Il telefono di Jeff Bezos sarebbe stato hackerato

Jeff Bezos (David Ryder/Getty Images)
Share
Hackerato il telefono di Jeff Bezos
Jeff Bezos (David Ryder/Getty Images)

Il telefono cellulare di Jeff Bezos, creatore di Amazon e proprietario del Washington Post, sarebbe stato hackerato dal principe ereditario saudita Mohammed bin Salman nel 2018. Lo ha riportato il Guardian, aggiungendo così nuovi dettagli all’inchiesta sulla morte dell’editorialista del Washington Post Jamal Khashoggi, critico nei confronti di alcune decisioni prese dal principe ereditario ed esiliato negli Stati Uniti nel 2017.

Citando fonti vicine alla questione, il Guardian ha riferito che un file video dannoso sarebbe stato inviato da Mohammed bin Salman a Bezos tramite WhatsApp. E che grandi quantità di dati sarebbero stati prelevati dal telefono di Bezos. I due uomini avevano avuto una conversazione apparentemente amichevole in precedenza, ha riferito il Guardian, anche se non è chiaro di cosa stessero parlando o perché fossero in comunicazione tra loro.

Non è anche chiaro nemmeno dove siano andate o come siano state utilizzate le informazioni prese dal telefono di Bezos, ma il report del Guardian supporta le affermazioni fatte dal capo della sicurezza di Bezos, Gavin de Becker, che ha scritto in una storia del Daily Beast del marzo 2019 che i sauditi avevano accesso ai dati privati ​​di Bezos.

L’ambasciata saudita a Washington DC ha respinto la ricostruzione del Guardian.