Seguici su
Style 1 febbraio, 2019 @ 8:30

Il viaggio nella storia della moda italiana fa tappa a Firenze

di Roberta Maddalena

Staff writer, Forbes.it

Scrivo di moda e tutto ciò che le gravita attorno.Leggi di più dell'autore
Nata in Sicilia, si trasferisce a Milano per studiare giurisprudenza ma soprattutto per inseguire la sua più grande passione: la scrittura. In precedenza ha collaborato con il quotidiano di Class editori MFFashion occupandosi di moda e finanza. Appassionata di romanzi gialli, musica jazz e cinema. chiudi
(Archivio Foto Locchi)

Una storia d’amore speciale, quella tra la città di Firenze e la moda. Che la mostra Fashion in Florence. The birth of italian style, visitabile dal 31 gennaio al 15 aprile negli spazi di The Mall Firenze, ha deciso di raccontare con una serie di immagini esclusive, raccolte in collaborazione con l’Archivio Foto Locchi. Una storia che cattura la bellezza del capoluogo toscano, il suo heritage artistico e la passione per il saper fare artigianale. Il percorso visivo si svolge nel secondo dopoguerra e ripercorre le tappe più significative di alcune maison e famosi stilisti: Gucci con i suoi primi bauli e borse da viaggio, Salvatore Ferragamo, conosciuto a livello internazionale come il calzolaio magico, Emilio Pucci, definito il marchese dei colori. Ancora oggi, quella creatività e savoir-faire scoperti a Firenze sono il motore della moda globale.

(Archivio Foto Locchi)

Curata da Erika Ghilardi di Archivio Foto Locchi e da Matteo Parigi Bini di Gruppo Editoriale, l’exhibition si snoda attraverso 26 immagini che mostrano la magia e la bellezza di Firenze all’inizio degli anni ’50, quando la città toscana divenne capitale dello stile Made in Italy. La location, poi, non è per nulla casuale: The Mall Firenze, aperto nel 2001 da The Mall Luxury Outlets, riunisce infatti numerosi brand del lusso come Giorgio Armani, Givenchy e Valentino. Gli scatti dell’Archivio Foto Locchi, patrimonio culturale tutelato dal Ministero per i beni e le attività culturali, documentano l’evolversi dello stile dal ’51 agli anni ’70 (il suo vasto archivio comprende oltre cinque milioni di immagini sulla storia di Firenze e della Toscana dagli anni Trenta a oggi).