Le 13 celebrità che hanno guadagnato di più dopo la morte. Al primo posto sale lo scrittore Roald Dahl

(Photo by Ronald Dumont/Daily Express/Getty Images)
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com a firma di Abigail Freeman

Roald Dahl ha finalmente trovato il suo biglietto d’oro. Il creatore di Charlie e la fabbrica di cioccolato ha avuto molto successo da vivo – ha scritto 43 libri che sono stati adattati in 16 lungometraggi. Ma è stato solo quando era morto da tempo che le sue fortune hanno raggiunto la stratosfera.

A settembre, 31 anni dopo la morte di Dahl di cancro all’età di 74 anni, Netflix ha pagato 684 milioni di dollari per la Roald Dahl Story Company. Il gigante dello streaming ha in programma di creare una vasta gamma di programmi dalla raccolta di storie del romanziere britannico, tra cui Charlie, James e la pesca gigante, Matilda e altri.

L’accordo di Dahl con Netflix deriva da un accordo firmato nel 2018 per produrre una serie di programmi tv animati, uno dei quali basato sui produttori di caramelle dalla pelle arancione e dai capelli verdi, gli Oompa Loompa di Willy Wonka, per 1 miliardo di dollari. Con un budget di queste dimensioni, ha più senso per Netflix possedere la libreria Dahl a titolo definitivo. Lo streamer ora ha il controllo totale delle creazioni di Dahl che hanno venduto più di 300 milioni di libri e hanno generato film di successo, inclusi i due basati su Charlie che insieme hanno incassato più di 1 miliardo di dollari al botteghino. Ha in programma di creare videogiochi a tema Dahl, esperienze immersive, teatro dal vivo, prodotti di consumo e altro ancora.

La vendita dà al famoso autore per bambini un posto d’onore in cima alla lista di Forbes del 2021 delle celebrità decedute più pagate con un guadagno di 513 milioni di dollari. (Secondo i documenti nel Regno Unito, gli eredi di Dahl avevano almeno una partecipazione del 75% nella Roald Dahl Story Company prima che fosse acquisita). Prince è in seconda posizione quest’anno con 120 milioni di dollari, grazie a un accordo fatto dai suoi fratelli per vendere circa il 43% della proprietà, che include il suo catalogo con successi come When Doves Cry e Little Red Corvette, fino alla società di editoria e gestione musicale Primary Wave.

Michael Jackson, che è stato in cima alla lista per otto anni consecutivi dal 2013 al 2020, scende al numero 3 con 75 milioni di dollari, dopo aver scaricato un pezzo minoritario del suo catalogo di canzoni pop che ha iniziato a collezionare da vivo. Il creatore dei Peanuts Charles Schulz ($ 40 milioni) e Dr. Seuss ($ 35 milioni) completano la top five.

Tutti possono ringraziare la crescente corsa verso i contenuti, che negli ultimi anni ha arricchito i creatori più duraturi del mondo, sia vivi che morti. Un accordo di licenza tra Netflix e Dr. Seuss Enterprises, ad esempio, ha quasi raddoppiato i guadagni medi dell’autore scomparso negli ultimi cinque anni. In tutto, le celebrità morte di quest’anno hanno guadagnato un totale di 960 milioni di dollari, più del triplo del bottino dell’anno scorso.

Oltre a Dahl, i nuovi arrivati ​​di quest’anno includono celebrità come Luther Vandross, Bing Crosby e il cantautore Gerry Goffin ((You Make Me Feel Like) A Natural Woman, The Loco-Motion), che hanno beneficiato nell’aldilà di Primary Wave, disposta a pagare per i loro flussi di royalty. Si dice che la proprietà di David Bowie sia la prossima in fila per un buyout del catalogo, con offerte che si avvicinano ai 200 milioni di dollari. A cadere sono Kobe Bryant e Freddie Mercury, che hanno entrambi visto un picco di interesse nel 2020, così come Marilyn Monroe, il cui flusso di entrate dalle licenze è stato spinto fuori dall’ondata di acquisizioni.

“Il motivo per cui queste famiglie collaborano con noi è perché vogliono che reintroduciamo il marchio e l’incredibile musica in una nuova cultura giovanile”, afferma Larry Mestel, fondatore e ceo di Primary Wave, responsabile della prima apparizione di Bing Crosby nell’elenco delle celebrità decedute dopo aver acquistato un pezzo delle registrazioni principali del cantante, nonché il suo nome per circa 30 milioni di dollari. “La chiave è acquisire in modo intelligente e quindi eseguire idee di marketing per aumentare il valore”.

Mestel e gli eredi Crosby guardano oltre White Christmas, la canzone del 1942 originariamente del film Holiday Inn, che detiene il Guinness World Record per il singolo più venduto di tutti i tempi con una stima di 50 milioni di copie vendute in tutto il mondo. L’obiettivo, afferma il figlio di Crosby, Harry, partner della società di private equity di Trilantic North America, è estendere l’influenza culturale di suo padre ben oltre le festività natalizie.

“Volevo davvero non concentrarmi solo sui frutti di bassa portata” afferma Crosby. “È come un volano. Inizi ad innescare la pompa con alcune cose che fanno uscire il nome in un modo davvero massiccio: potrebbe essere una canzone o una serie. Quindi questo crea più domanda per la vasta biblioteca”.

Ecco la classifica delle celebrità decedute più pagate dall’aldilà