Elon Musk sta già cercando qualcuno che lo sostituisca alla guida di Twitter

elon musk, gigafactory Berlino
(Photo by Maja Hitij/Getty Images)
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Come hanno riferito alcune fonti a David Faber della Cnbc, Elon Musk, l’uomo più ricco d’America, ha recentemente intensificato la ricerca del suo sostituto come amministratore delegato di Twitter. Il ceo di Tesla ha sorpreso tutti dopo che sembrava non aver accettato i risultati di un sondaggio in cui gli utenti di Twitter chiedevano le sue dimissioni.

Aspetti principali

  • Musk sta “cercando attivamente di capire chi potrebbe far parte del gruppo di candidati per sostituirlo”, ha detto Faber martedì mattina a Squawk on the Street.
  • Il miliardario Musk ha fatto un sondaggio tra gli utenti di Twitter per chiedere se dovesse dimettersi. Il  57% dei quasi 18 milioni di intervistati si è espresso a favore delle sue dimissioni. Musk dopo i risultati del sondaggio è rimasto in silenzio, nonostante abbia promesso di attenersi ai risultati, prima di suggerire che solo le opinioni degli utenti abbonati alla versione Blue dovrebbero contare.
  • Secondo la Cnbc, però, la ricerca del successore non è legata al sondaggio.
  • In un tweet Musk, in risposta ai risultati del sondaggio, ha aggiunto che passerà a gestire i team software e server dell’azienda una volta trovato un sostituto.
  • Faber ha aggiunto di aver sentito “molti nomi” presi in considerazione (non dicendo quali), anche se ha escluso due presunti sostituti, l’ex ceo di T-Mobile John Legere e il miliardario ex ceo di Twitter Jack Dorsey.

Musk e Twitter non hanno risposto alle richieste di commento inviate via e-mail.

Un passato da leader

Musk, che ha costruito la sua fortuna da 160,6 miliardi di dollari guidando il gigante dei veicoli elettrici Tesla e l’azienda aerospaziale e di comunicazioni SpaceX in qualità di amministratore delegato, il mese scorso ha dichiarato presso la Chancery Court del Delaware che col tempo avrebbe trovato un sostituto per guidare Twitter. Musk ha assunto la carica di amministratore delegato di Twitter il 27 ottobre, al termine dell’acquisizione dell’azienda per 44 miliardi di dollari. La sua gestione di due mesi di Twitter è stata a dir poco divisiva: molti dei suoi sostenitori hanno esultato per le politiche di moderazione dei contenuti più permissive e per i cambiamenti radicali apportati da Musk, mentre gli inserzionisti, gli investitori di Tesla e altri critici si sono appuntati sull’imprevedibilità di Twitter e sul fatto che Musk abbia distolto la sua attenzione dalla sua azienda automobilistica.

La vicenda sorprendente

Il titolo Tesla è sceso del 4,7% a 143 dollari nelle contrattazioni di martedì, nonostante le notizie che suggeriscono che Musk potrebbe presto riorientare la sua attenzione su Tesla. Le azioni dell’azienda automobilistica di maggior valore al mondo sono scese del 63% da quando Musk ha rivelato per la prima volta la sua volontà di acquisire Twitter, perdendo circa 700 miliardi di dollari di capitalizzazione di mercato.

La frase chiave di Musk

“Il problema non è trovare un amministratore delegato, ma trovare un amministratore delegato che riesca a mantenere in vita Twitter”, ha twittato Musk domenica, riferendosi alla perdita di liquidità dell’azienda.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.