Tesla ai minimi da un anno. E la fortuna di Elon Musk scende sotto i 200 miliardi di dollari

Elon Musk licenziamenti Tesla
(foto Win McNamee/Getty Images)
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Alla fine di settembre 2021, mentre le azioni di Tesla salivano alle stelle, Elon Musk superava Jeff Bezos diventando la persona più ricca del mondo e la terza (dopo Bezos e Bernard Arnault del conglomerato francese del lusso LVMH) ad avere un valore di almeno 200 miliardi di dollari. Ora, dopo 14 mesi ricchi di eventi, la corsa dell’imprenditore è finita, almeno per ora.

Musk sotto i 200 miliardi per la seconda volta

Martedì, mentre le azioni di Tesla toccavano i minimi di 52 settimane nelle prime ore del mattino, il patrimonio del miliardario è sceso a 195,6 miliardi di dollari, secondo le stime delle 10 del mattino. È solo la seconda volta dal 1° ottobre 2021 che Musk vale meno di 200 miliardi di dollari (il 24 maggio 2022 il suo patrimonio netto è sceso a 199 miliardi di dollari prima di risalire rapidamente).

Sebbene Musk rimanga la persona più ricca del mondo, ora “vale” più di 120 miliardi di dollari in meno rispetto al 4 novembre 2021, quando le azioni del suo produttore di veicoli elettrici hanno raggiunto il massimo dopo l’annuncio del grosso ordine di Hertz per Tesla. Inoltre, il suo valore è inferiore di oltre 74 miliardi di dollari rispetto al 13 aprile 2022, il giorno prima di rendere pubblica la sua offerta pubblica di acquisto per Twitter del valore di 44 miliardi di dollari.

Il crollo di Tesla dopo l’accordo con Twitter

Quando Musk ha acquisito la società di social media il 27 ottobre, dopo aver cercato di tirarsi indietro per mesi, la sua partecipazione stimata dell’82% in Twitter valeva quasi il 40% in meno di quanto l’aveva pagata, secondo le stime di Forbes basate su un indice di società di social media quotate in borsa. Fortunatamente per l’imprenditore, prima di annunciare l’offerta ha accumulato in silenzio una quota del 9% in Twitter, quando il prezzo delle azioni era già basso, finanziando parte della sua acquisizione con 13 miliardi di dollari di debito sul bilancio di Twitter, anziché sul suo. Queste mosse hanno contribuito a contenere le perdite dell’operazione.

Tuttavia l’accordo con Twitter ha pesato sul titolo Tesla per quasi sei mesi, in quanto gli investitori si sono preoccupati della distrazione di Musk e del finanziamento della transazione, che gli ha richiesto la vendita di un totale di 15,4 milioni di dollari di azioni Tesla (al lordo delle imposte) tra aprile e agosto. Quando l’imprenditore ha acquisito la società di social media il 27 ottobre, il prezzo delle azioni di Tesla era sceso del 34% dal 13 aprile, ovvero quasi 13 punti percentuali in più rispetto al calo del Nasdaq nello stesso periodo.

“Ci si aspettava che il dramma rallentasse dopo la chiusura, provocando un rally di sollievo”, afferma l’analista Garrett Nelson di Cfra Research. “Invece il flusso di notizie è stato quasi ininterrotto e sta pesando sul sentimento degli investitori verso le azioni Tesla. Ci sono crescenti preoccupazioni che Twitter si stia trasformando in una distrazione per Musk più di quanto previsto prima della chiusura dell’accordo”.

I problemi di produzione in Cina

In meno di due settimane, il miliardario ha assunto il terzo incarico di ceo di Twitter, ha licenziato quasi la metà della forza lavoro dell’azienda, ha fatto arrabbiare gli utenti proponendo un costo di 8 dollari al mese per la verifica dell’account e ha affrontato un boicottaggio da parte degli inserzionisti preoccupati per la moderazione rilassata dei contenuti sulla piattaforma. Gli investitori di Tesla sembrano preoccupati. Le azioni del produttore di veicoli elettrici sono scese di quasi il 15% dal 27 ottobre alle ore 10 di martedì, ovvero più di sette volte il calo del Nasdaq.

Negli ultimi giorni ci sono stati altri fattori che hanno pesato sul prezzo delle azioni di Tesla. “I sondaggi sono positivi per il Partito Repubblicano e questo fa sì che gli investitori siano preoccupati per diversi nomi dell’energia pulita”, ha detto lunedì Matt Maley, chief market strategist di Miller Tabak. E “le preoccupazioni per la Cina di Apple stanno avendo un impatto negativo sulle azioni Tesla”, ha detto lunedì Dan Ives, analista di Wedbush.

Il riferimento è all’annuncio del produttore di iPhone relativo alle significative interruzioni, causa politica zero-Covid, della produzione in Cina, dove Tesla genera quasi un quarto delle sue vendite. I problemi di produzione nel Paese hanno pesato molto sulle azioni di Tesla quest’anno. Come se non bastasse, martedì mattina è stato reso noto il richiamo da parte di Tesla di 40mila auto per un possibile problema allo sterzo. Ma Maley e Ives sono d’accordo su una cosa. “In primo luogo, si tratta dei continui postumi dell’accordo con Twitter”, afferma Maley. O come dice Ives: “Lo spettacolo del circo di Musk su Twitter continua”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.