Anche Youtube si avvicina agli Nft: così il ceo Susan Wojcicki in una lettera ai creator

Share

“L’espansione dell’ecosistema di YouTube è sempre una nostra priorità, per aiutare i creator a sfruttare al massimo tecnologie emergenti come, ad esempio, gli Nft”. Così il ceo Susan Wojcicki comunica ai creator una delle novità relative al 2022. In una lettera Wojicki non ha diffuso molte informazioni sulla modalità con cui i Non fungibile token verranno integrati all’interno della piattaforma. Ma l’interesse verso nuovi sistemi di monetizzazione è evidente.

Le nuove frontiere di YouTube

“L’anno scorso, nel settore delle criptovalute, i token non fungibili (NFT) e le organizzazioni autonome decentralizzate (DAO) hanno messo in evidenza un’opportunità prima inimmaginabile per creare un contatto più forte tra i creator e i 1 loro fan”, si legge nella lettera. “Tra le ipotesi c’è quella di consentire ai creator di vendere Nft direttamente tramite i video. Un meccanismo che potrebbe portare ad una crescita esponenziale della popolarità dei Token”.

LEGGI ANCHE: “MrBeast è lo youtuber più pagato del mondo: 54 milioni di dollari nel 2021”

Twitter li ha già lanciati, Facebook e Instagram sembrano pronti ad accoglierli. E YouTube si accoda, guardando al cosiddetto Web3 “come fonte di ispirazione”. Sottolineando le opportunità che criptovalute, organizzazioni autonome decentralizzate – le Dao, che sono, in estrema sintesi, dei sistemi che operano senza bisogno dell’intervento umano – e Nft possono offrire.

I creatori di alcuni video virali di YouTube hanno già trasformato i loro prodotti i in Nft e li hanno venduti da soli. Il video Charlie Bit Me, raffigurante un bambino che morde il dito di suo fratello, è stato venduto all’asta l’anno scorso come Nft per 761.000 dollari. David After Dentist, un video di un bambino disorientato dopo l’anestesia, è stato venduto come Nft per oltre 11.000 dollari.

LEGGI ANCHE: “Gli Nft hanno i loro primi miliardari: sono i fondatori di OpenSea”

Le altre aree di innovazione: dal podcasting al gaming

“Abbiamo visto un’incredibile crescita nella community di YouTube”, aggiunge Wojcicki in riferimento al 2021. Oltre agli Nft, altre aree che di innovazione della piattaforma video saranno il podcasting, la funzionalità Shorts (dedicata ai video brevi) e nuove esperienze di gaming. Altre novità quelle relative a al sostegno nei confronti del lavoro dei creator: dalla gestione della metrica dei Non mi piace all’impegno verso la giustizia razziale, passando per la tutela dei bambini. “Alla base di tutti i nostri sforzi per innovare e supportare i nostri creatori c’è l’impegno a proteggere responsabilmente la nostra comunità. La lotta alla disinformazione e ad altri contenuti dannosi è una priorità assoluta”.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it Iscriviti