Seguici su
SpaceEconomy 31 Gennaio, 2020 @ 11:30

La Nasa si prepara ad aprire un hotel di lusso sulla Stazione Spaziale Internazionale

di Simona Politini

Staff

Leggi di più dell'autore
chiudi
Modulo Stazione Spaziale Internazionale Iss firmato Philippe Starck per Axiom
(starck.com)

Altro che hotel a 5 stelle, in questa location eccezionale le stelle non si contano, ma si ammirano a distanza ravvicinata. Stiamo parlando dell’ultimo progetto messo in cantiere dalla Nasa nel settore del turismo spaziale.

L’Agenzia spaziale americana ha appena annunciato l’accordo con la società Axiom Space, una startup con sede a Houston in Texas, per la realizzazione del primo “modulo di destinazione commerciale” da costruire e agganciare alla Stazione Spaziale Internazionale – ISS.

 

Questa selezione, come riporta il comunicato ufficiale, rappresenta un passo significativo verso lo sviluppo di destinazioni commerciali indipendenti che soddisfano le esigenze a lungo termine della Nasa in orbita terrestre bassa (un’orbita terrestre bassa è un’orbita attorno alla Terra di altitudine compresa tra l’atmosfera e le fasce di van Allen, ossia tra 160 e 2000 km, ndr), oltre la vita della stazione spaziale, e continuano a favorire la crescita di una solida economia spaziale.

Turismo spaziale di lusso, Axiom mette in campo l’archistar Philippe Starck

Axiom prevede di agganciare alla Stazione Spaziale Internazionale tre grandi moduli e una finestra di osservazione della Terra per formare il “Segmento Axiom”, con il lancio del primo modulo previsto nella seconda metà del 2024.

Secondo il comunicato stampa rilasciato da Axiom, i tre moduli che compongono il segmento Axiom saranno divisi in un modulo nodo, un habitat per l’equipaggio e un modulo di ricerca e produzione, oltre alla grande finestra.

Una piattaforma commerciale in orbita terrestre è un’opportunità per segnare un cambiamento nella nostra società simile a quello a cui gli astronauti subiscono quando vedono il pianeta dall’alto“, ha detto Ghaffarian, presidente esecutivo di Axiom.

Già da alcuni anni Axiom è impegnata nel progettare moduli spaziali. Nel 2018 ha coinvolto il designer francese Philippe Starck per realizzare un ideale prototipo dei loro futuri moduli abitativi per la ISS, comprese le aree abitative dell’equipaggio con schermi interattivi e una cupola che offre una vista mozzafiato della Terra e dello spazio circostante. Un lusso davvero stellare! 

La visione di Starck, si legge sul sito dell’archistar, era quella di creare un “nido” caratterizzato da materiali e colori derivati ​​da un universo fetale. Le pareti sono cosparse di centinaia di nano-LED con colori cangianti come continuazione della vista sull’universo che si gode attraverso le grandi finestre.

Space Economy: passi avanti della Nasa per trasformare lo spazio in una destinazione turistica

Lo sviluppo di destinazioni commerciali in orbita terrestre bassa è uno dei cinque elementi del piano della Nasa che punta ad aprire la Stazione Spaziale Internazionale a nuove opportunità commerciali e di marketing. Gli altri elementi del piano in cinque punti includono gli sforzi per rendere disponibili le risorse della stazione e dell’equipaggio per uso commerciale attraverso una nuova politica commerciale e tariffaria; abilitare missioni di astronauti privati ​​nella stazione; cercare e perseguire opportunità per stimolare una domanda sostenibile e di lungo periodo per questi servizi; e quantificare la domanda a lungo termine della Nasa per attività in orbita terrestre bassa.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!