Apple consentirà ai clienti di riparare i propri Mac e iPhone da soli

(Image by Ming Yeung/Getty Images)
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Apple inizierà a fornire ai clienti un apposito kit per consentire loro di riparare i propri dispositivi. Un cambiamento importante per il gigante della tecnologia, che ha insistito a lungo sul fatto di voler effettuare simili riparazioni, senza interferenze esterne.

Fatti chiave

  • Come ha annunciato mercoledì la società in un post sul blog, nell’ambito di un programma chiamato Self Service Repair i clienti potranno acquistare kit con parti originali Apple e istruzioni su come riparare i propri prodotti.
  • A partire dall’inizio del prossimo anno, il programma verrà lanciato negli Stati Uniti per i modelli di iPhone 12 e 13, prima di rivolgersi anche ad alcuni computer Mac e in altri Paesi.
  • Apple ha fatto sapere che le prime versioni del kit si concentreranno sui “moduli più comunemente sottoposti a manutenzione” come il display, la batteria e la fotocamera dell’iPhone, per poi comprendere altre funzionalità.
  • Avere questo nuovo programma non significa che i clienti annulleranno la loro garanzia riparando il dispositivo da soli.
  • È una vittoria significativa per il movimento del “diritto alla riparazione”, che ha cercato di porre fine alle pratiche del settore tecnologico che impediscono ai clienti di riparare i propri dispositivi o di farli riparare da terzi.
  • Tuttavia, “affidarsi a un fornitore specializzato con tecnici certificati che utilizzano parti Apple originali è il modo più sicuro e affidabile per ottenere una riparazione”, ha affermato la società.

Background

Nel 2019 Apple ha iniziato a vendere kit e manuali di istruzioni a officine di riparazione indipendenti. Secondo la società, ci sono cinquemila fornitori di servizi autorizzati e 2.800 fornitori di servizi indipendenti che attualmente ricevono parti Apple originali. A luglio, la Federal Trade Commission aveva annunciato di voler avviare delle indagini sulle aziende che ostacolano le riparazioni esterne di prodotti come computer e telefoni. Apple aveva esercitato pressioni contro le precedenti leggi sul “diritto alla riparazione”, e questo perché le officine di riparazione esterne eliminano i costosi programmi interni dell’azienda.