Dal design al packaging, cosa sta facendo Acer in termini di sostenibilità

Share

ACER – BRANDVOICE / Paid program
Contenuto tratto dal numero di novembre 2022 di Forbes Italia. Abbonati!

Innovazione tecnologica e tutela dell’ambiente. Un connubio imprescindibile quello al centro dell’ambiziosa strategia di Acer, azienda del settore It da sempre votata al green, che continua a rafforzare il proprio impegno sul fronte della sostenibilità. E lo fa nella sua accezione più ampia che include, in un ciclo virtuoso, pianeta, persone e prodotti. Un esempio concreto dell’impegno di Acer si riscontra nella linea di prodotti eco-sostenibili della gamma Vero: una famiglia completa di device realizzati con plastica riciclata (post-consumer recycled) da materiali di scarto provenienti da strutture domestiche, commerciali, industriali e pubbliche.

“L’equilibrio tra sostenibilità e performance rappresenta oggi la più grande sfida per Acer”, ha spiegato Tiziana Ena, product business unit head di Acer. “Abbiamo lavorato a lungo per implementare in modo innovativo e funzionale materiali ecologici senza sacrificare le performance dei dispositivi, lanciando dapprima Acer Aspire Vero, primo laptop eco-sostenibile, successivamente una gamma completa di dispositivi green: la famiglia Vero. Entro il 2025 Acer intende estendere l’utilizzo di Pcr ad altre linee di pc, continuando la ricerca di materiali sempre più ecologici”.

In linea con la propria strategia globale di sviluppo sostenibile, inoltre, a livello locale Acer collabora con Marevivo, onlus che si occupa della tutela del mare e dell’ambiente. In particolare, sostiene il progetto RePlant, che si pone l’obiettivo ripristinare la flora marina nei fondali dell’Aurisina (Ts), particolarmente compromessi da attività umane.

Acer ha deciso di perseguire il proprio impegno verso l’ambiente anche attraverso Earthion (earth + mission), una piattaforma che ospita tutte le azioni virtuose messe in campo dall’azienda e dai propri stakeholder. Un progetto ambizioso, in cui ogni persona coinvolta ha un ruolo attivo e concreto. Earthion è la naturale evoluzione di Project Humanity, iniziativa lanciata già nel 2017 dall’azienda e finalizzata a sensibilizzare i dipendenti sull’importanza della riduzione degli sprechi, del riutilizzo e del riciclo. Negli ultimi anni, grazie alla partecipazione attiva di oltre il 75% dei dipendenti Acer in 50 Paesi, sono state rigenerate oltre 50 tonnellate di batterie.

“Con la piattaforma Earthion Acer ha fatto un grosso passo avanti”, spiega Diego Cavallari, country manager di Acer Italia, “estendendo a partner e fornitori un’iniziativa ormai radicata all’interno della cultura aziendale. L’obiettivo, sfidante e ambizioso, è quello di unire le forze e generare un impatto ancora più forte”. Le azioni sono molteplici e interessano diversi fronti: dal design del prodotto e del packaging, in linea con i principi di riuso e riciclo, alla logistica e alla produzione, che dovranno ridurre al minimo l’impatto ambientale e lasciare la più piccola impronta di carbonio possibile. “Si pensi che solo nel 2020 gli imballaggi dei pc realizzati in carta riciclata hanno permesso un risparmio di 20 milioni di sacchetti di plastica”.

Un’altra ambiziosa sfida è rappresentata dall’adesione a RE100, un programma mondiale che riunisce oltre 100 aziende leader impegnate nella tutela dell’ambiente. L’obiettivo? Utilizzare il 100% di energia proveniente da fonti rinnovabili entro il 2035. Acer già nel 2012 si è imposta limiti più bassi nella produzione di carbonio e nel 2020 ha ridotto le emissioni del 60%, raggiungendo nello stesso anno il 44% di utilizzo di energia rinnovabile a livello globale.

Altrettanto importante è l’impegno di Acer nella gestione eco-sostenibile dei rifiuti associati ai prodotti elettronici. In Italia, grazie alla collaborazione con Erion, nel corso del 2021 Acer ha raccolto 1.427 tonnellate di rifiuti Raee domestici, e 16,2 tonnellate di rifiuti di pile e accumulatori, riciclando 1.293 tonnellate di materiali, risparmiando circa 2,9 milioni di kWh di energia ed evitando di immettere 2.310 tonnellate di CO2 equivalente nell’ambiente. Gli sforzi dell’azienda in termini di responsabilità d’impresa sono infine riconosciuti dai più importanti indici di sostenibilità globali: nel 2021 e 2022 Acer ha ottenuto una Silver class nella classifica S&P global sustainability yearbook delle aziende con il più alto punteggio esg. Acer è inoltre nella classifica Msci Esg Leaders per l’ottavo anno con rating “AAA” ed è entrata nel Dow Jones sustainability indices emerging markets index.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.