Il nuovo immobile nel metaverso di Philipp Plein ospiterà un museo d’arte, un hotel e residenze di lusso

Philipp Plein
Philippe Plein headquarter
Share

Philipp Plein rinsalda il suo legame con la tecnologia. E insieme a Carmine Rotondaro, business advisor dell’azienda, lo stilista tedesco annuncia l’acquisto di un ampio terreno in Decentraland, mondo virtuale nel metaverso.

L’immobile è situato in una posizione privilegiata che si affaccia direttamente su una delle Genesis Plazas, incorniciata e accessibile da due strade. Ha una dimensione di 65 particelle Decentraland (circa 16,4mila mq nel mondo reale). Ed è stato acquisito dal gruppo Plein per un prezzo di 510 Mama (la criptovaluta di Decentraland) corrispondente a circa 1,4 milioni di dollari. La proprietà sarà chiamata Plein Plaza. In futuro includerà anche negozi al dettaglio, spazi di intrattenimento, un museo d’arte, un hotel e residenze di lusso.

Artisti digitali e archistar

La transazione è stata conclusa da Plein Group sotto l’alias Bug$ Bunny con l’assistenza di Jason Rosenstein, fondatore e ceo della casa d’aste e marketplace Portion, che sarà anche coinvolto nello sviluppo della concezione e pianificazione dello spazio virtuale insieme all’artista digitale Antony Tudisco. Plein group ha inoltre reso noto che prevede di includere un vero e proprio archistar nel team incaricato di detta concezione, sviluppo e pianificazione del Plein Plaza.

“Siamo nel metaverso  per restare e sviluppare la creatività dei nostri marchi Philipp Plein, Plein Sport e Billionaire. È una nuova dimensione di interazione in cui personalmente credo molto”, dice Plein.

Plein precursore del metaverso

Mentre diversi marchi di lusso hanno già creato Nft dei loro prodotti per la vendita nel metaverso, l’acquisto di beni immobili da parte di un marchio di lusso è ancora una novità per il settore: già sei mesi fa Plein era stato infatti il primo marchio ad accettare le criptovalute come mezzo di pagamento. Oggi il gruppo accetta oltre 20 diverse criptovalute sia nei suoi negozi brick-and-mortar sia sulla sua piattaforma e-commerce.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it Iscriviti