Seguici su
Investimenti 21 Gennaio, 2020 @ 8:30

Perché le azioni Facebook sembrano indistruttibili

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Mark Zuckerberg (Getty Images)

di Sergei Klebnikov per Forbes.com

Per più di due anni, Facebook si è trovata al centro di una serie di controversie, dalle preoccupazioni in materia di privacy e dati alle accuse di comportamenti volti alla minaccia della democrazia e indagini antitrust da parte della Federal Trade Commission. Il ceo Mark Zuckerberg è stato chiamato a testimoniare a Washington non una ma due volte sulle politiche dell’azienda. Per la maggior parte delle società, una serie di notizie di tale portata potrebbe influenzare le prospettive.

Invece nel caso di Facebook, le azioni dell’azienda continuano ad aumentare il proprio valore.

Dopo essere cresciute più del 50% durante lo scorso anno scorso, le azioni di Facebook sono salite già di oltre il 5% nel 2020. Nonostante una serie di incombenti indagini da parte delle agenzie governative statunitensi su problemi di concorrenza e antitrust, il titolo ha raggiunto nuovi massimi storici nelle ultime settimane. La società ha visto la sua capitalizzazione di mercato aumentare di oltre $ 200 miliardi nel 2019: ora la società vale quasi $ 630 miliardi.

Sembra che Facebook si stia riprendendo dal suo crollo storico a metà del 2018, quando la società ha inaspettatamente avvertito del rallentamento della crescita degli utenti e delle vendite. Il giorno dopo l’annuncio, il titolo è precipitato del 20%. La previsione di rallentamento dei profitti è arrivata anche in presenza di preoccupazioni più ampie sulla privacy dei dati. Facebook per mesi ha subito contraccolpi a causa della gestione della privacy degli utenti, nonché a causa dell’incapacità di fermare la diffusione di “notizie false”. Tra le altre critiche, Facebook è stata accusata di danneggiare la democrazia dopo che la società di consulenza britannica Cambridge Analytica è stata in grado di sfruttare i dati personali degli utenti per le sue strategie pubblicitarie. Le critiche hanno causato un calo del valore delle azioni di Facebook durante il resto del 2018, quando ha perso quasi la metà del suo valore di mercato complessivo.

Il titolo si è ampiamente ripreso nella prima metà del 2019, ma è sceso di nuovo quasi del 10% a maggio, a causa delle richieste di separare le varie app per interrompere il monopolio. La Federal Trade Commission ha quindi aperto un’indagine antitrust sul gigante dei social media a giugno, con molti analisti di Wall Street secondo cui le crescenti richieste di regolamentazione sarebbero dannose per l’azienda. Facebook è stata infine punita con una multa di $ 5 miliardi da parte della FTC, la sua più grande multa nella storia, per aver violato la privacy dei consumatori.

Facebook ha anche subito critiche per il lancio della sua nuova valuta digitale, Libra, l’anno scorso. E mentre le elezioni statunitensi del 2020 si avvicinano, il più grande social media del mondo è sotto forti pressioni per adeguare le sue politiche su fake news e pubblicità politiche. Ma Facebook ha recentemente confermato che non cambierà la sua politica. Ciò contrasta con l’atteggiamento assunto da altre società dei social media, come Twitter, che ha bandito tutte le pubblicità politiche dal suo sito lo scorso ottobre. Inoltre, lo scorso settembre, 47 procuratori statali hanno annunciato un’indagine su Facebook per violazioni dell’antitrust, facendo scendere le azioni del 4%.

Nonostante le recenti critiche e le crescenti richieste di regolamentazione che incombono all’orizzonte, il recente slancio delle azioni di Facebook e i nuovi record potrebbero indicare che gli investitori non sono finora preoccupati dalle possibili normative. In effetti, Wall Street prevede un grande anno per Facebook.

Negli ultimi trimestri l’azienda ha continuato a incrementare le entrate aggiungendo nuovi utenti alla sua piattaforma principale e alla sua famiglia di app, come Instagram, Messenger e WhatsApp. Secondo quanto riferito, l’ottimismo sta crescendo grazie alla capacità di Facebook di monetizzare quelle app, come con Instagram attraverso annunci video e commercio.

Il rally più recente del titolo è arrivato a seguito di utili più alti del previsto nel terzo trimestre. La crescita dei ricavi ha effettivamente accelerato nel 2019, con la società che ha registrato un tasso di crescita dei ricavi anno su anno del 26% nel primo trimestre, del 28% nel secondo trimestre e del 29% nel terzo trimestre. Anche se Facebook sta ancora cercando di migliorare la sua reputazione, continua a dominare il mercato della pubblicità digitale: le aziende continuano a utilizzare la piattaforma pubblicitaria di Facebook, con gli analisti che si aspettano in media che le entrate generate dagli annunci aumentino del 26% nel 2019, secondo Refinitiv.

In una recente nota, gli analisti di Deutsche Bank hanno predetto “una rinnovata forza della principale app di Facebook” nel 2020, grazie a iniziative aziendali come la rielaborazione del Newsfeed di base, l’implementazione delle storie, il ridimensionamento del mercato e il miglioramento della funzione “gruppi”. Gli analisti di Bank of America, d’altra parte, hanno sostenuto di recente che le offerte di Facebook Messenger e WhatsApp sono ancora sottovalutate e non si riflettono pienamente nel prezzo delle azioni, che secondo loro potrebbe aumentare del 20%. “Mentre l’azienda rimane sotto controllo e affronta i rischi normativi, continua a funzionare eccezionalmente bene”, scrive l’analista di Morningstar Ali Mogharabi nella sua analisi dei risultati di Facebook.

Nonostante debba affrontare un altro anno di critiche per aver permesso la circolazione di fake news, Zuckerberg ha dichiarato in un post di fine anno sul blog che “una delle grandi domande per il prossimo decennio è: come dovremmo governare le grandi nuove comunità digitali che Internet ha permesso?” Il ceo di Facebook, che ora ha un patrimonio di quasi $ 82 miliardi secondo le stime di Forbes, ha suggerito che il modo migliore per affrontare questa sfida sarebbe quello di “stabilire nuovi modi in cui le comunità possano autogovernarsi”.

Dal primo giorno di Trump alla Casa Bianca, il patrimonio netto di Zuckerberg è aumentato di circa $ 27,8 miliardi, il quinto più alto di chiunque nel mondo e il terzo più alto di qualsiasi americano in quel periodo, secondo i calcoli di Forbes.

I guadagni del quarto trimestre di Facebook e i risultati dell’intero anno per il 2019, che saranno riportati il 29 gennaio dopo la chiusura dei mercati, sono un indicatore chiave del fatto che la società possa continuare il suo slancio nel 2020. Ma se il 2019 ci ha insegnato qualcosa, questo è che i  turbolenti periodi politici che ci aspettano potrebbero non avere molto effetto sulla capacità del titolo Facebook di crescere ancora.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!