Seguici su
Life 10 settembre, 2019 @ 3:00

All’asta da Sotheby’s una collezione di whisky del valore di 5 milioni di dollari

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi

 

Quello che si terrà il 24 da Sotheby’s a Londra è destinato a diventare un evento storico nel mondo degli alcolici: sarà messa in vendita all’asta la più preziosa collezione di whisky di sempre, tra quelle in mano a un singolo proprietario. Sotheby’s l’ha chiamata The Ultimate Whisky Collection ed è composta da 394 lotti, che comprendono 467 bottiglie e 9 botti.  Il valore stimato totale è di $ 4.9 milioni e a vendere la collezione sarà un misterioso collezionista americano.

Il whisky Macallan rappresenta circa la metà dei lotti, per un valore totale stimato di $ 2,7 milioni. Le bottiglie in vendita ripercorrono 70 anni di produzione di whisky: dal Macallan 60-Year-Old 1926, proveniente dalla stessa botte della bottiglia già venduta all’asta per $ 1,1 milioni di dollari, ai due pezzi della collezione Lalique Six Pillars. La casa d’aste ha scritto che si tratta delle più completa collezione delle serie “Fine e rare di Macallan” mai venduta in un’asta.

Oltre ai whisky Macallan, ci sono una vasta gamma di bottiglie iconiche delle migliori distillerie: uno Springbank 1919 di 50 anni; un Glenfiddich 64 Year Old, il più antico imbottigliamento di questa distilleria; dei whisky invecchiati 70 di Mortlach e Glenlivet e 4 bottiglie di almeno 50 anni di The Dalmore. Uno dei pezzi forti di questa collezione è inoltre la bottiglia numero 1 del 1957 Bowmore 54 Year “Crashing Waves”, imbottigliato in 12 esemplari.

A proposito di The Ultimate Whisky Collection ha rilasciato una dichiarazione il suo attuale proprietario: “Collezionare whisky negli ultimi vent’anni è stata una mia vera passione, anche se non era qualcosa che mi ero prefissato di fare. Ho sempre amato bere whisky – come attestano la famiglia e gli amici – ma prima ero un collezionista di vini. Mi sono poi ritrovato a guardare bottiglie uniche, inizialmente attratte dalla bellezza delle etichette. Così ho iniziato questa collezione e mi sono reso conto che se avessi davvero trascorso del tempo su di essa ed ero selettivo nelle mie scelte, avrei potuto mettere insieme qualcosa di significativo e unico. A distanza di due decenni, penso che la collezione sia a quel punto in cui è davvero unica. Avendo amato queste bottiglie, ora sono pronto a condividerle con i collezionisti di tutto il mondo. Spero che trovino buone case nelle mani degli amanti del whisky che apprezzeranno l’esperienza tanto quanto me, sia il loro consumo che il senso della storia che ognuna di queste bottiglie porta ”.

Jamie Ritchie, chairman di Sotheby’s Wine, ha detto che questa “rivoluzionaria vendita ricorda le prime aste di vino che Sotheby’s tenne a New York nel 1994 e Hong Kong nel 2009 e crediamo che verrà considerato un momento altrettanto simile nel mercato degli alcolici”. Già dal 27 settembre sarà possibile partecipare all’asta online, in attesa dell’evento del 24 ottobre.

Leader 18 giugno, 2019 @ 10:50

Chi è il miliardario franco-israeliano che si è comprato Sotheby’s

di Roberta Maddalena

Staff writer, Forbes.it

Scrivo di moda e tutto ciò che le gravita attorno.Leggi di più dell'autore
chiudi
Il presidente di Sotheby’s Harry Dalmeny lo scorso luglio a Londra. (Neil P. Mockford/Getty Images for Sotheby’s)

Battuta all’asta la case d’asta più famosa (e longeva, fu fondata nel 1744) del mondo. Attraverso un comunicato ufficiale diffuso online, Sotheby’s ha annunciato di aver firmato un accordo di fusione definitivo con BidFair USA, società controllata dall’imprenditore e collezionista d’arte Patrick Drahi. Con il perfezionamento dell’acquisizione, atteso entro il 2019, dopo 31 anni come azienda pubblica quotata alla Borsa di New York la società guidata da Domenico De Sole effettuerà il delisting.

Ma chi è il business man che si è aggiudicato l’affare da miliardi di dollari?

Fondatore, presidente del cda e azionista di controllo di Altice Europe, multinazionale olandese che si occupa di telecomunicazioni e mezzi di comunicazione di massa, nonché presidente del board e controlling shareholder di Altice USA, Patrick Drahi, 55 anni, secondo l’ultima stima di Forbes avrebbe un patrimonio netto di 9,1 miliardi di dollari. Oggi, la sua Altice USA, quotata al NYSE, è uno dei maggiori fornitori di servizi di video e banda larga negli Stati Uniti.

Filantropo nei campi dell’educazione, delle scienze, della cultura e delle arti, Drahi si è laureato in Francia presso l’Ecole Polytechnique e in Ecole Nationale Supérieure de Télécommunications, dove ha conseguito una laurea di secondo livello in ottica ed elettronica. La sua carriera professionale decolla con il gruppo Philips nel 1988, per il quale si occupò di marketing internazionale nella divisione via cavo e satellite. Ma la sua expertise nel campo lo portò ben presto a vivere nuove esperienze: prima con il gruppo  Kinnevik-Millisat, poi con la fondazioni di CMA, società di consulenza specializzata in telecomunicazioni e media, e di due compagnie via cavo: Sud Câble Services (1994) e Médiaréseaux (1995).

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Life 13 giugno, 2019 @ 3:00

Dieci case da sogno in Italia in vendita da Sotheby’s

di Roberta Maddalena

Staff writer, Forbes.it

Scrivo di moda e tutto ciò che le gravita attorno.Leggi di più dell'autore
chiudi
casa mare alberi
VIA PALAZZO A MARE, CAPRI

Per alcune di queste, vuoi per il pregio o la storicità che le accompagna, non è dato sapere nemmeno il valore immobiliare. Per altre, laddove il prezzo è facilmente individuabile sul sito di real estate Sotheby’s, la prima cosa che si pensa quando si scorrono le immagini è che in queste dimore di lusso italiane il tempo si è fermato, quasi cristallizzato. E non tanto per gli arredi in stile liberty, i panorami mozzafiato a picco sul mare di Capri o i giardini degni di Versailles, quanto piuttosto per l’allure magica, e squisitamente italiana che le accompagna. Noi di forbes.it abbiamo selezionato le dieci ville più belle per un viaggio da Nord a Sud, destinazione estate di lusso.

Via Palazzo a Mare, Capri (prezzo su richiesta)
Costruita durante la seconda metà del 18° secolo sulle rovine di un imponente palazzo romano, Villa Bismarck, prende il nome dalla sua più celebre proprietaria: la Contessa Mona Strader Bismarck. E la posizione è tra le più belle al mondo, l’isola di Capri. All’esterno vi sono un giardino ricco di piante mediterranee, una piscina con area solarium e un accesso privato al mare. Completano l’arredo interno un ampio salone e una sala da pranzo con soffitto a cupola di oltre sei metri, una biblioteca circolare e 9 camere da letto.

Via Novara, Omegna, Verbano Cusio Ossola (9.500.000 €)
La villa su tre piani risale alla metà del ‘900 e si sviluppa lungo la costa del lago d’Orta. Circondata da uno splendido giardino fiorito che offre una splendida vista lago e un accesso diretto con attracco barca e darsena privata, il suo pezzo forte è il 
parco, che ospita persino un campo da tennis. Lo stile è anni ’50, con colonnati, pietre, ciottoli nei viali e una palette cromatica chiara. Al primo piano dello stabile, un salone principale e due più intimi.

Strada Cimenasco, Castagneto Po , Torino (prezzo su richiesta)
Dieci camere da letto per altrettanti bagni. La villa, a pochi chilometri da Torino domina dalla collina la piana del Po con la sua facciata neo classica incorniciata dal grande parco e dal bosco. Costruita a metà del 1600 e ristrutturata completamente nell’Ottocento, comprende un meraviglioso giardino all’inglese e sul retro un parco con laghetto privato. Al pian terreno vi sono una biblioteca, una stanza del biliardo, una cappella e svariate sale da pranzo. Ma anche una grande piscina, un’autorimessa e due eliporti.

Santa Margherita Ligure, Genova (5.500.000 €)
Nell’esclusiva baia di Santa Margherita, verso Paraggi, si trova una proprietà ottocentesca di 500 mq con terrazza sul mare. Costruita su più livelli, è dotata di ascensore interno e tre ingressi. Nel giardino anche un aranceto di 46 mq, che può diventare a seconda delle occasioni una pratica dépendance autonoma (la spiaggia si trova a soli 100 m di distanza).

Via Posillipo, Napoli (3.900.000 €)
La location è quella del suggestivo scorcio di San Pietro ai Due Frati, a Posillipo. Tramite una scalinata si accede al primo salone, otto vetrate di cui cinque ad arco e un pavimento in cotto con maioliche dipinte a mano. Dal salone, poi, si arriva a un terrazzo di 400 mq adagiato sul mare che accoglie il sole fino alle ultime ore del giorno. Un’antica porta ad arco con vetri lavorati a mano conduce infine nella sala da pranzo, naturalmente panoramica.

Via Tavola D’Argento, Rieti (3.000.000 €)
A pochi minuti da Rieti e immersa nella quiete di un parco secolare, Villa Vecchiarelli conserva tutto il fascino architettonico del 19esimo secolo. Una doppia rampa collega la villa con uno scenografico giardino all’italiana con fontana al centro alla cui estremità si trova una terrazza. Elementi distintivi sono le finiture di interesse storico-artistico come le colonne marmoree, gli stucchi e i numerosi affreschi. Al piano terra anche un ampio salone di forma ellittica con soffitti altri circa 6 metri con al centro una cupola affrescata sorretta da colonne binate con capitelli corinzi.

Via Trieste, Marsala, Trapani (2.900.000 €)
Immersa in un parco di quasi 4 ettari di piante esotiche e mediterranee di specie rare, la Villa nasce come padiglione di caccia ed è appartenuta a una famiglia aristocratica siciliana. La proprietà è composta dalla villa principale con una superficie di circa mq 600 e da una dependance di circa 320 mq, dotate entrambe di una piscina.

Via XXV Aprile, Camogli, Genova (prezzo su richiesta)
Nella rinomata località di Camogli sorge questa villa rètro style che domina la Riviera di Levante su una superficie di circa 600 mq. Tutti i soffitti sono affrescati con affascinanti decori dei primi ‘900 e la scala di rappresentanza che porta al primo piano è disegnata con magnifici decori in ferro battuto. Completa l’offerta un rigoglioso giardino con palme e fiori, rivolto verso il mare.

Via Galileo Galilei, Biella (2.500.000 €)
Nel centro di Biella questa maison in stile liberty circondata dal giardino con vista panoramica sulle colline si estende su una superficie di circa 1.800 mq. Che si caratterizza per finiture di grande pregio quali marmi e stucchi, panoramica torretta e un elegante studio, oggi adibito a galleria d’arte, due salotti, una camera, una grande cucina abitabile e un bagno. Al piano primo vi sono quattro camere da letto tutte con bagno en suite, uno salone con camino e un loggiato.

San Giuliano Terme, Pisa (2.400.000 €)
Nella campagna che corre lungo il Monte Pisano, si trova questa meravigliosa casa risalente agli ultimi anni del 1500. La proprietà è composta dalla villa principale e da una deliziosa limonaia, oltre che da una splendida piscina, il tutto corredato da un parco di circa un ettaro. Senza dimenticare la piscina, una dependance e una veranda perfetta per le cene estive.