità che stava per abbattersi sul mercato immobiliare e dei mutui”, ha detto Wood martedì. “Non credo che comprenda allo stesso modo i fondamentali economici che stanno creando una crescita esplosiva e opportunità di investimento nel mondo dell’innovazione”.

Il contesto

I titoli tecnologici hanno guidato la crescita del mercato lo scorso anno. Questa primavera, però, l’accelerazione della crescita economica e la minaccia di un aumento dei tassi d’interesse ha provocato un cambiamento nei mercati azionari. Molti si sono allontanati dai growth stock, come i titoli tecnologici, per avvicinarsi a fette del mercato cicliche che avevano sofferto durante la pandemia (per esempio, l’energia e la finanza). Il Nasdaq, che è essenzialmente l’indice dei principali titoli tecnologici, era cresciuto del 40% lo scorso anno, ma in questo è salito solo del 16,5%. Per avere un raffronto, l’S&P 500 ha segnato un +21%.

Un fatto collegato

Le critiche di Burry al mercato, quest’anno, non si sono limitate ai titoli tecnologici. Nonostante abbia costruito un’enorme posizione in GameStop alla fine del 2020, l’investitore ha definito lo short squeeze del titolo e il conseguente boom di gennaio “innaturale, folle e pericoloso”. Documenti divulgati nel mese successivo dimostrano che Burry, che aveva guadagnato milioni shortando i mutui subprime durante la crisi finanziaria del 2008, ha venduto per meno di 50 milioni di dollari una quota che avrebbe avuto un valore di oltre un miliardo.