Chi è Gautam Adani, il miliardario indiano diventato l’uomo più ricco d’Asia

Gautam-Adani
Gautam Adani
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

L’uomo d’affari indiano Gautam Adani, secondo la classifica in tempo reale dei miliardari di Forbes, è diventato l’asiatico più ricco. Con un patrimonio di 90,1 miliardi di dollari è anche la decima persona più ricca del mondo. Ha superato di poco il miliardario indiano Mukesh Ambani, capo di Reliance Industries, che, secondo Forbes, lo precede di soli 100 milioni di dollari. In precedenza, Ambani era il miliardario asiatico più ricco.

Patrimonio raddoppiato nel 2021

È una crescita notevole per Adani, 59 anni, che nel 1988 ha abbandonato il college e ha avviato un’azienda di esportazione di materie prime. Nel 2008, è apparso nell’elenco di Forbes dei miliardari del mondo con un patrimonio di 9,3 miliardi di dollari. Il suo Gruppo Adani comprende un mix di attività che vanno dalla generazione e trasmissione di energia, all’olio alimentare, al settore immobiliare e al carbone. Il gruppo ha sei società quotate in India, la più rilevante delle quali è Adani Green Energy Ltd, le cui azioni sono aumentate del 77% nell’ultimo anno.

Il patrimonio netto di Adani è quasi raddoppiato rispetto ai 50,5 miliardi di dollari dell’aprile 2021, quando Forbes ha pubblicato la sua lista annuale dei miliardari del mondo.

Nello stesso periodo, il patrimonio netto di Mukesh Ambani, ora al secondo posto della classifica, è cresciuto solo del 6,5% rispetto agli 84,5 miliardi di dollari dello scorso aprile. Le azioni di Reliance Industries, che ha attività petrolifere, petrolchimiche, al dettaglio e di telecomunicazioni, giovedì sono scese dell’1,47% e finora sono scese del 2,3% dall’inizio del 2022.

La storia di Gautam Adani

Adani viene dallo stato indiano occidentale del Gujarat. Nel 1988 ha abbandonato il college e ha fondato la Adani Enterprises, inizialmente dedicandosi all’esportazione di materie prime. Successivamente ha ampliato le sue attività, occupandosi della gestione di porti, produzione di energia, anche solare, e altro ancora. La crescita del Gruppo Adani sembra essere stata sostenuta da Narendra Modi, che prima di diventare Primo ministro indiano era Primo ministro dello Stato del Gujarat. Come riportato da Forbes nel 2014, Modi è stato ospite al matrimonio del figlio di Adani. Nel settembre 2020, Adani Group ha acquisito una partecipazione del 74% nell’aeroporto internazionale di Mumbai, il secondo più trafficato dell’India.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.