Tesla da record: quasi un milione di auto consegnate nel 2021

Tesla vendite
(foto Justin Sullivan/Getty Images)
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Tesla, la casa automobilistica statunitense che cresce più velocemente, ha registrato un record di veicoli elettrici consegnati nell’ultimo trimestre del 2021 e il più alto volume di vendite di sempre per l’anno. Ha consegnato infatti 936.172 auto e crossover ai clienti di tutto il mondo.

La società ha dichiarato di avere consegnato 308.600 unità negli ultimi tre mesi. A trascinarla è stata soprattutto la crescita delle hatchback Model Y e delle berline Model 3, mentre i più costosi crossover Model S e Model X, che vengono venduti per circa 100mila dollari, hanno contribuito in misura molto minore. La produzione degli stabilimenti di Tesla a Fremont, in California, e a Shanghai è arrivata a 305.840 unità per il trimestre e a 930.422 per l’anno.

L’azienda non fornisce dati relativi alle vendite per regione, ma la Cina è stata la chiave per l’incremento del volume di vendite, sia per il numero di auto consegnate ai clienti del posto, sia come base per l’esportazione verso l’Europa e altri mercati. Il conteggio delle consegne trimestrali, cresciuto del 70% rispetto a un anno fa, ha superato le attese di analisti di mercato come Emmanuel Rosner di Deutsche Bank, che aveva previsto la consegna di 282mila unità. Le consegne di Tesla per l’intero anno sono cresciute dell’87%.

Sebbene la società non sia riuscita ad arrivare al milione di veicoli consegnati nel 2021, l’amministratore delegato, Elon Musk, si è detto convinto che Tesla possa vendere 20 milioni di veicoli all’anno entro la fine del decennio. Si tratterebbe di un numero senza precedenti, perché i più grandi produttori di auto del mondo, come Toyota e Volkswagen, vendono ‘solo’ 10 milioni di unità all’anno in tutto il mondo. Di certo Tesla dovrebbe continuare a crescere in modo significativo per tutto il 2022, mentre si prepara ad aprire nuove fabbriche in Germania e in Texas che incrementeranno la sua capacità produttiva totale. Il tutto mentre cresce l’interesse dei consumatori verso i veicoli elettrici.

“Musk e soci hanno affrontato le carenze nelle forniture di chip meglio di qualsiasi altra casa automobilistica al mondo negli ultimi sei mesi”, ha dichiarato Dan Ives, analista di Wedbush, in una recente nota, nella quale ha alzato il target price delle azioni di Tesla fino a 1.800 dollari. “È per questo motivo che Tesla è in una chiara posizione di forza all’inizio del 2022, con un punto di svolta previsto per l’anno prossimo. Il fulcro delle previsioni di crescita rimane la Cina, che, secondo le nostre stime, rappresenterà il 40% delle consegne per il 2022”.

La società dovrebbe pubblicare i numeri del fatturato e dell’utile netto tra qualche settimana.

Le azioni di Tesla sono scese dell’1,3% venerdì, ultimo giorno di contrattazione del 2021, fino ad assestarsi a 1.056,78 dollari.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.