Warren Buffett compra ancora azioni di Occidental Petroleum: ora possiede il 16,3%

Warren-Buffett-petroleum
Gettyimages
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Con i prezzi del petrolio in calo, l’investitore miliardario Warren Buffett sta acquistando quote di uno dei suoi titoli energetici preferiti. Questa settimana il suo gruppo di investimenti Berkshire Hathaway ha acquistato azioni in Occidental Petroleum per un valore di circa 530 milioni di dollari.

La quota di Buffett arriva al 16,3%

La Berkshire Hathaway di Buffett ha acquistato circa 9,5 milioni di azioni di Occidental nel corso della scorsa settimana, secondo quanto riportato in un nuovo documento normativo pubblicato mercoledì. Dopo una serie di acquisti iniziati alla fine di febbraio, il gruppo dell’imprenditore possiede ora circa 152 milioni di azioni di Occidental, una quota del 16,3% per un valore di circa 8,5 miliardi di dollari. Cifra che rende Berkshire di gran lunga il maggiore azionista del gigante dell’energia.

Le azioni di Occidental Petroleum non sono riuscite a salire dopo la notizia di giovedì, ma rimangono tra i titoli con la migliore performance di quest’anno, con un aumento di oltre il 90% grazie alla massiccia impennata dei prezzi del petrolio che si è verificata nel 2022.

Il calo dei titoli energetici nel 2022

Sebbene il petrolio abbia subito un’impennata quest’anno, raggiungendo un massimo di quasi 140 dollari al barile dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, i prezzi si sono moderati nell’ultimo mese, con un calo dei titoli energetici all’inizio del 2022.

Giovedì il petrolio ha continuato a scendere: il prezzo del benchmark West Texas Intermediate si attesta a quasi 105 dollari al barile, in calo rispetto ai quasi 120 dollari di inizio giugno, mentre l’indice internazionale Brent si attesta a 110 dollari al barile.

Buffett pensa che l’impennata dei prezzi del petrolio e del gas non finirà presto e sta sfruttando alcuni dei recenti ribassi come opportunità di acquisto tra le previsioni degli analisti, secondo cui il petrolio resterà ben al di sopra dei 100 dollari al barile per tutta l’estate.

Prezzi del petrolio moderati entro il prossimo anno

Il settore energetico dell’S&P 500 è stato il più performante del mercato in mezzo al brutale crollo di quest’anno, con un aumento di oltre il 20% rispetto al calo di oltre il 20% dell’indice di riferimento. Sebbene gli esperti concordino sul fatto che le società energetiche abbiano “goduto di solidi profitti”, altri prevedono che i prezzi del petrolio potrebbero aver raggiunto il “picco” e potrebbero moderarsi entro il prossimo anno.

“La volatilità del petrolio rimarrà elevata ora che stanno emergendo opinioni opposte su come i prezzi finiranno l’anno”, prevede Edward Moya, analista di mercato senior di Oanda. I prezzi sono “sotto pressione” a causa dei timori di recessione globale e dell’inflazione elevata, con “tutti i fattori a breve termine che diventano negativi per le prospettive della domanda di petrolio greggio”.

Un altro titolo energetico di Buffett è Chevron, le cui azioni sono salite oltre il 18% quest’anno. Con una partecipazione massiccia del valore di circa 26 miliardi di dollari, è uno dei titoli più importanti dell’investitore miliardario dopo Apple e Bank of America.

Forbes ha inserito l’imprenditore al nono posto della classifica degli uomini più ricchi del mondo. L’ultima mossa alimenta ulteriori speculazioni sulla possibilità che Buffett aumenti la sua partecipazione in Occidental al 20% o che si spinga oltre per acquistare l’intera società.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.