Biden bacchetta Elon Musk: i suoi rapporti con i governi stranieri sono da rivedere

Joe Biden
Photo by Chip Somodevilla/Getty Images
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha suggerito che la sua amministrazione potrebbe indagare sulle relazioni commerciali e tecniche di Elon Musk con governi stranieri, tra cui l’Arabia Saudita, che è diventata un importante investitore nell’acquisto di Twitter per 44 miliardi di dollari.

Il rapporto burrascoso tra Biden e Musk

A Biden, che mercoledì ha incontrato i giornalisti alla Casa Bianca per discutere delle elezioni di midterm e di politica estera, Jenny Leonard di Bloomberg ha chiesto se Musk sia da considerare una potenziale minaccia per la sicurezza nazionale e se l’acquisizione di Twitter con il denaro dei sauditi e di altri governi stranieri debba essere indagata.

“Penso che la cooperazione e le relazioni tecniche di Elon Musk con altri Paesi meritino di essere esaminate”, ha detto Biden. “Che stia facendo o meno qualcosa di inappropriato, non lo sto suggerendo. Sto dicendo che vale la pena di esaminarlo. E questo è tutto ciò che dirò”.

I commenti non miglioreranno i rapporti tra Biden e l’uomo più ricco del mondo, che ha deriso l’età del Presidente e l’anno scorso lo ha definito un “umido pupazzo di calzini in forma umana“. Musk è sembrato particolarmente infastidito dal fatto che l’amministrazione Biden abbia ignorato i risultati ottenuti da Tesla nel mercato dei veicoli elettrici lodando invece gli sforzi di General Motors e Ford per sviluppare le proprie attività nel settore.

Gli altri investitori di Twitter

Musk non ha risposto a una richiesta di commento e non ha fatto riferimento alle osservazioni. Biden non è il solo a essere preoccupato per i legami internazionali del miliardario. Il principe Alwaleed bin Talal bin Abdulaziz dell’Arabia Saudita, non certo un baluardo dei valori democratici liberali, ha sostenuto l’acquisto di Twitter con 1,9 miliardi di dollari ed è il suo secondo più grande investitore (dopo aver investito nel social nel 2011, il principe possedeva già una parte della società e ha deciso di rinnovare il suo investimento).

Anche il Qatar Investment Fund ha investito 375 milioni di dollari. Gli investimenti di questi interessi hanno suscitato preoccupazioni per la sicurezza nazionale da parte di funzionari governativi, tra cui il senatore Chris Murphy (D-Conn.), che ha chiesto una revisione da parte del Comitato per gli investimenti esteri negli Stati Uniti (o Cfius).

Le relazioni di Musk con gli altri Paesi

Oltre a Twitter, gli altri interessi commerciali di Musk potrebbero creare altre preoccupazioni. SpaceX ha aiutato l’Ucraina fornendo per diversi mesi il servizio internet critico basato sul satellite Starlink, anche se ha dichiarato successivamente di porre fine a questa assistenza.

Tesla ha bisogno di grandi quantità di materie prime per le batterie, tra cui il nichel russo. Musk è stato criticato per aver proposto su Twitter un piano di pace per porre fine alla guerra di Putin contro l’Ucraina con un tono sensibilmente favorevole al Cremlino. Il miliardario ha anche legami con la Cina, in quanto la sua azienda è l’unica casa automobilistica straniera nel Paese a cui è stato permesso di possedere e gestire il proprio stabilimento senza essere costretta a lavorare con un partner cinese interno.

Questo ha portato molti osservatori a chiedersi se la Cina, che vieta Twitter, sarà in grado di esercitare il suo controllo sul sito cercando di minimizzare le critiche sulle sue politiche, tra cui il trattamento degli uiguri, o sopprimendo i contenuti pro-Taiwan. Le azioni Tesla, in calo di circa il 50% quest’anno, sono scese del 7% a 177,59 dollari nelle contrattazioni del Nasdaq di mercoledì.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.