Lo smart working non convince i miliardari: il 52% di loro scommette sul modello ibrido. Il sondaggio di Forbes

Marc Benioff. (Photo by Jemal Countess/Getty Images for TIME)
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

La scorsa settimana Elon Musk ha toccato un nervo scoperto quando ha detto che avrebbe richiesto a tutti i dipendenti Tesla di smettere con lo smart working e di tornare in ufficio per almeno 40 ore a settimana o di lasciare l’azienda. La forte presa di posizione della persona più ricca del mondo ha suscitato una tempesta di reazioni, tra cui quella del miliardario australiano Scott Farquhar, cofondatore e ceo del gigante del software Atlassian, che ha definito lo sfogo di Musk “qualcosa proveniente dagli anni ’50”.

L’intero dibattito che si è sviluppato sul tema ha rivelato un’ampia discrepanza nel modo in cui i leader delle aziende vedono il futuro del lavoro. Dropbox per esempio, guidata da Drew Houston, ha svenduto gran parte dei suoi uffici e ha dato ai dipendenti la possibilità di lavorare in smart working per sempre; Twitter, che Musk vuole rilevare, ha annunciato a marzo che i suoi dipendenti avranno la stessa scelta. Altre società stanno seguendo un modello ibrido. Tra queste c’è Apple, guidata da Tim Cook, che attualmente richiede ai suoi dipendenti di presentarsi in ufficio due volte a settimana.

Più della metà vuole un modello ibrido

Dai dati emersi, la maggior parte dei miliardari pensa che le aziende debbano tornare a lavorare totalmente in presenza o almeno ibride, con almeno un po’ di tempo passato in ufficio. Abbiamo intervistato 65 delle persone più ricche del mondo e abbiamo scoperto che poco più della metà di loro (52%) ritiene che i modelli “ibridi” che consentono ai dipendenti di combinare lavoro di persona e remoto saranno la strada del futuro rispetto al 45% che pensa che la maggior parte dei dipendenti tornerà fisicamente agli uffici. Solo il 3% afferma che il lavoro finirà per essere prevalentemente in smart working.

Uno dei principali sostenitori del lavoro ibrido, Mark Dixon, il miliardario fondatore e ceo di IWG, fornitore svizzero di ambienti di lavoro flessibili, descrive la pandemia come un momento rivoluzionario nel “mondo del lavoro” simile all’avvento del computer.

“Anche se [era] impostato per essere solo un fenomeno temporaneo, gli effetti della pandemia sul lavoro milioni di persone saranno con noi per sempre”, ha affermato Dixon. “Le ragioni sono facili da trovare: la crescente domanda di conciliazione tra lavoro e vita privata, l’intensificarsi del bisogno di attrarre le persone migliori, la crescente enfasi delle aziende sulle politiche di welfare, l’aumento dei costi degli spazi del centro città e, forse soprattutto l’imperativo climatico, stanno persuadendo dipendenti e datori di lavoro a cambiare il modello di lavoro”.

A fare la differenza è il tipo di servizio offerto

David Hoffman, che ha avviato la sua società di ricerca esecutiva DHR nel 1989 e ora è anche il più grande sviluppatore immobiliare a Naples, in Florida, ha affermato di vedere già i vantaggi del passaggio al lavoro flessibile. Il miliardario ha detto a Forbes che DHR ha venduto circa l’80% dei suoi uffici in città come New York e Chicago, aggiungendo “milioni” ai profitti dell’azienda. “Abbiamo anche riscontrato che la nostra produttività è aumentata del 20% e il nostro turnover è notevolmente diminuito”, ha osservato Hoffman.

Eppure, ci sono molti miliardari che discutono per un ritorno al lavoro com’era prima della pandemia. Jim Thompson, il miliardario con sede a Hong Kong dietro Crown Worldwide, una delle più grandi società di traslochi, trasporti e logistica del mondo, ha affermato che, sebbene la pandemia abbia incentivato il lavoro a distanza, non sostituirà adeguatamente il lavoro in presenza.

“Sono arrivato a vedere che alcuni ruoli in un’azienda possono essere svolti da remoto e ciò ha effetti positivi per le famiglie che vivono distanti dal luogo di lavoro o hanno bambini a cui badare. Lo svantaggio però è avere gran parte dei dipendenti dell’azienda che lavora individualmente e ciò penalizza il management che vuole costruire una squadra forte”, ha affermato Thompson. “Credo che il ruolo dell’ufficio sia ancora vitale per il successo di un’azienda”.

L’hospitality soffre per lo smart working

Poi ci sono quelli come Tilman Fertitta, il miliardario proprietario di Fertitta Entertainment, la società madre del gigante della ristorazione Landry’s e degli Houston Rockets della Nba, che non condividono il lavoro da remoto. “Siamo nel settore dell’hospitality dove il nostro unico scopo è quello di servire gli ospiti e creare esperienze memorabili. È impossibile farlo senza essere presenti all’interno dei nostri ristoranti, casinò, hotel e complessi di intrattenimento”, ha affermato Fertitta.

Il progressivo allontanamento dal lavoro in presenza ha conseguenze devastanti per aziende come Fertitta Entertainment, che potrebbero fare difficoltà a trovare persone disposte a svolgere un lavoro fisico. “Le nostre sedi sono già a corto di personale”, ha affermato il miliardario con sede in Texas. “I clienti ci dicono ogni giorno quanto apprezzano il ritorno all’interazione sociale e all’esperienza di cenare fuori. L’ospitalità, i viaggi e il tempo libero sono tornati; e ora è tempo che anche i dipendenti si uniscano”.

Gli esperti intervistati da Forbes prevedono che diventerà sempre più difficile per le aziende che non si adatteranno a un modello ibrido trattenere i migliori talenti, almeno nelle carriere in cui lo smart working è un’opzione. “Ora le persone hanno avuto un assaggio di com’è avere più libertà sul posto di lavoro e sarà molto difficile convincerle a tornare”, ha affermato Thomas Malone, professore di management presso il Massachusetts Institute of Technology.

L’esempio del ranch di Marc Benioff

Raj Choudhury, professore associato presso la Harvard Business School che ha trascorso anni a studiare il lavoro a distanza, sostiene che il lavoro a distanza con alcune riunioni obbligatorie di persona sarà il principale modello del futuro. Tuttavia, ritiene che la definizione di lavoro “ibrido” assumerà probabilmente un nuovo significato man mano che le aziende sperimenteranno diverse opzioni per la collaborazione di persona.

“Quello che sto osservando e che la mia ricerca sta sottolineando è che la stragrande maggioranza delle aziende si sta avvicinando a un modello di lavoro ibrido, ma la realtà è che c’è molta sperimentazione da fare”, ha detto Choudhury, indicando il “ranch” aperto dal miliardario proprietario di Salesforce Marc Benioff all’inizio di quest’anno a Redwoods di Scotts Valley, in California, come luogo in cui i suoi dipendenti possono riunirsi quando serve. Il messaggio da ricordare è che “il vecchio ufficio come lo intendevamo è completamente anacronistico”.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.