Seguici su
Innovazione 26 Febbraio, 2020 @ 9:27

Come Shopify ha reso miliardari i suoi investitori

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Tobias Lutke è co-fondatore e ceo di Shopify
Tobias Lutke è co-fondatore e ceo di Shopify. (Courtesy Shopify)

Lauren Debter e Antoine Gara per Forbes.com

Fatti da parte Silicon Valley. Le ultime novità della Hall of Fame degli angel investor sono un marito e una moglie poco conosciuti di Toronto, che ora valgono ciascuno $ 1 miliardo grazie a un piccolo investimento fatto 13 anni fa in Shopify, una piattaforma software che aiuta le piccole e medie aziende a lanciare e gestire i loro negozi online.

John Phillips, un avvocato in pensione di 68 anni e sua moglie Cathy Phillips, una psicologa specializzata nell’aiutare i malati di cancro a gestire lo stress, hanno trasformato il loro investimento di $ 750mila in Shopify in una fortuna di $ 2 miliardi semplicemente stando seduti. Si uniscono agli altri miliardari di Shopify, incluso il ceo Tobias Lutke (patrimonio netto: $ 4 miliardi) e il suocero di Lutke, Bruce McKean (patrimonio netto: $ 1,4 miliardi). Il cofondatore di Shopify, Scott Lake, è probabilmente anche lui un miliardario dato che detiene almeno la metà delle sue azioni dall’Ipo. Il terzo cofondatore Daniel Weinand, che è entrato a far parte della compagnia un po’ più tardi, non sembra avere abbastanza azioni per entrare nel club dei billionaires.

Questi investitori hanno beneficiato di un titolo che è salito di ben trenta volte dalla sua offerta pubblica iniziale del 2015. La società ora ha una capitalizzazione di mercato di $ 60 miliardi, rendendola la settima compagnia con la maggior valutazione del Canada, più di Canadian Pacific Railway e Thomson Reuters. È anche diventata una fabbrica di valore per i 5mila lavoratori di Shopify, che si aggiudicano premi azionari del valore di $ 2,2 miliardi. Il prezzo delle azioni di Shopify è diventato una tale distrazione presso la sede centrale che qualsiasi dipendente sorpreso a controllare il prezzo delle azioni deve acquistare una scatola di ciambelle di Tim Horton per il proprio team.

Le origini di Shopify risalgono a un viaggio in snowboard che Lutke compì quando aveva 20 anni alla stazione sciistica di Whistler fuori Vancouver, dove incontrò la sua attuale moglie Fiona McKean nel 2002. Un anno dopo, Lutke si trasferì dalla sua nativa Germania alle distese innevate di Ottawa, in Canada, collaborò con McKean e decise di aprire un negozio di snowboard online con una sua amica di famiglia, Scott Lake. Tuttavia, si sentirono subito frustrati di fronte alla scarsità di strumenti software disponibili per gestire il loro sito. Lutke pensò che gli altri avessero lo stesso problema. Nel 2004, hanno lanciato Shopify per offrire software ad altre piccole imprese che desideravano vendere i loro prodotti sul web.

All’epoca le aziende potevano pagare per il posizionamento su siti come eBay o Amazon, il che comportava una commissione per ogni vendita, ma non c’era modo semplice di vendere direttamente ai clienti online. Lutke decise di costruire uno sportello unico che potesse soddisfare sia i rivenditori “fisici” esistenti, sia la generazione emergente di imprenditori su social media. Ha offerto una serie di strumenti che consentono ai proprietari di creare rapidamente un sito web, elaborare pagamenti, evadere ordini, gestire un inventario e posizionare annunci. Per questi servizi, ha fissato una tariffa mensile compresa tra $ 29 e $ 299.

Prima di tutto, Lutke per il finanziamento si rivolse all’angel investor John Phillips che aveva sede a Toronto. Phillips aveva trascorso la maggior parte della sua carriera da avvocato aziendale, prima nel vecchio studio legale canadese Blake, Cassels & Graydon e poi come consigliere generale presso la società di telecomunicazioni Clearnet Communications, che è stata acquistata da Telus, che ha sede a Vancouver, nel 2000 per $ 3,1 miliardi. Phillips si è imbattuto in Shopify nel 2007, come angel investor, quando il chief technology officer di una delle sue società in portfolio aveva mostrato entusiasmo per la facilità d’uso del software.

Phillips investì $ 250mila. “Mi è piaciuto molto che il software fosse radicato nelle immediate esigenze pratiche di Snow Devil”, afferma Phillips, riferendosi al negozio di snowboard di Lutke, che ricorda di essersi allontanato dal suo primo incontro “colpito profondamente dal suo acume, chiarezza e profonda risoluzione”.

Phillips mise altri $ 500mila nel 2009 ed entrò nel consiglio di amministrazione nel 2010, dove incoraggiò Lutke a rimanere amministratore delegato. La valutazione di Shopify aumentò dai $ 3 milioni di quando investì per la prima volta nel 2007 a $ 1,3 miliardi di quando sbarcò in Borsa nel 2015. Lui e sua moglie hanno scaricato circa un milione di azioni, il 20% delle loro partecipazioni, secondo i documenti della Sec, con un premio di circa 70 milioni di dollari al lordo delle imposte. Tuttavia, la coppia ha mantenuto la maggior parte delle loro azioni e possiede tuttora quattro milioni di azioni Shopify attraverso la loro società di investimento interamente Klister Credit Corp, per un valore complessivo di circa $ 2 miliardi (ai prezzi del 24 febbraio 2020).

La coppia si divide tra Toronto e la cittadina costiera di Flatrock a Terranova. John è andato in pensione come angel investor dopo aver sostenuto una cinquantina di aziende in fase iniziale, mentre Cathy continua ad aiutare le persone con cancro a gestire lo stress. Tiene gruppi di supporto e nel 2013 ha pubblicato un libro intitolato Calm Your Mind, Warm Your Heart.

Anche gli altri primi sostenitori di Shopify stanno piuttosto bene. Il suocero di Lutke, un diplomatico in pensione con incarichi in India e in Egitto, è ora un filantropo attivo e fa parte di diversi consigli di società senza scopo di lucro. I co-fondatori Scott Lake e Daniel Weinand hanno lasciato l’azienda diversi anni fa. Lake ora gestisce la sua società di venture capital, Hello Ventures, e Weinand trascorre la maggior parte del suo tempo giocando a poker e componendo musica.

Anche numerosi investitori ordinari hanno investito Shopify. Un investimento di $ 1.000 nella società quando è diventata pubblica, oggi vale $ 28mila. Ma gli analisti avvertono: Shopify è attualmente uno dei titoli più costosi sul mercato. Le azioni della società vengono scambiate a un multiplo di 36, di fronte a circa sette volte delle altre società di software.

I fondi incentrati sulla crescita sono stati tra i suoi più grandi sostenitori, che si leccavano i baffi di fronte a milioni di aziende in tutto il mondo che devono ancora andare online. “L’opportunità di mercato a lungo termine è sostanzialmente illimitata”, afferma Joseph Dennison, gestore di Zevenbergen Capital Investments, che ha investito nella società per la prima volta nel 2016.

Già, la tecnologia di Shopify alimenta oltre un milione di aziende, che vanno dalla Kylie Cosmetics, creata dalla più giovane miliardaria self-made del mondo Kylie Jenner, al calzolaio sostenibile Allbirds, alla compagnia di borse LeSportsac e al venditore di tè Matcha Laird Superfoods. Sono presenti anche marchi più grandi come Heineken, General Mills e KitchenAid. Nel 2019, quelle aziende hanno venduto $ 61 miliardi lordi usando il servizio di Shopify, generando ricavi per $ 1,6 miliardi per Shopify, con un aumento del 47% su base annua.

Ma nonostante questa crescita, l’azienda deve ancora generare un profitto annuale e deve affrontare la forte concorrenza di Amazon ed eBay – per non parlare dei potenziali nuovi concorrenti come Instagram e Square. “Amazon sta cercando di costruire un impero”, ha recentemente dichiarato Lutke ai suoi seguaci su Twitter. “Shopify sta cercando di armare i ribelli”.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!