“Quelli dell’IA”. L’intelligenza artificiale spiegata dai due organizzatori della AI Week Italia

Share

Con cloud, internet of things e blockchain, una delle buzzword tecnologiche degli ultimi anni è certamente artificial intelligence, o AI per semplicità. Senza dubbio la più affascinante ed evocatrice delle tecnologie citate, ma di fatto complessa e difficile da interpretare.

Tanti la usano con timidezza perché sono consapevoli di saperne poco, altri la usano a sproposito perché pensano di averne capito fino in fondo il significato.

A chiarire la situazione ci stanno pensando Giacinto Fiore e Pasquale Viscanti, due appassionati divulgatori che hanno creato l’ecosistema Intelligenza Artificiale spiegata semplice e da due anni organizzano la AI Week Italia. Forbes li ha incontrati e intervistati.

Che cos’è Intelligenza Artificiale spiegata semplice?

Intelligenza artificiale spiegata semplice è una community di imprenditori e manager curiosi di comprendere le potenzialità e le applicazioni pratiche dell’intelligenza artificiale all’interno delle loro aziende. Tecnicamente è un ecosistema multi canale: sito internet, gruppo Facebook, canali Youtube, Spotify e Alexa, fino ai libri cartacei.

Quando è nato il progetto e perché?

Siamo nati con un podcast a febbraio 2019, oggi conta oltre 130 episodi e decine di migliaia di ascolti. In quel periodo entrambi eravamo impegnati nella gestione manageriale di un’azienda che produce piattaforme basate su Intelligenza Artificiale e la nostra più grande sfida era far comprendere agli imprenditori le potenzialità delle soluzioni di AI e fare in modo che le comprassero. Su internet si trovava molto poco sull’argomento, così abbiamo deciso di avviare un progetto di divulgazione che insegnasse agli imprenditori questa tecnologia che già sta cambiando il mondo, a nostro avviso in meglio.

Quanto è grande la vostra community?

Oggi contiamo oltre 11 mila membri che con passione e dedizione seguono i nostri contenuti video e audio grazie ai vari social su cui pubblichiamo. Essendo multi canale e avendo sviluppato tanti progetti diversi, siamo molto visibili e riconosciuti. Spesso, quando arriviamo in nuovo contesto, ci dicono: “Ah, sì, voi siete quelli dell’AI”. E questo ci gratifica.

Quali sono i progetti principali che sviluppate?

Oltre alla community generale, esistono dei progetti verticali. L’Osservatorio, composto da aziende che producono soluzioni di Artificial intelligence, aiutandole ad arrivare più velocemente sul mercato delle PMI Italiane. L’AI Academy, i cui membri seguono ogni settimana in diretta video due esperti di AI che lavorano in grandi aziende come Enel, Tim, Poste Italiane, Microsoft, IBM, solo per citarne alcune. E la mitica AI Week Italia, la settimana italiana dell’Intelligenza Artificiale.

Raccontateci di più questo evento.

Siamo alla seconda edizione della AI Week Italia. Quest’anno si terrà dal 10 al 15 Maggio, naturalmente sarà totalmente online. Sarà un’occasione di incontro e dialogo tra scienziati, imprenditori, manager, startupper e studenti che vogliono comprendere e padroneggiare le infinite potenzialità dell’Intelligenza Artificiale. In 5 giorni si potranno scoprire le migliori use case di successo e prendere contatti per iniziare il proprio progetto. In questa occasione vedrà la luce anche la prima edizione del “Premio McCarthy”, riconoscimento che intende valorizzare ricercatrici e ricercatori under 35, protagonisti della ricerca scientifica italiana legata all’Intelligenza Artificiale.

L’evento di Giacinto Fiore e Pasquale Viscanti ha conquistato anche Forbes Italia, che sarà Media Partner e modererà alcune tavole rotonde. Eventuali altre informazioni sul sito www.aiweek.it.