La popolazione cinese è calata per la prima volta in 60 anni

Cina
Getty Images
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Secondo quanto riportato dall’Ufficio nazionale di statistica, nel 2022 la popolazione cinese si è ridotta per la prima volta da decenni, segnalando una crisi demografica incombente che potrebbe avere conseguenze di vasta portata per Pechino, nonostante gli sforzi del governo per invertire il declino.

Aspetti principali

  •  Secondo l’Ufficio nazionale di statistica, alla fine del 2022 la Cina aveva una popolazione di 1,41175 miliardi di persone, con un calo di 850.000 unità rispetto al 2021.
  • L’Ufficio ha registrato circa 9,56 milioni di nascite e 10,4 milioni di decessi.
  • Il tasso di natalità della Cina è sceso a 6,77 nascite per 1.000 persone nel 2022, rispetto al 7,52 dell’anno precedente. Si tratta del dato più basso da quando settant’anni fa si è iniziato a registrare il dato.
  • Pechino ha anche registrato il tasso di mortalità più alto dalla metà degli anni ’70, salendo a 7,37 decessi per 1.000 persone, rispetto ai 7,18 del 2021.
  • I dati, che riguardano solo la Cina continentale e non contano i residenti stranieri, segnano che per la prima volta la popolazione cinese è diminuita dall’inizio degli anni ’60, quando una serie di politiche economiche disastrose, note come il Grande balzo in avanti promosso dall’allora leader Mao Zedong, diedero origine alla più grande carestia della storia moderna.
  • Negli ultimi tre anni, la Cina ha segnalato pochi decessi dovuti alla Covid – Pechino è stata accusata di sottovalutare l’entità dei focolai – ma i funzionari hanno dichiarato che lo stress associato alla pandemia ha contribuito al calo delle nascite e dei matrimoni.

LEGGI ANCHE: Entro il 2050 le morti nel mondo saranno più delle nascite: come aziende e governi stanno affrontando l’era dello spopolamento

Sullo sfondo

I dati demografici segnalano un momento importante e storico per la Cina e l’inizio di quello che si prevede sarà un lungo periodo di declino demografico. La contrazione non è inaspettata e il tasso di natalità è in calo da anni. Il calo è proseguito nonostante una serie di politiche governative volte a incoraggiare le persone ad avere figli, attuate da funzionari sempre più preoccupati per le sfide economiche e sociali che il Paese deve affrontare con l’invecchiamento della popolazione e la riduzione del bacino di manodopera, chiave per l’ascesa del Paese a grande potenza mondiale. Tali politiche includono l’espansione dell’accesso ai trattamenti per la fertilità, la riduzione dell’accesso all’aborto e l’eliminazione della politica del figlio unico, che vietava alle coppie di avere più di un figlio nella maggior parte delle circostanze.

In seguito Pechino ha aumentato nuovamente il numero di figli consentiti, da due a tre per coppia sposata, nel tentativo di incrementare le nascite. Decenni di politica del figlio unico, che imponeva dure sanzioni in caso di mancato rispetto, l’aumento del costo della vita e il cambiamento di mentalità hanno contribuito al declino generale e queste politiche governative per aumentare le nascite sono state in gran parte fallimentari. Le severe restrizioni per il Covid hanno accelerato il declino durante la pandemia. Anche il numero di donne in età fertile sta diminuendo, con un calo di 4 milioni nel 2022, secondo il direttore dell’ufficio Kang Yi, come riporta il Financial Times.

Vicende da considerare

Secondo le stime delle Nazioni Unite, quest’anno l’India, con una popolazione di oltre 1,4 miliardi di persone, dovrebbe superare la Cina come Paese più popoloso del mondo. Entrambi ospitano attualmente un numero di persone circa quattro volte superiore a quello degli Stati Uniti, attualmente il terzo Paese più popoloso al mondo. Secondo i modelli delle Nazioni Unite, la popolazione cinese è destinata a diminuire drasticamente nel corso del secolo e nel 2100 sarà circa la metà di quella attuale. Nonostante ciò, i modelli prevedono che rimarrà il Paese più popoloso del mondo dopo l’India.

Il fatto sorprendente

Le implicazioni di tre decenni e mezzo di politica del figlio unico vanno ben oltre il calo delle nascite. La politica ha anche contribuito a creare un significativo squilibrio di genere che ha spinto la popolazione verso il sesso maschile, documentato da Mara Hvistendahl in Unnatural Selection. I limiti rigorosi per avere un solo figlio si sono scontrati con una diffusa preferenza culturale per i figli maschi, con la possibilità di effettuare test prenatali per determinare il sesso e, successivamente, con l’aborto selettivo per sesso, per rendere possibile tutto ciò. Nel 2022, il Bureau ha dichiarato che c’erano circa 105 uomini ogni 100 donne.

LEGGI ANCHE: La forza del numero: come i cambiamenti demografici stravolgeranno la politica internazionale

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.