Seguici su
SpaceEconomy 7 Settembre, 2020 @ 2:03

Dentro Virgin Orbit, il progetto satellitare di Richard Branson che sfida Musk e Bezos

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Richard Branson a Wall Street durante l’Ipo di Virgin Galactic lo scorso ottobre. (Photo by Drew Angerer/Getty Images)

Articolo di David Dawkins apparso su

Alla fine di maggio, al culmine della pandemia, William Pomerantz, vicepresidente dei progetti speciali alla Virgin Orbit, ha voluto regalare al gruppo Virgin di Richard Branson una grande vittoria. Branson e il suo team stavano subendo un disastroso stop: l’intera flotta della compagnia aerea Virgin Atlantic era a terra, 3.550 posti di lavoro sarebbero stati presto tagliati e per salvare il suo impero economico erano necessari 1,9 miliardi di dollari.

Ma posizionato sotto l’ala di un jumbo jet Virgin 747, soprannominato “Cosmic Girl”, al Mojave Air and Space Port della California c’era un razzo che Pomerantz sperava potesse decollare e portare Branson e Virgin lontano dal destino e dall’oscurità, anche solo per un momento.

Il servizio di lancio di piccoli satelliti di Virgin Orbit ha fatto molta strada da quando è stato scorporato dalle più ampie operazioni di volo spaziale di Branson, Virgin Galactic, nel marzo 2017, con il piano di lanciare piccoli satelliti nello spazio per le aziende di tutto il mondo.

“Stiamo tutti leggendo le stesse notizie tramite i social media e tutto il resto”, dice Pomerantz a proposito dei problemi che la Virgin Atlantic deve affrontare in questo momento. “Questo ci motiva”. Tuttavia, il fallimento non è previsto Virgin, e la pandemia ha esercitato ancora più pressione: “Non possiamo sprecare un solo centesimo perché è qualcosa che avrebbe potuto sostenere i nostri cugini, i nostri fratelli e sorelle nel gruppo. .. [che hanno] finanziato tutto ciò che abbiamo fatto finora “, dice Pomerantz. Quando il 747 decollò con un razzo Virgin Orbit sotto la sua ala, Branson aveva già speso circa 700 milioni di dollari nell’impresa.

Sir Richard ha assistito, insieme allo staff di 500 Orbit, a un live streaming organizzato insieme a coniugi, figli, cani e gatti dei membri dello staff. Dopo essere decollato come previsto e sganciato con successo il razzo dall’ala del 747, i motori si sono accesi e per “cinque secondi circa” ha preso quota. Ma non per molto. Con disappunto di Branson, il razzo è scoppiato a causa di quello che in seguito sarebbe stato descritto come un guasto di una linea del carburante ad alta pressione.

LEGGI ANCHE: “Virgin Galactic svela gli interni della sua navicella pensata per i turisti spaziali”

Il collega Elon Musk ha reagito con simpatia. “Mi dispiace. L’orbita è difficile “, ha twittato, aggiungendo che la sua azienda, SpaceX, ha fatto quattro tentativi prima di raggiungere l’orbita nel settembre del 2008. Lo stesso Branson ha aspettato un’ora “prima di parlare al telefono con il ceo, Dan Hart. “Nella sua testa si presenta subito il pensiero:  ‘Bene quando riproviamo?”, ricorda Pomerantz, descrivendo l’atmosfera nella stanza mentre il sole tramontava in California come “un grande passo avanti che tuttavia non era neanche lontanamente grande come volevamo che fosse”.

Un passo indietro

Ma per Pomerantz, Branson, Virgin e il mondo imprenditoriale che guarda, inclusi concorrenti come SpaceX e Blue Origin di Jeff Bezos, è stata data risposta a una domanda più ampia: Richard Branson potrebbe lanciare un razzo dall’ala di un aereo Virgin e farlo diventare un business? Utilizzando un 747 e una pista, invece di lanciare razzi da una rampa di lancio tradizionale, Branson ha proposto che una rotta verso lo spazio possa essere fatta da qualsiasi aeroporto del mondo. In breve, aveva trovato una soluzione aziendale a un problema di scienza e tecnologia.

Il lancio di maggio ha dimostrato che “il concetto di base e tutte le tecnologie di base” che rendono il razzo di Virgin “diverso da ogni altro razzo” hanno funzionato, afferma Pomerantz, che si è unito a Virgin Orbit nel 2011, quando era solo un’idea sul “retro” di un tovagliolo. ” “Per la prima volta abbiamo avuto una vera fotografia e un video reale dell’accensione e del volo di un razzo”, dice, “Era il problema più difficile durante l’esame che avevamo superato. Ed è stata una bella sensazione. ”

Ben presto seguirono notizie ancora migliori. Un paio di potenziali clienti chiave – la NASA e una manciata di università statunitensi – avevano visto lungo. All’inizio di agosto, Virgin ha annunciato che la CubeSat Initiative della NASA sarebbe diventata uno dei primi clienti a iscriversi a un volo a bordo del prossimo tentativo demo di lancio di Virgin Orbit (nessuna data stabilita), con il secondo tentativo di lancio di Virgin che trasportava 11 piccoli satelliti realizzati da nove università statunitensi in orbita, esattamente come avverrà quando sarà completamente operativo. Con SpaceX e Blue Origin già in lotta per il denaro dei contribuenti statunitensi, ecco che Virgin ha recuperato terreno, dimostrando che c’è ancora spazio per il successo imprenditoriale nella scienza spaziale.

LEGGI ANCHE: “Elon Musk batte Jeff Bezos nella corsa a un contratto con la US Air Force”

Mark Boggett, ceo del Seraphim Space Fund con sede a Londra, un fondo di venture capital focalizzato sullo spazio, afferma che leader aziendali come Branson, Musk e Bezos – “che si muovono un decennio prima di tutti gli altri” – sono arrivati ​​al punto di dare vita a dei “Big bang” nell’innovazione satellitare. La combinazione di lancio a basso costo e la miniaturizzazione dei satelliti significa che c’è una linea di clienti tutti in lizza per essere i primi a utilizzare i satelliti nel loro campo, comprese le aziende che scattano foto per valutare il sentiment del mercato, quelle che creano previsioni meteorologiche estremamente accurate per gli assicuratori o che utilizzano il tracciamento GPS per auto a guida autonoma. Tutte queste attività hanno bisogno di una strada economica e regolare per lo spazio. Mentre Virgin Galactic ha conquistato i titoli dei giornali per aver arruolato celebrità come Leonardo DiCaprio e la pop star Justin Bieber per i voli spaziali, Virgin Orbit esiste per soddisfare le esigenze di una massiccia base di clienti attualmente in attesa di portare i loro progetti nello spazio.

“Il problema più grande con il mercato in questo momento è la limitazione dell’accesso allo spazio a prezzi adeguati”, afferma Boggett. “Quindi questo è un mercato gigantesco …  semplicemente troppo grande per SpaceX [da sola]. Il Santo Graal è che un’azienda come Virgin diventi una sorta di EasyJet per lo spazio ”, che offre accesso allo spazio (per turisti e satelliti) da qualsiasi pista nel mondo. Branson ha ancora molta strada da fare. Colpito dalla pandemia, ha dovuto subire (ma è sopravvissuto) la vendita forzata di oltre 500 milioni di dollari delle sue preziose azioni Virgin Galactic per coprire le perdite delle sue compagnie aeree e delle sue attività di ospitalità. Ha combattuto le accuse sul suo status fiscale di residente delle Isole Vergini britanniche ed è stato costretto a rivolgersi al governo del Regno Unito per chiedere un prestito per salvare la sua compagnia aerea a terra (che non ha ottenuto). Invece Branson ha venduto le azioni Galactic, oltre a ottenere 233 milioni di dollari di finanziamenti garantiti dalla società di investimento Davidson Kempner Capital Management, 587 milioni di dollari di dilazioni dai creditori e raccolto 783 milioni di dollari dagli azionisti esistenti, tra cui Delta Airlines, che possiede il 49% di Virgin Atlantic.

Forbes stima che il patrimonio netto di Branson sia di 4,4 miliardi, tuttavia, con le compagnie aeree di tutto il mondo ancora in difficoltà, non può dire di avere completamente superato la pandemia.

Mentre il maturo impero degli affari di Virgin ha faticato a fare denaro, i suoi maggiori concorrenti nello spazio hanno prosperato. Il patrimonio netto di Elon Musk ha raggiunto i 102,9 miliardi alla fine di agosto, poiché le azioni della sua casa automobilistica elettrica sono aumentate di oltre l’800% nell’ultimo anno, aggiungendo più di 68 miliardi alla sua fortuna. Ad agosto, SpaceX ha raccolto altri 1,9 miliardi di capitale, per una valutazione dichiarata di $ 46 miliardi. Bezos, nel frattempo, rimane la persona più ricca del mondo. Con le azioni di Amazon salite alle stelle di oltre il 70% nell’ultimo anno, il patrimonio netto di Bezos ha superato la soglia dei 200 miliardi di dollari a fine agosto, più di quanto chiunque abbia mai avuto nella storia. Bezos attualmente finanzia Blue Origin attraverso le vendite annuali di azioni Amazon, l’ultima delle quali, a 1,7 miliardi, è arrivata a febbraio di quest’anno.

In quanto tali, i tre si stanno avvicinando alla corsa allo spazio miliardario in modo diverso. “Richard si distingue dal signor Musk e dal signor Bezos in quanto sono entrambi geni tecnici – Richard non lo è”, dice Pomerantz, aggiungendo che Musk e Bezos arrivano a una soluzione cercando di capire come costruire una versione migliore di una soluzione complessa a un problema”  mentre” Richard ci arriva chiedendosi di cosa ha effettivamente bisogno il cliente … e  per quando lo vuole? Questo gli dà la libertà di porre tutti i tipi di domande che non ci poniamo “.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!