musk-patrimonio
Money

Tesla, si avvicina il voto sullo stipendio da 56 miliardi per Musk. Ma il fondo sovrano norvegese si oppone

Il 13 giugno si avvicina e presto si saprà se gli azionisti di Tesla approveranno il pacchetto retributivo record destinato a Elon Musk da circa 56 miliardi di dollari (diventati poco meno di 50 miliardi di dollari dopo la contabilizzazione dei costi di esercizio). La decisione arriverà dopo che a gennaio 2024 un giudice del Delaware aveva invalidato l’accordo raggiunto nel 2018. Ma cosa potrà accadere?

Aspetti principali

  • A gennaio 2024 è arrivato lo stop: secondo la giudice Kathaleen McCormick, il ceo di Tesla e la sua azienda non sono riusciti a dimostrare che il cospicuo pagamento fosse equo.
  • Secondo il ricorso, presentato da Richard Tornetta, azionista dell’azienda, Musk e il cda di Tesla avevano violato i loro doveri nei confronti della società, sprecando risorse aziendali e arricchendo ingiustamente il miliardario.
  • “Trascinati dalla retorica del ‘solo vantaggi’, o forse accecati dall’appeal da superstar di Musk, il consiglio non si è mai posto la domanda da 55,8 miliardi di dollari: il piano era davvero necessario affinché Tesla potesse trattenere Musk e raggiungere i suoi obiettivi?”, ha scritto Kathaleen McCormick.
  • Musk, nel corso della sua testimonianza nel processo nel novembre 2022, aveva dichiarato che questi soldi  sarebbero stati utilizzati per finanziare i viaggi interplanetari. “È un modo per portare l’umanità su Marte”, aveva dichiarato. “In modo che Tesla possa contribuire a realizzarlo”.

La decisione in arrivo il 13 giugno

Un eventuale approvazione del pacchetto retributivo aumenterebbe il capitale di Musk in Tesla dal 13% al 22%, avvicinandosi alla soglia del 25% dei diritti di voto che l’imprenditore ha indicato come barriera da superare per sviluppare l’intelligenza artificiale nell’azienda. Secondo quanto riporta Reuters, il fondo sovrano norvegese da 1.700 miliardi di dollari ha dichiarato che voterà contro la ratifica del pacchetto retributivo a Musk. Secondo quanto riportato a fine 2023 il fondo aveva una partecipazione dello 0,98% di Tesla per un valore di 7,72 miliardi di dollari.

Il fondo ha dichiarato di apprezzare “il valore significativo generato sotto la guida di Musk dalla decisione presa nel 2018”. Tuttavia, “rimaniamo preoccupati per la dimensione totale del premio”, ha dichiarato Norges Bank Investment Management (NBIM), il gestore del fondo. Nel 2018, il fondo aveva votato contro il pacchetto. “Continueremo a cercare un dialogo costruttivo con Tesla su questo e altri argomenti”, ha aggiunto NBIM.

La risposta di Musk

Come riporta Reuters, Musk ha risposto al fondo attraverso X. La decisione del fondo “non è buona”, ha scritto il miliardario, aggiungendo che se il fondo avesse effettivamente fatto un sondaggio tra gli azionisti, avrebbe scoperto “un sostegno schiacciante a favore” del pacchetto retributivo. Il fondo norvegese l’anno scorso ha votato contro più della metà dei pacchetti retributivi degli amministratori delegati statunitensi superiori a 20 milioni di dollari, avvertendo che non erano in linea con la creazione di valore a lungo termine per gli azionisti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it CLICCANDO QUI .

Forbes.it è anche su WhatsApp: puoi iscriverti al canale CLICCANDO QUI .