Gruppo San Benedetto si conferma leader nel mercato del beverage analcolico in Italia per il settimo anno consecutivo

Share

Se non bevi alcolici, probabilmente bevi prodotti San Benedetto. Il gruppo Acqua Minerale San Benedetto si conferma infatti leader nel mercato del beveraggio analcolico in Italia per il settimo anno consecutivo, con il 17% del volume complessivo. Lo rivela GlobalData, società internazionale di ricerca e consulenza di mercato specializzata nel mondo del beverage.

San Benedetto è assoluta protagonista anche nei singoli mercati. Nell’ultimo anno ha consolidato il primato nel comparto dell’acqua minerale (12,5% del volume), in quello del tè freddo (29,3%) e nel settore delle bibite gassate non-cola (32,2%). Energade, inoltre, è il brand leader nella categoria sport drinks (37,4%).

Eccellenza italiana

Il Gruppo San Benedetto, azienda a capitale interamente italiano, rappresenta la più grande realtà del nostro Paese nel mercato delle bevande. Conta 834 milioni di euro di fatturato consolidato, oltre duemila dipendenti, presenza commerciale in oltre cento nazioni, sette stabilimenti in Italia e oltre 4,5 miliardi di bottiglie prodotte in tutto il mondo.

“Una conquista di squadra”

“Questo traguardo ci riempie d’orgoglio perchè è frutto di un lungo lavoro di programmazione e innovazione in un mercato altamente competitivo”, ha commentato Enrico Zoppas, presidente e amministratore delegato di Acqua Minerale San Benedetto S.p.A. “Essere riusciti a raggiungere risultati che ci hanno posto come eccellenza assoluta nel beverage analcolico italiano è un’attestazione di fiducia enorme e una conquista di squadra”.

“Ciò evidenzia lo stato di salute della nostra azienda, come certificato anche dai numeri dell’andamento del primo semestre 2022, e rappresenta una sfida a fare sempre di più, in quanto per noi di San Benedetto ogni obiettivo raggiunto non è considerato un punto di arrivo ma uno da cui ripartire con il fine di fare sempre meglio”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.