Cosa sta succedendo alle criptovalute? Da novembre è una discesa senza fine

criptovalute, crollo
(Foto di Getty Images)
Share

Continua senza sosta il calo del mercato delle criptovalute che, dopo un lunedì nero, anche oggi sta facendo registrare nuove perdite. Attestandosi al di sotto dei mille miliardi di dollari di capitalizzazione.

Fatti principali

  • Inizia nel peggiore dei modi la settimana per il mercato delle criptovalute. Dopo un lunedì nero, con perdite diffuse intorno al 15%, anche oggi le principali valute digitali stanno facendo registrare continui ribassi. Portando la capitalizzazione di mercato al di sotto dei mille miliardi di dollari.
  • Dopo aver toccato 20.824, il bitcoin adesso si trova in area 22mila dollari, comunque ai minimi da dicembre 2020. Ethereum, invece, dopo aver rischiato di scendere al di sotto dei mille dollari, adesso scambia intorno ai 1.193 dollari. Pur sempre ai minimi da gennaio 2021.
  • Oltre al costante aumento dell’inflazione, che sta preoccupando i mercati finanziari e sta monopolizzando le scelte delle principali banche centrali, e alle novità in termini di regolamentazione, la nuova debacle è stata dettata da altri due fattori: da Celsius Network, piattaforma britannica che consente di prendere in prestito fondi e guadagnare interessi su depositi in criptovalute, che ha sospeso i prelievi a causa di “condizioni estreme del mercato” e da Binance, la più grande piattaforma del mondo di trading di criptovalute, che ha annunciato di aver momentaneamente sospeso i prelievi di bitcoin.

La citazione

In un tweet pubblicato qualche ora fa, Changpeng Zhao, numero uno di Binance, non ha però perso occasione per ricordare il suo pensiero sul mercato delle criptovalute. Dichiarando “Se investi solo durante il mercato rialzista, farai…”

In cifre

A novembre 2021, momento di massimo splendore per le criptovalute, la capitalizzazione del mercato era di circa 3.000 miliardi di dollari. Adesso, invece, è intorno ai 962 miliardi di dollari. Il Bitcoin è in calo del 61%, mentre Ethereum addirittura del 73%.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.