Richard Branson conquista lo spazio. La storia di una corsa al successo iniziata 17 anni fa

Sir Richard Branson, Photo by Drew Angerer/Getty Images)
Share

C’è stato un lampo di energia proveniente da Spaceport America, la gigantesca installazione nel deserto vicino a Truth Or Consequences, cittadina del New Mexico, che lo Stato spera possa un giorno diventare una destinazione del turismo spaziale.

Anche se era mattina presto, c’era un DJ che suonava musica per una folla che includeva celebrità, magnati e molte persone che anni fa avevano acquistato un biglietto per fare, un giorno, il loro viaggio nello spazio. La trasmissione in livestream online è stata ospitata dal presentatore di talk show Stephen Colbert e agli ospiti è stata dedicata una nuova canzone del cantautore Khalid.

Poco dopo le 10:30 del mattino, l’aereo VMS Eve di Virgin Galactic decolla dallo spazioporto, trasportando la navicella spaziale VSS Unity e i suoi passeggeri nella pancia. Una volta raggiunta l’altitudine di 45.000 piedi circa 50 minuti dopo, lascia cadere l’Unity, che alimentava i propri motori a razzo e inizia la sua ascesa nello spazio. Una volta raggiunto l’apogeo del suo volo, l’astronave è tornata lentamente sulla Terra e il suo pilota l’ha fatta scivolare abilmente verso un atterraggio in planata. L’atterraggio morbido è stato effettuato alle 11:40.

“Avendo volato nello spazio, posso dire che Virgin Galactic è la linea spaziale della Terra”, ha detto Branson dopo il suo volo. “Siamo qui per rendere lo spazio più accessibile a tutti e trasformeremo la prossima generazione di sognatori in una generazione di astronauti”.

Il volo spaziale di successo, che ha portato Richard Branson e il suo equipaggio a oltre 50 miglia sopra la superficie terrestre e ha permesso loro di sperimentare l’assenza di gravità per 8 minuti, non è stata la prima volta di un miliardario nello spazio. Ma era la prima volta che un miliardario lo faceva sulla sua navicella spaziale. E l’evento è stato il culmine di un viaggio iniziato 17 anni fa.

Fu nell’ottobre 2004 che l’Ansari X-Prize, che offriva 10 milioni di dollari a chiunque fosse in grado di costruire un veicolo spaziale riutilizzabile che facesse due viaggi nello spazio in 14 giorni, fu rivendicato da Mojave Aerospace Ventures. La navicella, progettata da Burt Rutan e supportata dal cofondatore di Microsoft Paul Allen, ha battuto con successo altre 25 squadre. Poco dopo aver vinto la competizione, la società ha concesso in licenza la sua tecnologia a Richard Branson, che ha fondato Virgin Galactic per costruire un veicolo spaziale più grande al fine di operare come operatore turistico spaziale.

LEGGI ANCHE: Non solo Jeff Bezos: tutti i miliardari che sono già stati o che andranno presto nello spazio

Poco dopo la sua fondazione, la società ha iniziato a vendere i biglietti per i suoi voli al prezzo di  200mila dollari a persona (che è stato poi portato a 250mila nel 2013). Finora oltre 600 persone hanno acquistato i biglietti per il viaggio. Sebbene un Branson sempre ambizioso abbia iniziato a promettere che le operazioni commerciali sarebbero iniziate già nel 2009, la società ha subito una serie di gravi battute d’arresto nel suo percorso verso le stelle che hanno ritardato le cose fino al momento presente. Nel 2007, un test del motore a razzo ha ucciso tre persone e ne ha ferite altre gravemente. Nel 2014, la prima navicella spaziale della compagnia, la VSS Enterprise, è stata distrutta durante un volo di prova che ha ucciso uno dei suoi piloti e ha portato al ricovero di un altro. Secondo il National Transportation Safety Board, l’incidente è stato causato da un sistema di frenatura ad aria compressa azionato troppo presto. E ha quindi criticato sia l’appaltatore di Virgin Galactic, Scaled Composites, sia la FAA per non aver considerato il potenziale errore umano tradottosi in un incidente.

Tuttavia, la società ha continuato ad andare avanti. La sua seconda navicella spaziale, la VSS Unity, che domenica ha portato Branson nello spazio, è stata lanciata nel 2016 e da lì ha iniziato i test. Il primo volo a motore dell’Unity è stato realizzato nella primavera del 2018 e nel dicembre dello stesso anno il velivolo ha compiuto il suo primo viaggio di successo nello spazio. L’anno successivo, Virgin Galactic è diventata la prima società di turismo spaziale quotata in borsa dopo la fusione con la società di acquisizione per scopi speciali (Spac) Social Capital Hedosophia, fondata dal guru delle azioni Reddit Chamath Palihapitiya, che ora è presidente di Virgin Galactic (Il titolo ha chiuso a $ 49,20 venerdì e attualmente si mantiene stabile nel trading after hour).

Il volo di domenica è il secondo di una serie di prove destinate a preparare la compagnia per i suoi primi passeggeri commerciali, che dovrebbero iniziare a volare nel 2022 se tutto va bene. Ciascuno dei quattro membri dell’equipaggio, incluso lo stesso Branson, stava lavorando durante il viaggio. Sirisha Bandla, vicepresidente delle operazioni di ricerca dell’azienda, ha condotto un esperimento per conto del cliente dell’Università della Florida. L’ingegnere capo delle operazioni Colin Bennett stava valutando l’attrezzatura e le procedure della cabina, mentre l’istruttore capo dell’astronauta Beth Moses supervisionava gli altri tester. E il signor Richard? Il suo compito era valutare l’esperienza stessa, non solo in volo, ma anche l’esperienza di addestramento e preparazione.

Tutte queste valutazioni saranno necessarie a breve. A giugno, infatti, la FAA ha ampliato la licenza di Virgin Galactic per consentire ai clienti di volare sulla sua navicella spaziale, una pietra miliare normativa oltre al fatto che società ha un arretrato di oltre 600 clienti che si aspettano di vivere l’esperienza. Tuttavia, la società ha ancora molta strada da fare prima di ottenere il successo di altre attività di Branson come Virgin Airlines. Un recente rapporto di Morgan Stanley stima che Virgin Galactic non raggiungerà un flusso di cassa positivo positivo fino al 2028, sebbene preveda che entro il 2030 la società registrerà un fatturato di circa $ 1,3 miliardi.

Per Branson, tuttavia, questa vittoria è solo il culmine di un sogno durato 17 anni. È l’esperienza di una vita”, ha detto mentre era a bordo della navicella spaziale. “E ora sto guardando dall’alto in basso un bellissimo spazioporto. Congratulazioni a tutti per aver creato un posto così bel posto, anzi bellissimo. Congratulazioni a tutte le nostre meravigliose persone di Virgin Galactic e ai loro 17 anni di duro lavoro per portarci fino a qui”.