Elon Musk volerà nello spazio con l’astronave di Richard Branson: ha acquistato il biglietto nel 2006

(Photo by Hannibal Hanschke-Pool/Getty Images)
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Il viaggio di Richard Branson ai confini dello spazio questo fine settimana ha ricevuto applausi da Jeff Bezos, Janet Jackson e Elon Musk. Il fondatore di SpaceX si è congratulato con Branson per un “bellissimo volo” da una posizione privilegiata allo Spaceport America nel New Mexico. Il rispetto è reciproco: domenica il fondatore di Virgin ha rivelato al Times di Londra che il suo rivale è in realtà un cliente: Musk infatti ha acquistato un biglietto per uno dei futuri voli spaziali di Branson.

In effetti, è noto che Musk sia stato uno dei primi sostenitori di Branson. Ha comprato il suo biglietto per Virgin Galactic nel lontano 2006, secondo un ex dirigente di Virgin Galactic.

“Elon Musk ha un biglietto per la Galassia”, ha detto a Forbes Will Whitehorn, che è stato presidente di Virgin dal 2004 al 2010 ed è ora presidente di U.K. Space, l’associazione dei categoria del settore. “Lo so perché sono stato io a venderlo a lui”.

Il deposito, che è arrivato quattro anni dopo che Musk ha fondato SpaceX, avrebbe restituito a Musk circa 250.000 dollari, se avesse pagato la tariffa corrente. Pochi spiccioli per la terza persona più ricca del mondo oggi, ma una bella fetta per l’Elon Musk del 2006.

Musk ha acquistato il suo biglietto in un periodo in cui avrebbe o fatto successo o abbandonato la SpaceX. Il primo dei suoi tre lanci falliti del Falcon 1 è avvenuto proprio nel 2006, prima del successo nel 2008, e ancora oggi Musk parla di quel periodo come di un periodo decisamente precario: “Gli ultimi soldi che avevamo”, ha detto in un evento nel 2017, riportato da Cnbc. Il deposito di Musk gli dà diritto a un posto su un aereo spaziale Virgin Galactic che attualmente ha una capacità di otto persone, sei passeggeri e due piloti. Virgin Galactic, che ha spesso posticipato le sue stime sui tempi, ha affermato di voler iniziare a volare con clienti paganti nel 2022.

Spazio per tutti, specialmente per i ricchi

Branson ha fondato Virgin Galactic nel 2004, basandosi sul successo del famoso progetto di navicella spaziale riutilizzabile di Burt Rutan, che aveva vinto l’Ansari X-Prize grazie al sostegno del defunto cofondatore miliardario di Microsoft Paul Allen.

Anche allora Branson e Musk erano sulla stessa pagina. “In realtà mi sono seduto accanto ad Elon Musk nell’inverno del 2004 quando eravamo di fronte al Congresso per far approvare l’atto di modifica del lancio commerciale nello spazio”, ricorda Whitehorn. “Richard aveva una visione dello spazio come di un luogo redditizio per salvare l’umanità, per dirla nei termini più schietti”.

Virgin Galactic non pubblicizza i nomi di coloro che hanno acquistato un biglietto, e nemmeno il prezzo del ticket, ma è noto che celebrità come Kate Winslet, Tom Hanks e Justin Bieber abbiano messo i loro nomi in lista.

Il più recente report trimestrale della società elencava depositi dei clienti per un totale di 83 milioni di dollari, suggerendo che circa 300 persone si sono iscritte per il viaggio di 90 minuti per sperimentare 7 minuti di assenza di gravità.

Ma c’è ancora molta strada da fare prima che Virgin Galactic diventi l’azienda di turismo spaziale da un miliardo di dollari all’anno che punta ad essere. Secondo Trefis, collaboratore di Forbes, le stime dei ricavi per il 2022 (se i voli iniziassero effettivamente) si attestano a circa 50 milioni di dollari, il che significa che le azioni vengono scambiate a oltre 180 volte le sue entrate future. Virgin Galactic ha riportato perdite nette per 273 milioni di dollari nel suo bilancio del 2020.

LEGGI ANCHE: “Dove vive Elon Musk da quando ha promesso di vendere quasi tutte le sue proprietà immobiliari”

SpaceX invece ha una proposta molto diversa. Fondata nel 2002 con l’obiettivo di portare gli esseri umani su Marte, Musk e il suo team hanno aperto la strada alla riutilizzabilità della sua navicella spaziale, un’importante innovazione nell’abbassare il prezzo di accesso allo spazio. I risultati di SpaceX includono il diventare il primo razzo interamente a propellente liquido finanziato da privati a raggiungere l’orbita nel 2008 e la prima azienda privata a inviare esseri umani sulla Stazione Spaziale Internazionale nel 2020. La sua cosiddetta “megacostellazione” di satelliti Starlink mira a fornire un servizio internet commerciale in tutto il mondo, mentre il suo sistema di lancio super pesante avvicinerà Musk al volo spaziale interplanetario. “I sistemi Virgin non sono affatto in concorrenza con Elon”, afferma Whitehorn. “Sono complementari”.

Musk ha augurato buona fortuna a Branson prima del suo volo di sabato, con una visita alle 3 del mattino nella sua cucina. “Elon è un amico” ha detto al Times domenica, “e forse un giorno viaggerò su una delle sue navi”.